Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Bitcoin: valuta del futuro o minaccia per l'ambiente?

Bitcoin: valuta del futuro o minaccia per l'ambiente?
Autore: Alessia Piccioni - Redazione Economia
Data: 11/01/2018 06:42:12

Negli ultimi mesi si è sentito molto parlare di bitcoin, criptovaluta elettronica il cui valore è stato moltiplicato per 14 nel corso del 2017. L’ascesa del fenomeno finanziario e mediatico dei bitcoin ha portato con sé una serie di tematiche discusse tra gli appassionati di finanza e non, e non poche polemiche sul loro utilizzo. Alla base della produzione dei bitcoin c'è il mining, un complesso processo che consente di generare nuove criptovalute e di accrescere il proprio portafoglio virtuale. 


Questa attività di mining, però, implica un'elevata potenza di calcolo che comporta anche un alto dispendio energetico. Per questo motivo in molti hanno puntato il dito contro questa moneta elettronica, accusandola di consumare più elettricità che molti paesi del mondo,  come il Marocco o l’Irlanda, e di avere, quindi, un impatto ambientale poco sostenibile.

Ma quanta energia consumano davvero i bitcoin? Per valutarne l’effettivo dispendio energetico, HYPERLINK Selectra, Gruppo leader in Europa dei comparatori di offerte di energia, ha realizzato uno studio sul costo energetico del mining svolto dalle server farm, delle vere e proprie “fabbriche informatiche” che generano la criptovaluta. 

Per poter generare bitcoin, il server deve avere un’elevatissima capacità di calcolo, caratterizzata dall’hashrate.

L’hashrate misura la potenza di calcolo delle macchine usate per minare bitcoin. Il profitto atteso è direttamente proporzionale all’hashrate: più il calcolatore è potente, maggiore sarà la sua capacità di risolvere i calcoli necessari a creare i blocchi e quindi il profitto. L’analisi di Selectra è basata su quattro dati fondamentali:

l’hashrate totale della rete, misurato in hash per secondo,
la potenza elettrica dell’Antminer S9,
la potenza di calcolo dell’Antminer S9
, il calcolatore più moderno ed efficiente sul mercato,
il numero di transazioni effettuate giornalmente.
Con questi valori è stato possibile stimare il consumo energetico totale della rete ogni anno e il consumo unitario relativo a ciascuna transazione. 

I risultati della ricerca hanno messo in luce che l’utilizzo dei bitcoin in tutto il mondo richiede ogni secondo una potenza elettrica di quasi 1,5 miliardi di Watt, ed un dispendio annualedi ben 13 TWh, corrispondenti alla metà della quantità di energia utilizzata dall’Irlanda, il cui consumo energetico è di circa 26 TWh all'anno, e paragonabile alla somma dei consumi di alcune regioni italiane, come Calabria (circa 5 TWh), Umbria (circa 5 TWh), Basilicata (circa 2,5 TWh)  e Molise (circa 1,5 TWh). Al livello della singola transazione, è emerso che ad ogni transazione in bitcoin corrisponde un consumo di 100 kWh, l’equivalente di quasi 2 settimane di consumo elettrico di una famiglia-tipo italiana.

“La nostra analisi si basa su ipotesi piuttosto ottimistiche, in quanto presupponiamo la creazione di cripto valute partendo dalla strumentazione informatica più efficiente disponibile oggi sul mercato. – Ha dichiarato Antoine Arel, co-fondatore di Selectra Italia. – Alla luce di quanto emerso, viene da chiedersi se, dal punto di vista ambientale ed energetico, il sistema Bitcoin è in grado di sopportare la sua crescita”.

Per consultare lo studio completo e per approfondimenti sul tema, clicca HYPERLINK "https://luce-gas.it/attualita/11985-bitcoin-consumano-davvero-piu-energia-qatar" qui.


L'articolo ha ricevuto 800 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/09/2018 05:23:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Redazione Economia
Data: 04/09/2018 07:06:18
Bitcoin: produrli consuma più di uno stato come l'Ohio

La pratica di produrre i Bitcoin, il cosiddetto 'mining', consuma piu' energia di uno stato come l'Ohio, e la richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, e' in continuo aumento.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 03/09/2018 06:42:01
Istat: continua a calare la fiducia dei consumatori e delle imprese

Ad agosto il clima di fiducia peggiora sia per le famiglie sia per le imprese. E' il commento dell'Istat ai dati sulla fiducia di consumatori ed imprese. 

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 25/08/2018 06:41:30
Intesa San Paolo: ora i clienti fanno il bancomat dal tabaccaio

Prelevare denaro col bancomat è ormai divenuta una cosa normale. Da quando, nel 1967, installato il primo apparecchio bancomat, in una sede dell’Istituto Bancario Barclays di Londra, ecco che fu modificato per sempre il modo in cui i cittadini del mondo possono agevolmente ritirare denaro dal proprio conto corrente.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 28/07/2018 07:11:36
Decreto dignità: ecco gli emendamenti approvati in commissione

Riforma del settore giochi entro sei mesi per combattere illegalità e salvaguardare le entrate erariali. Tessera sanitaria obbligatoria per poter giocare alle slot e alle Vlt

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -