Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Medicina  
Lotta al tabagismo: il divieto di fumare funziona?

Lotta al tabagismo: il divieto di fumare funziona?
Autore: Martin Caparros - Redazione Scientifica
Data: 09/10/2018 06:41:49

È diventato un marchio vintage: poche cose sono vintage come il fumo. Sembrerebbe che l'industria del tabacco, nonostante le restrizioni, sopravviva grazie al fiorente settore delle fiction: da nessuna parte il fumo è così presente come nelle loro immagini. Appena una serie - Mad Men, Narcos, Fariña- vuole rappresentare il XX secolo, ecco che tutti fumano come se il mondo, anni prima, fosse stato un portacenere. E in qualche modo lo era.

Non è facile accettare che la coercizione serva. Vogliamo credere di no: che i divieti producono, al contrario, più desiderio per ciò che è proibito. Eppure, il caso del tabacco non ci aiuta.
Il tabacco è stata la grande vendetta americana. La conquista degli europei ha ucciso molti milioni di persone; gli europei, in cambio, hanno dato loro quella pianta per potersi uccidere. La rappresaglia ha avuto le sue conseguenze: solo a metà del XIX secolo il tabacco, trasformato in una sigaretta, ha cominciato ad imporsi. Fu, prima, preparato a mano, finché un genio dimenticato inventò, nel 1881, la prima macchina per fabbricarlo: l'industria prese il via e il mondo bruciava.

Il consumo esplose: nel 1925 il mondo ha acceso 10 miliardi di sigarette all'anno; oggi fumano 18.000 milioni al giorno. Non esiste un prodotto globale che venda così tante unità e uccida così tante persone. Un domani, quando uno storico ci guarderà da qualche secolo di distanza, si dirà che il XX secolo è stato un'epoca di grandi stragi dove gli uomini hanno creato i mezzi per distruggere il Pianeta e, minacciando di usarli, hanno avvelenato il Pianeta stesso in modo lento, costante e volontariamente.

Fino a quando alcuni se ne sono resi conto. Più di 50 anni fa, le grandi compagnie di tabacco americane sapevano che i loro utenti potevano ribellarsi e hanno deciso di scommettere sui poveri. Nel 1964, il direttore di Liggett & Myers - una delle aziende più importanti - spiegò la sua politica: "Il mercato delle sigarette negli Stati Uniti è quasi saturo. Nel resto del mondo, d'altra parte, si consumano quattro volte meno sigarette, in media, che in America. Quindi dobbiamo espanderci in quel mercato. È un mercato che è desideroso di consumare i prodotti americani: la prova è che tutti i nostri marchi moltiplicano le loro attività all'estero a un ritmo accelerato, nonostante i loro prezzi siano generalmente più alti di quelli dei marchi nazionali".

Ci sono riusciti e, inoltre, sono sopravvissuti qualche decennio in più sulla loro terra. Fino a quando i Paesi ricchi non si sono stufati: le malattie del tabacco costavano troppo. Con la fine del secolo, le campagne hanno iniziato a spiegare i mali del tabacco, le foto disgustose, l'interdizione della pubblicità, l'aumento delle tasse. Ma c'erano, soprattutto, divieti. Sempre più posti prevenivano le persone che fumavano: aerei, prima, e ospedali, poi treni e taxi, poi bar, alberghi, stadi, finalmente anche certi parchi.

Immaginavo che non avrebbe funzionato: che il divieto avrebbe risvegliato il desiderio di provare il proibito, qualche ribellione. Non è stato così - e mi fa male accettarlo. Non fumo, ma sono preoccupato che il divieto funzioni. …. Ogni volta che finisco di cenare in un ristorante - o in una casa - con un gruppo di amici che qualche anno fa avrebbe fatto uso di tabacco, sono sorpreso perché quasi nessuno lo fa. E lo stesso accade negli uffici e nelle redazioni, nelle scuole e nei bar; così tante persone hanno dimenticato qualcosa che, alcuni anni fa, sembrava inevitabile. Ora, grazie a ciò, quelli che si avvelenano sono altri: ora i cinesi e i poveri fumano. Un trionfo della salute, del bene, del prendersi cura di noi stessi.

 


L'articolo ha ricevuto 368 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/12/2018 10:14:01

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Medicina

Autore: Isabella Melchionda - Redazione Scientifica
Data: 21/11/2018 06:20:34
Fibrillazione atriale: ne soffrono due milioni di italiani

La fibrillazione atriale è un’aritmia, un disordine nel ritmo del cuore, che provoca sintomi come mancanza di respiro, stanchezza profonda, senso di vertigine, sensazione di un frullo nel petto, ma altrettanto spesso dà sintomi sfumati o che non vengono affatto percepiti. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 16/11/2018 06:16:23
Abuso di alcol: cresce il numero dei morti

L’alcol è la sostanza che miete più vittime in termini di dipendenza, rispetto a fumo, droghe sintetiche e cocaina: dal 2008 al 2017 in Italia sono stati 435mila i morti per malattie alcol-correlate, incidenti, omicidi e suicidi ad esso dovuti.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 29/10/2018 06:23:09
Cannabis per uso terapeutico: in Piemonte triplicati i pazienti

E' triplicato il numero dei pazienti che utilizzano cannabis a uso terapeutico, quintuplicate le prescrizioni.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 27/10/2018 07:05:51
Microplastiche nella catena alimentare

Nei prossimi 60 secondi, nel mondo sarà acquistato un milione di bottiglie e due milioni di sacchetti di plastica.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -