Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Niger: picco di malnutrizione e malaria in special modo nei bambini sotto i 5 anni

Niger: picco di malnutrizione e malaria in special modo nei bambini sotto i 5 anni
Autore: Redazione Esteri
Data: 10/10/2017 06:53:00

Per far fronte al picco annuale di malnutrizione e malaria in Niger, Medici Senza Frontiere (MSF) ha potenziato le proprie équipe nelle regioni di Zinder, Tahoua e Maradi. Più di 1.430 operatori sono impegnati nelle strutture sanitarie e nei villaggi per prevenire, identificare e trattare le malattie che colpiscono i bambini al di sotto dei 5 anni di età.

 

In Niger, la stagione secca prima del raccolto equivale al periodo in cui i casi di malnutrizione raggiungono il livello più alto, e coincide anche con l’arrivo delle piogge e con l’aumento delle zanzare che trasmettono la malaria. Questa combinazione può essere letale per i bambini se non ricevono per tempo le cure. L’attenzione è posta sulla prevenzione e sulle strategie per trattare i bambini il più velocemente e il più vicino possibile alle loro comunità.

 

Trattare i bambini gravemente malati

 

In Niger, più di 800.000 bambini sono a rischio malnutrizione moderata e grave, secondo le Nazioni Unite (OCHA). Le regioni di Maradi, Zinder e Tahoua sono le più gravemente colpite. Tra giugno e metà settembre, più di 6.400 bambini con malnutrizione moderata e severa, aggravata da complicazioni mediche come l’anemia, sono stati trattati nei centri di nutrimento terapeutico intensivo supportati da MSF.

 

A casa non c’è più miglio e non abbiamo riserve di cibo. Mia figlia più piccola, Binta, ha iniziato a perdere peso e i suoi arti hanno cominciato a gonfiarsi….l’ho portata all’unità pediatrica affinché possa ricevere le cure mediche di cui ha bisogno. Ora sta già meglio”, racconta Hassira, mamma di tre figli.

 

Troppe morti di neonati e bambini in Niger sono ancora legate a malattie facilmente diagnosticabili e trattabili. Per invertire questa tendenza, MSF lavora insieme al Ministero della Salute per attuare un approccio onnicomprensivo e integrato, nelle comunità e negli ospedali, che permetta ai bambini che soffrono delle più comuni malattie infantili di accedere alle cure mediche.

 

Fin dal 2005, MSF collabora con il Ministero della Salute nelle unità pediatriche degli ospedali di Madaoua, Madarounfa e Magaria. L’anno scorso, è stata riaperta anche l’unità pediatrica di Dungass. In totale, ci sono più di 1.200 letti disponibili per soddisfare i bisogni medici dei bambini al di sotto dei 5 anni di età. La maggior parte dei bambini ammessi nelle unità pediatriche di MSF soffre di malnutrizione, combinata con altre patologie come la malaria. I bambini sono visitati per malattie come l’HIV e la tubercolosi (TB), per le quali sono più vulnerabili, e se necessario vengono vaccinati. Anche a chi li accompagna viene effettuato il test per l’HIV e la TB.

 

Nelle regioni di Maradi e Zinder, MSF supporta le autorità sanitarie fornendo una serie di servizi che combinano i trattamenti ambulatoriali per la malnutrizione grave, l’individuazione della malaria e il trattamento di altre malattie infantili, in 19 centri sanitari. I bambini più gravemente malati sono trattati immediatamente e sono portati nei punti di stabilizzazione, prima di essere trasferiti in ospedale se necessario. In 6 centri sanitari nel distretto di Madaoua, MSF è pronta inoltre a supportare le autorità sanitarie in caso di afflusso di pazienti durante il picco.

 

Prevenire è meglio che curare

 

In 44 villaggi a Maradi, gli operatori sanitari locali, formati e supportati da MSF, visitano e trattano i pazienti per i casi di malaria senza complicazioni. Tra giugno e metà settembre, 13.000 bambini sono stati trattati a casa gratuitamente, e 750 sono stati trasferiti in una struttura sanitaria. Le cure mediche sono rese più accessibili perché fornite direttamente all’interno della comunità. 

 

La promozione della salute è anche molto importante. In stretta collaborazione con il personale sanitario e i promotori della salute locali, le équipe vanno di villaggio in villaggio per discutere argomenti come l’allattamento al seno, l’importanza dei vaccini e l’uso di zanzariere trattate con insetticida, così come i rischi delle medicine tradizionali per curare le malattie.

 

Dall’inizio del picco a giugno, più di 108.000 bambini sono stati trattati da MSF nei vari programmi ospedalieri e comunitari nelle regioni di Zinder, Tahoua, e Maradi.


L'articolo ha ricevuto 480 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/07/2018 21:36:52

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/07/2018 06:21:52
Siria: urge accesso umanitario per decine di migliaia di famiglie sfollate  a Quneitra

Save the Children chiede il cessate al fuoco immediato e l’accesso umanitario urgente per i bambini sfollati a causa dei combattimenti di Dera’a nel sudest della Siria. Decine di migliaia di civili sono sfollati a Quneitra al confine con le alture del Golan o nell’area occidentale di Dera’a sotto il sole cocente.    

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 10/07/2018 06:36:25
Mosul: Un anno dopo la battaglia il 70% delle strutture sanitarie è ancora fuori uso

Un anno dopo la fine della battaglia di Mosul tra il gruppo dello Stato Islamico e le forze militari irachene, il sistema sanitario è ancora al collasso e a fatica riesce a far fronte al ritorno in città di migliaia di persone. Lo dichiara Medici Senza Frontiere (MSF).

Leggi l'articolo

Autore: Luca de Rossi - Redazione Esteri
Data: 08/07/2018 19:37:04
Thailandia: in salvo quattro dei 12 ragazzi

Quattro dei ragazzi sono stati portati in salvo. Due di essi intorno alle 14:00 ore italiane, gli altri due nel primo pomeriggio.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 07/07/2018 07:07:13
Thailandia: una lettera dell'allenatore che si scusa coi genitori

Si è voluto scusare coi genitori dei 12 ragazzi thailandesi rimasti intrappolati nella grotta, l'allenatore di calcio 25enne, che ha inviato una lettera attraverso i sub che continuano a fare la spola tra la cava e la terra.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -