Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Aquarius: braccio di ferro tra Italia e Malta

Aquarius: braccio di ferro tra Italia e Malta
Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 11/06/2018 07:22:54

Le autorità maltesi hanno inviato una lettera al Ministro degli Interni Matteo Salvini, attraverso la quale fanno esplocita richiesta di far approdare alla Valleta la nave Aquarius con a bordo 629 migranti 

La nave non è stata autorizzata ad approdare in Italia.

Sulla vicenda, un fitto botta e risposta tra le autorità italiane e quelle maltesi.

il premier Conte ha dichiarato: "Al premier maltese Joseph Muscat che ho contattato personalmente questa sera ho chiesto chiaramente che si facesse carico almeno del soccorso umanitario delle persone in difficoltà che si trovano sull'Aquarius. Muscat, pur comprendendo la situazione, non ha assicurato però alcun intervento anche in chiave umanitaria. Si conferma l'ennesima indisponibilità di Malta, e dunque dell'Europa, a intervenire e a farsi carico dell'emergenza".

Conte ha proseguito: "E' stato disposto l'invio di due motovedette con medici a bordo pronti a intervenire al fine di garantire la salute di tutti gli occupanti dell'Aquarius che dovessero averne necessità. L'Italia si ritrova ad affrontare in totale solitudine l'emergenza immigrazione. Il problema è stato da me posto anche nel corso del G7 a tutti i partner europei in questi ultimi giorni dove ho anticipato che i flussi migratori devono essere gestiti in maniera condivisa anche per ciò che riguarda tutte le iniziative volte a prevenire le partenza. Il regolamento di Dublino va radicalmente cambiato". 

Salvini mantiene ferme le sue posizioni: "Da oggi anche l'Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell'immigrazione clandestina. Il mio obiettivo è garantire una vita serena a questi ragazzi in Africa e ai nostri figli in Italia". 

Un protavoce del governo di Malta ha replicato: "Il governo di Malta non è né l'autorità che coordina ne ha competenza sul caso della nave Aquarius.

Il premier maltese Joseph Muscat che su Twitter ha scritto: "Siamo preoccupati per la direzione presa dalle autorità italiane sull'Acquarius, che è in alto mare. Vanno manifestamente contro le leggi internazionali e rischiano di creare una situazione pericolose per tutti coloro che sono coinvolti".

Medici Senza Frontiere, la Onlus impegnata nelle operazioni di salvataggio in mare e che a bordo della Acquarius garantisce la presenza di personale sanitrio "teme che ancora una volta la politica degli stati europei sia posta al di sopra delle vite delle persone. La priorità deve essere la sicurezza e il benessere di chi è a bordo".

In questo braccio di ferro, molti dimenticano in ogni caso che su questa nave centinaia di esseri unani non sono messi nella condizione di sapere cosa pensare del proprio futuro e della propria esistenza.

 


L'articolo ha ricevuto 576 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/09/2018 05:38:46

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Fabio Miceli - Redazione Politica
Data: 26/09/2018 06:26:55
Droga; nomina Fontana Pres.NedMed - Ass. Coscioni: 'Passo indietro, vince cultura punizionista'

Secondo il Testo Unico sulle droghe del 1990 la relazione al parlamento, un documento che dovrebbe contribuire a valutare la normativa e le politiche in materia di stupefacenti, deve esser pubblicata entro la fine di giugno.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 25/09/2018 06:35:14
Decreto migrazione, MSF: preoccupazione per le conseguenze sulla vita delle persone

L’organizzazione medico-umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) esprime profonda preoccupazione per le misure presentate oggi nel Decreto sicurezza e immigrazione, e per il drammatico impatto che rischiano di avere sulla vita e la salute di migliaia di persone oggi presenti sul territorio italiano. I

Leggi l'articolo

Autore: Luca de Rossi - Redazione Cronaca
Data: 24/09/2018 07:48:48
'Ndrangheta: arrestati diversi affiliati alla cosca Alvaro di Sinopoli

Vasta operazione dei carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria  che ha portato all'arresto di diversi appartenenti alla cosca Alvaro di Sinopoli. 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 24/09/2018 06:38:02
Rapina in una villa: coniugi malmenati e un orecchio tagliato alla donna

Carlo Martelli, il chirurgo di 69 anni aggredito insieme alla moglie, Niva Bazzan, nella sua villa a Lanciano (Chieti) ha raccontato al TG1 gli attimi, terribili, dell'aggressione

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -