Sei nella sezione Mondo -> categoria: Cronaca dal Mondo       
L’Era dell’

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 21/05/2010 12:55:44
L’Era dell’Per decenni, siamo stati tenuti all’oscuro di molte cose. Nessuno che si degnasse mai di farci sapere ad esempio, le cifre reali del tormentone legato al debito pubblico. Nessuno che ci illuminasse relativamente gli intrallazzi politico economici di molti personaggi politici. Niente notizie su preti pedofili. Nulla su spese provate effettuate con soldi pubblici...Insomma: abbiamo vissuto per molto – troppo? – tempo, con gli occhi e le orecchie ben foderate. Di prosciutto, come si suol dire.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 21/04/2010 16:18:07
Eruzione in Islanda: il vulcano potrebbe salvarci...Stiamo percorrendo una strada ad occhi bendati. Col freno rotto. Con il pedale dell’accelleratore bloccato a tavoletta. Impossibile salvarsi, a meno di tirarsi via la benda e finalmente guardare, sentire, considerare e riconsiderare. E’ un obbligo, un dovere, un diritto. Qualcosa che non possiamo più procastinare. Riconoscere i Segni della Terra, potrà essere un modo per reinterpretare tutto. E magari, per avviare un processo non di ritorno al passato, bensì di nuove visioni e strade percorribili senza dover usare scale, risalite, deviazioni ed ascensori.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 15/04/2010 12:08:47
Al Cittadino non far mai sapere...Frazionare le Masse e vendere false Realtà.Iniziamo col dire che, il concetto di frazionamento delle Masse, nasconde al proprio interno un criterio universale: quanto più una Comunità viene divisa, tanto meno la classe dirigenziale di un Paese avrà da temere eventuali ritorsion dal basso. Eh si, perchè se i cittadini di una qualsiasi Nazione, comprendessero in un attimo quanto sia irreale il concetto di divisione ai vertici, propagandato al solo scopo – appunto – di creare divisione nella Comunità che si dirige, in un solo momento, quella stessa Comunità, saldamenta coesa per una seriie incredibile di uguali criteri, si rivolterebbe contro una Casta che nella realtà dei fatti è molto coesa, a dispetto di qualsiasi convincimento umano.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 31/01/2010 11:02:03
Ricchezza e povertà. La parabola della VitaI poveri sono destinati a crescere di numero. E sono anche destinati a divenire più p overi di qualsiasi peggiore previsione. Fa parte del “gioco”. Un gioco di cui nessuno conosce il nome. Ma le regole si, quelle le conosciamo tutti. Il povero deve tacere. Il povero deve pagare. Al povero non è consentito altro che di arrovellarsi il cervello per mettere insieme il pranzo con la cena. E se non ci riesce, viene ritenuto…inutile socialmente.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 29/01/2010 15:03:20
L’Aquila ed Haiti: due stragi a confrontoHaiti: le organizzazioni internazionali si affollano, mentre i contingenti militari statunitensi tracciano le prime righe di quella che si può presumere sia una azione tesa a colonizzare il paese caraibico fra i più poveri ed incredibilmente fra i più vicini agli Stati Uniti. Abruzzo: calato il silenzio sulle cronache nazionali, qualche flash di agenzia informa ad esempio che è stata prorogata la data per la riattivazione delle richieste fiscali da parte di Equitalia s.p.a. Gli abruzzesi residenti nelle zone distrutte dal terremoto potranno – pensate! – tornare a pagare le cartelle esattoriali a partire dal 30 Giugno 2010.

Autore:Gli sComunicati
Data: 26/01/2010 11:43:46
Campagna nazionale contro la pedofiliaGli sComunicati affronta spesso lo spinoso tema della pedofilia. Le cose da dire sono tante. Serie. Gravi. Non è possibile lasciare al caso o girare la testa dall'altra parte: diverremmo tutti complici di misfatti inenarrabili. Il prossimo 26 Dicembre a livello internazionale si celebrerà l'orrido "Love Boy Day" o Giornata Internazionale dell'orgoglio pedofilo. Fai sentire il tuo dissenso. Firma la petizione.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 24/01/2010 12:25:50
Scandalo internazionale. H1N1: il virus meno pandemico ha fatto guadagnare più denaroH1N1: è l’ultimo scandalo internazionale in ordine di tempo. Da Luglio 2009, quando dagli Stati Uniti trapelò la notizia di un nuovo e terribile virus influenzale scaturito – dicevano – da alcuni allevamenti di suini in Messico ad oggi, l’intreccio è passato dalle campagne terroristiche che prevedevano una pandemia di enorme diffusione, alle diatribe sui vaccini e gli antivirali, alle propagande dei Governi Europei tutte protese all’allarmismo per far si che le popolazioni corressero ad acquistare vaccini, antivirali e persino ettolitri di amuchina per disinfettare mani infette dal terribile virus.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 22/01/2010 10:59:16
Haiti: il dramma del “dopo”.Il terremoto di Haiti ha tante facce. Quelle della popolazione rimasta viva. Quella dei morti: accatastati uno sopra l’altro ai margini delle strade. Quella dei soccorritori, che a dieci giorni dal terremoto, vogliono continuare a scavare, con la speranza di trovare qualche sopravvissuto: è inaccettabile tutto questo odore di morte e terrore e disperazione. Persino a chi è avvezzo a correre per aiutare nei momenti di autentica necessità.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 15/01/2010 17:51:42
Haiti: i morti. Gli sfollati. I soccorsi. Le gaffesIn tutto questo, c’è spazio persino per qualche gaffe memorabile. Qualcuno ha mal visto ad esempio, l’articolo apparso ieri 14 Gennaio 2010 sulla prima pagina de “Il Giornale”. L’autore, Nicola Porro, ha titolato: ““Haiti, catastrofe dell’anticapitalismo”. E nell’articolo scrive: «noi quella miseria ce la siamo lasciata alle spalle e molti secoli fa. Tuttavia noi occidentali abbiamo la presunzione di avere saputo domare la natura per sempre. Il dramma che si sta consumando in queste ore ci ricorda dell’impotenza dell’uomo. Ma nello stesso tempo della sua forza. E’ questa la feroce contraddizione a cui ci riporta il dramma di Haiti»

Autore:Redazione
Data: 18/12/2009 10:20:34
Contro la giornata internazionale dell'orgoglio pedofilo: firma la petizioneGli sComunicati affronta spesso lo spinoso tema della pedofilia. Le cose da dire sono tante. Serie. Gravi. Non è possibile lasciare al caso o girare la testa dall'altra parte: diverremmo tutti complici di misfatti inenarrabili. Il prossimo 26 Dicembre a livello internazionale si celebrerà l'orrido "Love Boy Day" o Giornata Internazionale dell'orgoglio pedofilo. Fai sentire il tuo dissenso. Firma la petizione.
Elenco Pagine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 | 65 | 66 | 67 | 68 | 69 | 70 | 71 | 72 | 73 | 74 | 75 | 76 | 77 | 78 | 79 | 80 | 81 | 82 | 83 | 84 | 85 | 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
In Evidenza

SEA WATCH, STRASBURGO: NO SBARCO IN ITALIA
Da Televideo
In breve
Data:25/06/2019 07:10:23
A L'attesa rispsosta della Corte Europea dei Diritti dell'uomo sulla Sea Watch è arrivata.

La Corte ha deciso di non applicare la misura provvisoria che richiede lo sbarco in Italia dei 42 migranti da 13 giorni sulla nave olandese della Ong tedesca.

La nave è ai confini delle acque territoriali italiane.

La Corte ha deciso di non consentire lo sbarco e conta sulle autorità italiane affinchè continuino a fornire l'assistenza necessaria alla persone a bordo della Sea Watch 3, vulnerabili a causa della età o delle condizioni di salute

SEA WATCH: ENTRIAMO IN ACQUE ITALIANE
Da Televideo
In breve
Data:25/06/2019 07:10:23
Io voglio entrare.

Entro nelle acque italiane e li porto in salvo a Lampedusa.Così Carola Rackete, capitana tedesca di Sea Watch prima della decisione della Corte Europea dei diritti dell'uomo.

Poi non avrò altra scelta che sbarcarli lì,dichiarava su Repubblica. Portarli in Olanda? Bisognerebbe circumnavigare l'Europa.Oltretutto l'Olanda non collabora.

Siamo circondati dall'indifferenza dei governi,ma la vita delle persone viene prima di qualsiasi gioco politico e incriminazione. Non ce la facciamo più, qui siamo come in prigione, aiutateci a sbarcare presto, a mettere i piedi giù da questa barca,diceva poi su Lampedusa solidale

SEA WATCH, SALVINI: LINEA NON CAMBIA
Da Televideo
In breve
Data:25/06/2019 07:10:23
Nel pomeriggio aspettiamo la sentenza della Corte europea diritti dell'uomo sul ricorso della Sea Watch, ma qualunque sarà la decisione di Strasburgo, la nostra linea non cambia.

E' una nave olandese di una ong tedesca, il problema lo risolvano Berlino e Amsterdam.

Lo aveva detto il ministro dell'Interno prima della sentenza.

C'è il Dl Sicurezza bis che prevede per chi viola certe regole il sequestro della nave e una multa fino a 50 mila euro.

Tengono in ostaggio da 13 giorni 42 persone, la loro è una provocazione politica.

Ma la Sea Watch in Italia non ci arriva, possono stare lì fino a Natale, aveva affermato Salvini.


Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.


Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/06/2019 07:25:22
Parità scolastica: in Italia resta un miraggio

Permettere anche ai meno abbienti di formarsi attraverso la formazione privata e riconosciuta dallo Stato, che offre migliori servizi e maggiore qualità, è certamente uno degli elementi fondamentali di una vera democrazia. 

GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -