Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Ebola: nuova epidemia nella Repubblica Democratica del Congo

Ebola: nuova epidemia nella Repubblica Democratica del Congo
Autore: Redazione Esteri
Data: 10/08/2018 06:59:46

MSF risponde alla nuova epidemia di Ebola

in Repubblica Democratica del Congo

 


Il 1° agosto è stata dichiarata la decima epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), provincia del Nord Kivu, nella parte nord-orientale del paese. Finora le autorità sanitarie hanno già segnalato 74 casi e 34 decessi.


MSF sta intervenendo nell'ambito del piano di risposta del Ministero della Salute del paese. Durante la prima settimana di intervento, le nostre équipe hanno allestito un'unità di trattamento nella città di Mangina, epicentro dell'epidemia, con 30 posti letto in tende di isolamento. Un'altra unità di isolamento è stata allestita a Beni, una città di 400.000 abitanti a 45 minuti di distanza. MSF sta fornendo anche formazione sulla prevenzione e il controllo dell’infezione ai centri sanitari dell'area circostante, poiché uno degli elementi chiave della risposta è fare in modo che il resto del sistema sanitario rimanga efficiente, per assicurare la continuità delle cure per qualsiasi altro tipo di paziente.


"Ci sono diverse sfide che dobbiamo affrontare", afferma Gwenola Seroux, responsabile dell’emergenza per MSF. "La prima è naturalmente limitare la diffusione dell'epidemia e questo richiede la protezione degli operatori sanitari e delle strutture mediche. La vaccinazione, che il Ministero della Salute sta iniziando a fornire, sarà un'altra parte fondamentale di questa azione".


Altri progetti di MSF nella regione hanno alzato il livello di allerta e messo in atto procedure per salvaguardare le attività in corso dal rischio di contaminazione. Tra essi i programmi di assistenza a pazienti pediatrici e malnutriti e alle vittime di violenza sessuale a Lubero, Bambu-Kiribizi e nell'ospedale di Rutshuru.


Circa 800 contatti dei pazienti Ebola sono già stati identificati dalle autorità sanitarie e vengono seguiti per monitorare qualunque possibile sintomo della malattia.

 

Dal contesto emergeranno ulteriori sfide: la regione dell'epidemia è caratterizzata da violenze continue. "È la prima volta che affrontiamo un’epidemia di Ebola in un'area di conflitto", afferma Gwenola Seroux di MSF. "Questo renderà la risposta più difficile, soprattutto per limitare la diffusione della malattia in aree di difficile accesso, perché la nostra capacità di movimento sarà limitata."


L'area è anche molto vicina al confine con l'Uganda e le autorità di Kampala hanno chiesto ai loro cittadini di tenere alto il livello di allerta. Anche le équipe di MSF sul lato ugandese del confine sono operative e stanno collaborando con le autorità nazionali, nel caso in cui diventi necessario un intervento nel paese confinante.


L’origine dell'epidemia potrebbe risalire a maggio, mentre sembra non esserci alcuna relazione con l'epidemia precedente, che ha colpito la Provincia dell’Equatore ed è stata dichiarata conclusa a luglio.

 

La Repubblica Democratica del Congo è il paese con il più importante intervento medico umanitario al mondo, dove MSF gestisce programmi in ospedali e centri di salute, risposta a epidemie e altre emergenze, assistenza a persone sfollate e in zone di conflitto.


L'articolo ha ricevuto 400 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/03/2019 03:29:47

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Federico Maggioni - Redazione Attualit?
Data: 22/03/2019 06:30:38
Elezioni europee: i governi sono a rischio di attacchi hacker

FireEye, Inc., l’intelligence led security company, ha rilevato attività di spionaggio informatico da parte di due gruppi russi, che hanno come obiettivo i governi europei in vista delle prossime Elezioni Europee. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 20/03/2019 06:00:48
WORLD HAPPINESS DAY - 20 Marzo 2019

Cosa c’è di meglio per la Giornata Mondiale della Felicità del 20 Marzo se non regalarsi una dose di buon umore condividendo la colazione con il proprio partner  o con la famiglia seduti tranquillamente a tavola e concedendosi la giusta dose di felicità...

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Esteri
Data: 18/03/2019 12:38:34
Ultrecht: sparatoria su un tram. Una vittima e diversi feriti. La polizia diffonde una foto segnalet

La polizia di Ultrech ha diramato, tramite il profilo Twitter, la fotografia dell'uomo sospettato di aver sparato: è il 37enne Gokman Tanis, di origini turche. Gli inquirenti non escludono il movente terroristico.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Esteri
Data: 17/03/2019 06:43:10
Africa meridionale: decine di morti e devastazione causati dal ciclone Idai

Il Ciclone Idai ha provocato la morte di almeno 100 persone tra lo Zimbabwe orientale, il Malawi e il Mozambico centrale, Il maggior numero di vittime - 31 persone - si è verificato nello Zimbabwe orientalie. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -