Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
E' tempo di rivolta contro l'emergenza rifiuti in Campania

E' tempo di rivolta contro l'emergenza rifiuti in Campania
Autore: Raffaele Bruno
Data: 05/01/2008 13:16:57

Al punto in cui siamo arrivati in Campania, con la storia infinita dell'emergenza dei rifiuti, credo che sia giunto il momento che i cittadini passino alle vie di fatto non pagando la tassa sui rifiuti, portando i sacchetti di immondizia accumulati per le strade sotto la Prefettura (che è il Palazzo del Governo), il Comune, la Regione e la Provincia. Dopo la nuova proroga del  commissariamento sull'emergenza rifiuti in Campania, questa volta sdoppiato e con una pletora di subcommissari nominati con metodi clientelari attraverso l'applicazione del manovale Cancelli tra i partiti della  sinistra che governano Napoli e la Campania, possiamo ben dire che la più grande catastrofe della storia repubblicana è oramai conclamata. A dirlo sono anche le strutture periferiche del servizio sanitario nazionale e i massimi rappresentanti del consiglio dell'ordine dei medici che da mesi lanciano allarmi. 

   Siamo in una situazione di disastro totale, con le neoplasie, patologie respiratorie e deformazioni neonatali che, sulla dorsale Napoli – Caserta hanno eguagliato i drammatici livelli raggiunti in Vietnam. In compenso la tassa sui rifiuti in Campania è la più alta d'Italia.  

   Quella che una volta era denominata l "Campania Felix", il Giardino d'Europa è stato trasformato nel più grande immondezzaio del mondo,con migliaia di discariche tossiche e nocive (legali e illegali)  disseminate su tutto il territorio, anche in zone agricole e coltivate. 

   I fondi stanziati, ed andati letteralmente in fumo, dal 1994 ad oggi ammontano a oltre due miliardi di euro e attualmente sono disseminate cinque milioni di ecoballe di spazzatura che, è stato calcolato, un inceneritore impiegherebbe all'incirca quarantacinque anni per smaltire. 

   Il Governo Prodi continua a mantenere  in vita una struttura commissariale sull'emergenza rifiuti che da 14 anni si è dimostrata incapace di affrontare il problema e nomina una nuova pletora di subcommissari, con una smaccata impronta spartitoria e clientelare. 

   E' davvero paradossale il fatto che a Roma non si rendano conto che si sta giocando con il fuoco e che la realtà campana è ormai insostenibile non solo sotto il profilo ambientale ed igienico – sanitario, ma soprattutto sotto quello dell'ordine pubblico. La proroga del commissariamento rappresenta un ulteriore rinvio al superamento della crisi. Si tratta dell'ennesima sconfitta.  

                                                                              Raffaele Bruno




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/10/2019 03:34:20

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Redazione Cronaca
Data: 09/10/2019 13:38:18
Operazione Rouge et Noir: Cassazione conferma sequestro di 215 milioni per Francesco Corallo

La difesa di Corallo aveva chiesto la riduzione dell’importo sequestrato a poco più di 99 milioni, sulla base «dei successivi rientri di somme di denaro dall’estero per far fronte ai pagamenti fiscali e del Preu»

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 06/10/2019 07:43:55
Cosenza: incidente frontale causa la morte di 4 giovani e il ferimento di due persone

Due automobili, una  Volkswagen Polo e una Citreoen C3, si sono scontrate frontalmente nei pressi del chilometro 25+500 della strada statale 107, all'altezza degli svincoli di Paino Montello e Surdo. I quattro ragazzi che sono deceduti si trovavano a bordo della Volksvagen. 

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 04/10/2019 18:27:01
Trieste: conflitto a fuoco davanti alla Questura. Morti due agenti

Da quanto si apprende da testimoni, ad aprire il fuoco sparando due colpi a bruciapelo contro i poliziotti, sarebbe stato un uomo, che è stato ritenuto responsabile di una rapina avvenuta questa mattina

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 30/09/2019 07:47:07
Sanità: ASL Roma1 - Un nuovo progetto per promuovere una vita sana

Realizzata al Santa Maria della Pietà una settimana di formazione degli operatori sanitari dedicata alla promozione della salute, cui farà seguito un cartellone di eventi culturali, sportivi e di educazione sanitaria rivolti alla cittadinanza.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -