Sei nella sezione Mondo -> categoria: Cronaca dal Mondo       
Haiti: MSF raggiunge le aree colpite dall' uragano. Servono acqua pulita e cure mediche

Autore:Redazione Esteri
Data: 12/10/2016 07:28:23
Haiti: MSF raggiunge le aree colpite dall' uragano. Servono acqua pulita e cure mediche

A Jérémie, MSF ha trovato l’ospedale principale danneggiato e senza acqua né elettricità. C’è un numero significativo di sopravvissuti all’uragano con ferite infette e ci sono casi di colera.


Autore:Redazione Esteri
Data: 10/10/2016 08:19:26
Haiti: MSF sta verificando i bisogni medici dopo l'arrivo dell'uragano Matthew

L'accesso alle aree colpite è difficile e la portata e la natura dei bisogni deve ancora essere determinata. Secondo le autorità haitiane si contano centinaia di morti ma il numero è destinato a salire. Il rischio di colera è molto alto nelle zone colpite.


Autore:Elena Cranchi - Redazione Esteri
Data: 10/10/2016 08:12:43
Uragano Matthew: danneggiato il villaggio e la scuola SOS di Haiti

Matthew è la peggior tempesta tropicale che si sia abbattuta su Haiti in decenni. Il rischio è la catastrofe a causa delle condizioni disastrose in cui vive la popolazione a sei anni dal terremoto che fece oltre 200 mila vittime.


Autore:Angela Urso - Redazione Esteri
Data: 07/10/2016 09:37:23
USA, uragano Matthew: 339 vittime ad Haiti e due milioni di americani evacuati

E' la tempesta più violenta registrata negli ultimi dieci anni. Secondo le previsioni, nelle prossime ore dovrebbe abbattersi sulle coste della Florida e poi procedere nelal giornata di sabato 8 ottobre verso la Georgia e il South Carolina.


Autore:Redazione Esteri
Data: 06/10/2016 10:14:11
Aleppo, MSF: Bombardamenti russi e siriani condannano centinaia di feriti a morte certa

Ad Aleppo Est manca anche personale medico specializzato, per esempio c’è bisogno di un neurochirurgo. Non è l’unica figura medica che manca, ma è un esempio di come questa situazione aggiunga sofferenza a persone che stanno morendo mentre potrebbero essere salvate.


Autore:Redazione Esteri
Data: 01/10/2016 10:12:37
Siria: MSF chiede al governo siriano e ai suoi alleati di fermare i bombardamenti su Aleppo

“Le bombe piovono dagli aerei della coalizione guidata dalla Siria e l'intera zona est di Aleppo è diventata una gigantesca trappola mortale. Il governo siriano deve fermare i bombardamenti indiscriminati e la Russia"...


Autore:Redazione Esteri
Data: 29/09/2016 08:07:20
Nigeria: condizioni di vita disastrose fanno piu' morti della violenza

Le condizioni di vita disperate nello stato di Borno mostrano l'impatto devastante del conflitto in corso tra Boko Haram e l'esercito nigeriano. In diverse località, le persone hanno cercato rifugio nelle città o nei campi controllati dai militari


Autore:Redazione Attualita'
Data: 28/09/2016 12:05:09
La morte di Shimon Peres, ex presidente israeliano

Aveva 93 anni, Shimon Peres, ex presidente israeliano. Statista, premio Nobel per la Pace nel 1994, due settimane fa era stato colpito da un ictus, per cui era stato necessario il ricovero in ospedale.


Autore:Elena Cranchi - Redazione Esteri
Data: 22/09/2016 09:06:56
Siria: Aleppo nuovamente sotto attacco

Quattro operatori umanitari sono stati uccisi in un raid nei pressi di Aleppo. Lo riporta l'Osservatorio siriano per i diritti umani, spiegando che gli attacchi hanno colpito la città di Khan Touman


Autore:Redazione Esteri
Data: 21/09/2016 08:36:41
Attacco al convoglio umanitario UN e SARC a ovest di Aleppo

MSF chiede che le grandi potenze internazionali coinvolte in questo conflitto si assumano le proprie responsabilità e intraprendano azioni più concrete per porre fine a tutti gli attacchi contro infrastrutture civili

Elenco Pagine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 | 65 | 66 | 67 | 68 | 69 | 70 | 71 | 72 | 73 | 74 | 75 | 76 | 77 | 78 | 79 | 80 | 81 | 82 | 83 | 84 | 85 | 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
In Evidenza

HUTHI MINACCIANO NUOVI ATTACCHI IMPIANTI RIAD
Da Televideo
In breve
Data:16/09/2019 08:17:02
Gli insorti yemeniti huthi, considerati vicini all'Iran che hanno rivendicato gli attacchi alle installazioni petrolifere saudite sabato scorso, avvertono le compagnie petrolifere straniere e i loro dipendenti di stare lontani dalle raffinerie di Abqaiq e Khurais.

Questi obiettivi,si legge nel comunicato firmato dal generale Yahya Saria, portavoce delle forze huthi, sono ancora nel nostro mirino...possiamo colpire questi e altri obiettivi sauditi quando vogliamo.Così la tv Al Masirah, che trasmette da Beirut.


FOTO USA:ATTACCHI RIAD DA IRAN O IRAQ
Da Televideo
In breve
Data:16/09/2019 08:17:02
Gli impianti petroliferi sauditi potrebbero essere stati colpiti da una combinazione di numerosi droni e missili da crociera:lo hanno riferito dirigenti Usa in un briefing con i giornalisti.

In tal caso il livello dell'obiettivo,la precisione e la sofisticatezza dell'attacco supererebbero la capacità dei ribelli yemeniti huthi.

Lo scrive il New York Times.

E le foto satellitari diffuse dagli Usa dimostrerebbero che i raid sarebbero partiti da Iran o Iraq e non dallo Yemen,come rivendicato dagli huthi.


TRUMP PRONTO REAGIRE ATTACCHI CONTRO RIAD
Da Televideo
In breve
Data:16/09/2019 08:17:02
A A Gli Stati Uniti sono pronti a reagire agli attacchi contro Riad.

Così Trump su Twitter, dopo i raid con droni o missili a 2 maxiraffinerie saudite.

Trump ha anche autorizzato l'uso delle risorse petrolifere strategiche Usa.

Botta e risposta tra Washington e Teheran: gli Usa accusano dei raid l'Iran, che replica: accuse infondate e insensate.

Non molto responsabile dare colpe senza prove definitive e in assenza di indagine conclusiva, ammonisce Pechino augurandosi che Usa e Iran possano esercitare la moderazione e difendere la pace e la stabilita nel Medioriente.


Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/09/2019 09:26:06
Italiani: un popolo di ignoranti che ha permesso il crollo del sistema paese

Non è un caso se nelle nazioni orientali si scenda in piazza già solo per una proposta di legge che, qualora venisse ratificata, porterebbe a un diverso assetto del sistema politico e sociale. Le manifestazioni che, dallo scorso aprile, incendiano le strade di Hong Kong sono una prova concreta di come altrove le cose vadano in maniera diversa rispetto all’Italia. La gente comprende cosa accade e reagisce di conseguenza. Non ci stanno a farsi trattare da pecore perché pecore non sono.


Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 30/08/2019 13:26:08

A molti la svolta salviniana non è andata giù. Alcuni hanno pensato a un’insolazione, beccata magari durante la giornata al Papeete con tanto di cubiste e qualche drink estivo. Insomma, chi pensava di potersene stare in panciolle almeno fino a settembre, si è beccato una sonora fregatura.

GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -