Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Universitari: i consigli per trovare un alloggio fuori sede

Universitari: i consigli per trovare un alloggio fuori sede
Autore: Patrizia Semeraro - Redazione Attualita'
Data: 05/08/2018

 

È questo il periodo migliore per cercare un appartamento o una stanza per l’autunno: 
DoveVivo propone ai Millennial soluzioni veloci, pratiche e chiavi in mano. 
Obiettivo: evitare burocrazia, alloggi scadenti e ricerche affannose dell’ultimo momento
l’incubo di ogni fuorisede
 

 

La maturità è andata, il caldo agostano si fa sentire, ma per le future matricole (e i loro genitori) non è solo tempo di vacanza: è infatti già il momento di pensare alla casa e alla stanza dei propri sogni.

Per chi non vuole accontentarsi e punta ad una sistemazione confortevole è questo il periodo migliore per cercare una sistemazione un alloggio (sinonimo) in vista della ripresa delle lezioni. In questo momento, infatti, sono molti i ragazzi appena laureati che liberano i propri appartamenti e/o posti letto e – con le giuste strategie – è possibile accaparrarsi i posti più ambiti o la casa dei sogni, proprio come descritta in una recente indagine condotta sulla propria rete da DoveVivo, azienda che ha fatto degli affitti per studenti la propria missione.

Accessoriata, vicino all’università, luminosa, in un bel quartiere sicuro e piacevole da vivere. Magari con doppi servizi, un bel letto grande, un balcone, armadio spazioso, servizio di portineria e con l’ormai indispensabile wi-fi: è questa la casa che i fuorisede hanno descritto come ‘ideale’ a DoveVivo. L’azienda, attiva a Milano, Roma, Bologna, Torino e Como, città dove la grande domanda di alloggi e la scarsità di offerte rappresenta un noto problema, propone soluzioni pensate proprio per un target di studenti e giovani lavoratori fuorisede.
 
vantaggi sono molteplici: offre soluzioni pronte all’uso e chiavi in mano e contratti all inclusive e senza pensieri, perfetti per chi è alla sua prima esperienza di vita fuori casa. L’azienda garantisce pieno supporto in ogni aspetto burocratico, a partire dalla registrazione del contratto, è contattabile 24/24 per ogni eventuale difficoltà, ha una sua squadra di tecnici e manutentori, propone sconti e promozioni con servizi convenzionati per poter vivere al meglio la città
 
“Soprattutto quando si è alla prima esperienza fuori da nido famigliare, la casa assume un ruolo veramente importante: sentirsi ‘sicuri’ è fondamentale per concentrarsi sullo studio e vivere un’esperienza piena - commenta Sara Taddei, Marketing & Communication Manager di DoveVivo - Noi offriamo alloggi e stanze, confortevoli, ben arredate e attrezzate, in appartamenti ristrutturati e dotati di molti confort. Tutto è nuovo, quindi raramente si verificano problemi e, quando accade, basta chiamare il nostro servizio di assistenza sempre attivo che in poche ore risolve la difficoltà. Credo che questo sia importante non solo per i ragazzi, ma anche per le famiglie”. 

 

IL DECALOGO DOVEVIVO
 

 
Abitare fuori casa e in condivisione con altri inquilini può essere una scelta o una necessità, ma è sicuramente un’esperienza che lascia un bagaglio di ricordi unici a chi la vive.
Dal primo momento in cui si cerca una casa, è importante focalizzarsi su 10 punti base.
Se vi è equilibrio tra tutti questi elementi, la scelta è fatta!
 
CANONE -  Punto primo: evitare di pagare un affitto troppo alto quando vi sono offerte migliori. E’ importante valutare attentamente l’offerta e trovare un ottimo rapporto qualità-prezzo: gli affitti variano molto a seconda della tipologia della camera (singola o doppia), dell’arredamento (moderno, completo di ogni comfort), dello stato degli spazi (cucina, , bagno, ecc), dalla tipologia di contratto (all-inclusive o no) e soprattutto della zona in cui si trova il condominio (posizione, accesso a mezzi pubblici, servizi vari).
 
CONTRATTO A NORMA
- ll contratto di locazione a norma, quindi regolarmente registrato, include clausole che tutelano l’inquilino su vari fronti: garanzia sul canone e sui tempi  concordati, garanzia sulla restituzione del deposito,  possibilità di far valere le proprie ragioni in caso di contestazioni, ecc. Inoltre, un contratto a norma mette al sicuro da rischi legali e dà la possibilità di richiedere detrazioni e borse di studio con particolari agevolazioni per gli studenti fuorisede.
 
IMPIANTI A NORMA E CERTIFICATI - E’ fondamentale che tutti gli impianti siano a norma, certificati e regolarmente manutenzionati. Ad esempio, è consigliato prendere visione del libretto della caldaia così da verificare la data dell’ultimo controllo. La sicurezza in casa è un diritto di ogni inquilino!
 
CANONE ALL INCLUSIVE - Per non avere sorprese dopo aver firmato il contratto, è importante assicurarsi che il canone sia all inclusive, ovvero comprenda non solo il costo dell’affitto ma anche i costi di gas, luce, acqua e per ultimo, ma non meno importante oggi, l’accesso ad Internet.
 
ARREDI E DOTAZIONI DELLA CASA - Affittare una casa già arredata e dotata dei principali elettrodomestici è la soluzione migliore: forno, frigorifero, lavatrice, ma magari anche lavastoviglie, aspirapolvere, ferro da stiro… Chiedete espressamente al proprietario che rientrino nelle dotazioni della casa (e non siano invece di proprietà dell’inquilino). Qualora non dovessero essere già presenti, è bene accordarsi con il proprietario preventivamente: chi li compra, chi li tiene alla fine del contratto, ecc.
 
COMMODITIES DEL CONDOMINIO - Soprattutto per i soggiorni a lungo termine, avere una serie di commodities nel condominio rende il tutto più semplice: ascensore, parcheggio bici e portineria sono servizi base che bisognerebbe tenere in considerazione durante la ricerca della casa.
 
ZONA SERVITA - Anche se si prende casa in affitto in una grande metropoli, ci sono zone più servite di altre: è fondamentale esplorare il quartiere, capire da quali mezzi pubblici è coperto, verificare che nelle vicinanze ci siano supermercati, negozi, parcheggi, banche, farmacie e servizi vari in base alle proprie esigenze.
 
VICINANZA A UNIVERSITÀ’ O POSTO DI LAVORO - Anche se il quartiere scelto è dotato di tutti i servizi utili, è consigliato considerare sempre la lontananza dalla propria università o posto di lavoro. I mezzi pubblici portano ovunque, ma non sempre i percorsi sono lineari e veloci: meno tempo si trascorre in viaggio, più tempo si può dedicare alle proprie passioni!
 
ZONA SICURA - La sicurezza viene prima di tutto. Ci sono quartieri più tranquilli di altri, ad esempio quelli frequentati anche di sera per i locali o quelli dove vi sono negozi aperti fino a tardi (anche di notte, come alcuni supermercati 24/7). Soprattutto se si è ragazze, è fondamentale abitare in una zona in cui ci si sente sicure anche di sera (per evitare di dover prendere sempre il taxi per tornare a casa).
 
AFFINITA’ CON I COINQUILINI - Vivere in condivisione è un’esperienza formativa e divertente; per non dover affrontare spiacevoli situazioni con i coinquilini, è bene informarsi sulle loro abitudini (orari compresi), che potrebbero non coincidere con le nostre. Si può imparare a convivere con tutti, ma bisogna avere una certa affinità per vivere il più serenamente possibile. E con la giusta capacità di adattarsi e di cogliere le opportunità che nascono dal confronto con gli altri, vivere in condivisione può essere davvero un’esperienza indimenticabile!




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/06/2020 08:58:08

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -