Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
#SonoStatoIo: il nuovo video degli Actual sul caso di Stefano Cucchi e altri casi di violenza

#SonoStatoIo: il nuovo video degli Actual sul caso di Stefano Cucchi e altri casi di violenza
Autore: Emiliano Belmonte - Redazione Attualita'
Data: 11/02/2018 07:30:03

Image

Il 22 ottobre del 2009 Stefano Cucchi muore all’ospedale Sandro Pertini di Roma durante la custodia cautelare. Al momento del decesso Stefano pesa 37 chilogrammi. Aveva solo 32 anni.  

Il 15 ottobre, una settimana prima della morte, il geometra romano viene fermato dai carabinieri per possesso di droga. Perquisito in caserma, si scopre che il giovane è in possesso di 21 grammi di hashish, tre confezioni impacchettate di una dose di cocaina, una pasticca di sostanza inerte, una pasticca di un medicinale.

Quando per Cucchi viene decisa la custodia cautelare non presenta segni di traumi fisici. 

Il 16 ottobre viene processato per direttissima. In quell’occasione si vedono chiari gli ematomi agli occhi e la difficoltà nel camminare. Il giudice, nonostante le condizioni del ragazzo, decide di confermare la custodia cautelare. 

A seguito dell’udienza le condizioni fisiche di Cucchi peggiorano. All’ospedale Fatebenefratelli il referto che viene stilato parla di lesioni ed ecchimosi alle gambe, al viso, all’addome, all’addome. Si richiede il ricovero che, però, non avverrà per il mancato consenso del paziente. 

Il 22 ottobre Stefano muore all’ospedale Sandro Pertini

Ci sono voluti otto anni affinché la procura di Roma accusasse di omicidio preterintenzionale, calunnia e falso i 5 carabinieri imputati: i militari Alessio Di Bernardo, Raffaele D'Alessandro e Francesco Tedesco, accusati di omicidio preterintenzionale, il maresciallo Roberto Mandolini di calunnia e falso, lo stesso Tedesco, insieme con Vincenzo Nicolardi, di calunnia.

L’8 febbraio si terrà la prossima udienza di quella che è la 148esima vittima all’interno delle carceri italiane nel 2009. 

Gli Actual, il duo romano composto da Lorenzo Tiberia e Leonardo Bocci capace di conquistare il web mettendo a confronto usi e costumi della Capitale, hanno voluto rendere omaggio alla storia di Stefano Cucchi con il nuovo video #SonoStatoIo. 

Un racconto toccante, viscerale, emotivo. Ma soprattutto una riflessione amara, lucida e vibrante di quello che è stato e sarà uno dei più celebri casi di cronaca giudiziaria. Insieme a Cucchi sono tanti i nomi di ragazzi morti nelle carceri italiane. Casi come quello di Uva, di Aldovrandi, di Liotta. Casi che non devono in alcun modo essere dimenticati. 


L'articolo ha ricevuto 560 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/09/2018 05:25:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Claudio Martinotti Doria - Redazione Attualita'
Data: 22/09/2018 06:43:53
Al popolo tocca il cibo spazzatura: così vogliono le élite

Gli svizzeri il 23 settembre prossimo voteranno un referendum (costituzionale) di iniziativa popolare denominato “Per la sovranità alimentare”, per derrate alimentari sane, prodotte nel rispetto dell’ambiente e in modo equo, i più colti (ci sono anche in Svizzera) “Iniziativa Fair Food”.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 21/09/2018 06:41:29
Autunno 2018: le 9 destinazioni alternative per girare l’Europa risparmiando

Archiviate ormai le vacanze estive e in attesa del prossimo lungo break natalizio, molti italiani sono alle prese con la pianificazione del prossimo viaggio, meglio se a un budget contenuto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 17/09/2018 07:09:43
Libri scolastici: come risparmiare acquistandoli su Amazon

L’estate sta per finire, l’inizio del mese di Settembre è – per il più giovani – l’inizio di un nuovo ciclo scolastico...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 19/09/2018 06:41:53
BastaUnAttimo: il cantante Antonello Carozza presta la voce al nuovo spot per la sicurezza stradale

“Sono contento che Antonello Carozza, un giovane cantautore italiano di talento, abbia deciso di prestare la sua voce al nuovo spot per la sicurezza della campagna BastaUnAttimo. E’ importante, perché noi ci rivolgiamo principalmente ai giovani”.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -