Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Lamezia: inferno di pioggia. La testimonianza di chi si è salvato

Lamezia: inferno di pioggia. La testimonianza di chi si è salvato
Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 07/10/2018 08:00:08

Caterina, una professionista di Lamezia Terme, racconta la terribile esperienza vissuta a causa dell'esondazione del torrente avvenuta a San Pietro Lametino, nello stesso territorio in cui la tretenne Stefania Signore ha perso la vita insieme al figlio Cristian di sette anni, travolti dalla piena del torrente, e si sta cercando ancora il figlio di due anni, Nicolò, il cui corpo non è ancora stato trovato: “E’ stata la giornata piu’ brutta della mia vita per me e, soprattutto, per mio nipote di 9 anni, che dormiva sui sedili posteriori della macchina, senza sapere quello che stavamo rischiando”.

“Ho cenato a casa dei miei genitori, poi in serata, poco dopo le 22, sono ripartita per rientrare a casa. Con me e’ venuto anche mio nipote, per trascorrere il fine settimana insieme". Ma durante il viaggio di ritorno: “E’ venuto giu’ il diluvio. Mio nipote era sui sedili superiori – ha raccontato Caterina – quando la pioggia e’ diventata sempre piu’ incessante, costringendomi a fermare la macchina. Non si vedeva assolutamente nulla. Alla fine, sono servite sette ore per raggiungere casa, ma non dimentichero’ mai ogni attimo di quella notte assurda. Per fortuna, il piccolo si e’ addormentato”.

“C’era acqua e fango ovunque e la strada era sempre piu’ piena di detriti. La pioggia era sempre piu’ forte, alimentata anche da un forte vento. Poi – ha aggiunto Caterina – dopo qualche ora, la prima sensazioni di un miglioramento che mi ha spinto a ripartire. E’ durato, pero’, molto poco, ed e’ stato in quel momento che sono passata davanti alla macchina di Stefania Signore. Non so se lei fosse ancora dentro. Non ho fatto caso, perche’ durante il percorso erano diverse le macchine ferme con gli indicatori di direzione accesi per segnalare l’emergenza”.

“Poco piu’ avanti siamo stati costretti a fermarci nuovamente. C’e’ stata anche solidarieta’ tra i pochi automobilisti presenti, ma e’ in quel momento che abbiamo scoperto di essere in una sorta di imbuto. Dietro, infatti, la strada era in condizioni disastrose, ma non potevamo andare avanti perche’ i tergicristalli, azionati al massimo, non riuscivano a spostare la mole di acqua che cadeva sul parabrezza. Sono stati momenti drammatici”.

“Sette ore chiusa in una macchina, con quelle condizioni atmosferiche, sono un’eternita’, ti senti impotente, esposta a tutti i pericoli. Una esperienza che non auguro a nessuno e che non dimentichero’, anche se devo riuscire a superarla”. 

 


L'articolo ha ricevuto 768 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/09/2019 23:42:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 15/09/2019 08:20:24
Ocean Viking: solo 24 migranti su 82 resteranno in Italia

24 profughi degli 82 profughi resteranno in Italia, gli altri andranno in Germania, Francia, Portogallo e Lussemburgo. Il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello ha dichiarato: "Siamo accoglienti ma non stupidi. La Ocean Viking era più vicina a Porto Empedocle".

Leggi l'articolo

Autore: Carlo Dutto - Redazione Cultura
Data: 17/09/2019 07:04:56
Roma: Bar Show - Prima edizione evento internazionale - 22 e 23 Settembre 2019

Masterclass, talk e conferenze, eventi collaterali e un fuori salone dedicati al trade e al pubblico, gli stand delle principali aziende e di quelle più indipendenti del settore, il food pairing e lo street food

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 13/09/2019 07:55:38
Roma: 3 persone morte per incidenti stradali in 4 ore. Grave una bimba

Attenzione massima quando si guida un'autovettura, una moto o uno dei moderni mezzi elettrici a due ruote. E' necessario prestare la massima attenzione

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 12/09/2019 10:03:23
Roma: ragazza trovata morta impiccata e con le mani legate

Dalle prime informazioni rilevate dagli investigatori, si è appreso che la ragazza soffriva di crisi depressive e che in passato aveva tentato il suicidio.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -