Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Lavoro: consigli ai giovani professionisti su come chiedere una promozione

Lavoro: consigli ai giovani professionisti su come chiedere una promozione
Autore: Valentina Marando - Redazione Attualita'
Data: 14/04/2018 06:56:29

Spesso quando si ricopre una posizione da un anno o più, ci si sente pronti per nuove sfide e scatta il desiderio di un avanzamento professionale. Ma non sempre si è certi che sia il momento giusto per chiedere una promozione e il dubbio del “Sarà troppo presto?” si insinua. La risposta non è scontata, perché le promozioni dovrebbero essere commisurate alle proprie performance e non al tempo di permanenza in un ruolo. Inoltre, la carriera di ogni professionista si sviluppa in modi e con tempistiche differenti. Gli esperti di Hays Response, la divisione di Hays dedicata ai profili più junior, hanno individuato una serie di domande da porsi per valutare se sia realmente il momento adatto per chiedere una promozione.

Fermati e rifletti: sei veramente pronto?

Prima di tutto, è necessario fare autocritica, valutando se si è realmente pronti. Dopotutto, se si ricopre il proprio ruolo da solo un anno, potrebbero esserci ancora alcuni aspetti che non si padroneggiano perfettamente. È necessario rivedere la descrizione della propria posizione e assicurarsi di essere competenti in ciascuna area. Inoltre, può essere molto utile fare un bilancio dei feedback periodici forniti dal proprio superiore. Come secondo step, bisogna chiedersi se si è mentalmente preparati: adattarsi ad un nuovo ambiente può richiedere fino a sei mesi di tempo, per cui se si è entrati a far parte di un team da un anno o poco più, non è detto che si sia pronti per affrontare ulteriori cambiamenti. Vanno considerate, infatti, non soltanto le responsabilità extra che un ruolo superiore implica, ma anche la nuova routine lavorativa e le persone con cui si dovrà interagire quotidianamente, soprattutto le figure più senior. Se si ritiene di essere in grado di affrontare tutte queste sfide, probabilmente è davvero giunto il momento di chiedere una promozione per sfruttare a pieno tutto il proprio potenziale.

Il tuo capo ti ritiene pronto?

Dopo un anno in azienda, si dovrebbe essere riusciti a costruire un rapporto di fiducia con il proprio capo tale per cui ci si possa sentire a proprio agio nel condividere le proprie ambizioni professionali. Per questo, è opportuno chiedere un incontro al proprio superiore nel quale esprimere chiaramente le proprie aspirazioni, non dimenticando di porsi in modo sia discreto sia professionale per non apparire presuntuoso o già disinteressato al tuo vecchio ruolo. È importante sottolineare quanto ci si è trovati molto bene ricoprendo la propria posizione, ma anche che si è pronti ad affrontare nuove sfide. Se nell’azienda per cui si lavora c’è una chiara politica di progressione di carriera, sarà più facile individuare insieme al proprio capo le eventuali lacune da colmare in termini di skill per essere davvero pronti per la promozione. Quando si punta ad un avanzamento professionale, infatti, è sempre bene procedere per gradi, iniziando da piccoli compiti fuori dalla propria comfort zone che portano ad affrontare sfide sempre più grandi. In questo modo si dimostrerà al proprio capo di essere in grado di gestire incarichi via via più demanding e di essere effettivamente preparati per il salto di carriera.

Sai trasformare le tue ambizioni in azioni concrete?

Prima di chiedere una promozione, è necessario pianificare con attenzione il cambiamento. Innanzitutto bisogna considerare che le proprie giornate diventeranno più faticose man mano che ci si fa carico di compiti più impegnativi. Diventa quindi fondamentale gestire efficacemente il proprio tempo, rispettare deadline precise per ciascuna task e pianificare la to do list giorno per giorno. Inoltre, non bisogna dimenticarsi di mantenere il giusto equilibrio tra lavoro e vita privata anche se si punta alla promozione. Voler raggiungere i propri obiettivi è importante, ma non bisogna lasciarsi sopraffare dal lavoro perché staccare la spina e ricaricare le batterie è fondamentale per qualsiasi professionista, indipendentemente dalla seniority. Uscire in orario dall’ufficio, evitare di controllare le email di lavoro fino a tardi e ritagliarsi il giusto tempo libero la sera e nei weekend restano accorgimenti essenziali anche quando si è in corsa per una promozione. Infine, non bisogna dimenticarsi di registrare tutti i propri progressi. È importante tenere traccia di tutti i traguardi raggiunti, chiedendo feedback al proprio capo sull’andamento delle proprie performance. Avere un mentore, oltre al proprio superiore, può rivelarsi molto utile: una persona più esperta in grado di dare consigli obiettivi sulla propria crescita professionale può veramente fare la differenza.

Sai accettare un “no”?

Una volta decisi a chiedere la promozione, non bisogna perdere la testa in caso di risposta negativa. Anzi, un eventuale “no” deve essere utilizzato come un’opportunità per migliorarsi e capire esattamente per quale motivo non si è avuto successo. Una promozione è basata sul merito e non sul tempo, pertanto anche dopo un solo anno di carriera si può essere pronti per un upgrade professionale. Ciò che conta è essere in grado di combinare le proprie ambizioni a una visione realistica del traguardo da raggiungere.

 


L'articolo ha ricevuto 640 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/11/2018 05:06:37

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Redazione Attualita'
Data: 19/11/2018 06:35:07
DJ Fabo - Cappato: 'Il divieto di suicidio limita la libertà dei malati'

“Non è, di per se’, contrario alla Costituzione il divieto, sanzionato dal codice penale, di aiuto al suicidio. Tuttavia, occorre considerare specifiche situazioni, inimmaginabili all'epoca in cui la norma incriminatrice fu introdotta, ma portate sotto la sua sfera applicativa dagli sviluppi della scienza medica e tecnologia, spesso capaci di strappare alla morte pazienti in condizioni estremamente compromesse, ma non di restituire loro una sufficienza di funzioni vitali". 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 18/11/2018 06:48:47
Diseguaglianza donna-uomo: prende corpo durante l'infanzia

La diseguaglianza dei sessi prende corpo durante l’infanzia, con le ragazze svantaggiate private dei “luoghi di socializzazione amicale e di divertimento” e che non si mescolano coi ragazzi nel corso dei momenti di ricreazione, sostiene l’Unicef-France in un’indagine pubblicata oggi 8 novembre.

Leggi l'articolo

Autore: Arianna Bonfioli - Redazione Attualita'
Data: 16/11/2018 06:06:07
World Toilet Day: sognando uffici e scuole con servizi igienici più puliti e attrezzati

In occasione del 19 Novembre, “Giornata Mondiale della Toilette”, Essity pubblica i dati della ricerca “Hygiene and Health Report 2018-2019” da cui emerge il bisogno di avere toilette pubbliche più pulite, attrezzate e sicure per tutti

Leggi l'articolo

Autore: Giuseppe Lucido - Redazione Attualita'
Data: 13/11/2018 06:36:05
Expo 2020: parte la ricerca di partner e sponsor per l'Italia

Le imprese italiane potranno diventare partner e sponsor del Padiglione dell’Italia a Expo 2020 Dubai: un Innovation Hub, un padiglione non semplicemente espositivo ma dimostrativo e capace di dare forma e visibilità alle eccellenze e competenze italiane 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -