Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Ambiente  
Cambiamenti climatici: secondo la Banca Mondiale serve una tassa sul carbone

Cambiamenti climatici: secondo la Banca Mondiale serve una tassa sul carbone
Autore: Redazione Scientifica
Data: 27/09/2018 06:12:09

La lotta contro il cambiamento climatico passa attraverso una tariffazione dei gas ad effetto serra che vengono emessi, e quindi del carbone.

E’ quanto stimato mercoledì 19 settembre dalla direttrice generale della Banca mondiale a margine di una riunione del G7 sull’ambiente.

“Noi siamo convinti di poter inviare un forte segnale economico lanciando un prezzo fittizio sul carbone”, ha dichiarato all’agenzia France Press (AFP) la bulgara Kristalina Georgieva da Halifax in Canada.

Questo metodo di prezzo fittizio sul carbone permette di misurare il costo sociale dei dossier all’esame della Banca mondiale, prendendo in considerazione “le emissioni di gas ad effetto serra nella valutazione e nella decisione di quelli che sono i progetti primari”, pubblici e privati che essa finanzia, in modo da penalizzare i più inquinanti.

“Conseguenze disastrose”

“C’e’ un consenso tra gli scienziati e gli economisti per sostenere che un prezzo sul carbone sia il miglior metodo di mostrare alle economie che occorre cambiare il comportamento”, ha detto Georgieva, ex-commissario europeo.

Secondo l’Institute for Climate Economics, quarantasei Paesi e ventisei Stati subnazionali avevano stabilito, il 1 aprile 2018, una politica di tariffazione del carbone, con un sistema di tasse o di scambio di quote di emissione. Queste politiche hanno generato 26 miliardi di euro di reddito nel 2017, con dei prezzi che vanno a 1 a 114 euro per la tonnellata. Ma questo è ben lungi dall’essere sufficiente secondo la OCSE.

“Vogliamo assicurarci che l’accordo di Parigi sul clima sia integrato da ognuna delle nostre misure e cerchiamo di agire con tempestività per fissare un prezzo del carbone”, ha insistito la direttrice della Banca Mondiale.

L’appello di Giorgieva arriva dopo una settimana dell’allerta lanciato dal segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Gutieres: il mondo ha due anni per agire contro il cambiamento climatico ed evitare “conseguenze disastrose”


L'articolo ha ricevuto 448 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/01/2019 21:03:30

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Ambiente

Autore: Aude Massiot - Redazione Scientifica
Data: 22/01/2019 06:09:43
Gas effetto serra: le emissioni continuano a crescere

Meno di due anni. E’ il tempo che resta all’umanità per cominciare a ridurre drasticamente le sue emissioni di gas ad effetto serra (GES). 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 13/12/2018 07:31:15
Cambiamenti climatici: il Gran Paradiso si sta sciogliendo

I dati Ispra mostrano chiaramente come i cambiamenti climatici non siano un fenomeno lontano nel tempo e nello spazio: anzi, l’Italia ne è maggiormente colpita rispetto alla media globale.

Leggi l'articolo

Autore: Frank M. Mitloehner - Redazione Scientifica
Data: 13/12/2018 07:14:16
Evitare di mangiare carne non è una soluzione per salvare il pianeta

L'impatto dei cambiamenti climatici sul nostro pianeta è allarmante. Con l'intensificarsi degli effetti nocivi, la carne è diventata un bersaglio. Ogni giorno sempre più persone sostengono che si dovrebbe mangiare meno carne per salvare l'ambiente.

Leggi l'articolo

Autore: Jean Perier - Redazione Scientifica
Data: 11/12/2018 06:02:14
Un altro batterio fuori controllo dagli USA dilaga in Europa

Nei miei articoli precedenti ho trattato le micidiali armi del futuro, quelle che puzzano di morte e distruzione per l’umanità, sviluppate nei laboratori top secret statunitensi.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -