Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Indonesia: più di 2.700 scuole distrutte o gravemente danneggiate a causa dello tsunami

Indonesia: più di 2.700 scuole distrutte o gravemente danneggiate a causa dello tsunami
Autore: Redazione Esteri
Data: 11/10/2018 06:16:44

Indonesia: Save the Children, più di 2.700 scuole distrutte o gravemente danneggiate in seguito al disastro di Sulawesi

 

Più di 2.700 scuole sono state distrutte o gravemente danneggiate in seguito al terremoto e allo tsunami che nei giorni scorsi hanno colpito l’isola indonesiana di Sulawesi, rendendo, in concomitanza con la riapertura ufficiale delle scuole, fortemente problematica la ripresa degli studi per migliaia di bambini.

 

Nelle aree colpite, Save the Children, attraverso il suo partner locale Yayasan Sayangi Tunas Cilik (YSTC), sta allestendo centri temporanei per l’apprendimento, per consentire ai bambini di tornare a studiare e ripristinare in loro un senso di normalità in mezzo a tanta devastazione. Il partner locale dell’Organizzazione, in quanto membro del comitato Scuole sicure, sta inoltre offrendo supporto al Ministero della Pubblica Istruzione per coordinare le attività in collaborazione con le altre organizzazioni impegnate nella risposta all’emergenza.

 

"Le scuole sono spazi vitali per i bambini. Non sono solo luoghi dove i bambini apprendono e sviluppano nuove competenze, ma anche dove possono sentirsi al sicuro e supportati nella loro quotidianità. È straziante sapere che centinaia di migliaia di bambini a Sulawesi non possono tornare a scuola perché hanno trovato le loro aule ridotte in macerie”, ha affermato Selina Sumbung, presidente dell’organizzazione partner di Save the Children in Indonesia.


"Quando ho visitato Palu domenica scorsa, ho visto scuole con muri che si erano completamente accartocciati. I bambini vogliono tornare, vogliono imparare, ma trovano tutti i loro libri a terra, le sedie rotte, i tavoli distrutti. In questo momento stiamo offrendo il nostro supporto al governo indonesiano affinché i bambini possano tornare a scuola non appena le condizioni di sicurezza saranno garantite", ha proseguito Sumbung.

 

Il partner locale di Save the Children - l’Organizzazione internazionale che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro - ha fornito a centinaia di famiglie colpite dal disastro aiuti umanitari tra cui kit per l'igiene, acqua pulita, teli di plastica e corde per costruire rifugi temporanei. Distribuzioni giornaliere sono inoltre già programmate per le prossime settimane.

 

L’Organizzazione ha inoltre allestito Spazi a misura di bambino, con l’intento di offrire ai minori un luogo sicuro e protetto, al riparo dal panico delle operazioni di soccorso, e di identificare i bambini che sono rimasti separati dalle loro famiglie.
Save the Children opera in Indonesia dal 1976 con una risposta umanitaria ai molti disastri naturali tra cui il recente terremoto a Lombok e lo tsunami nel giorno di Santo Stefano del 2004

L'articolo ha ricevuto 368 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/12/2018 11:09:33

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Carola De Blasi - Redazione Cronaca
Data: 14/12/2018 17:45:39
Strasburgo: Antonio Megalizzi non ce l'ha fatta. Morto il giovane italiano colpito alla testa

Non ce l'ha fatta: Antonio Megalizzi è morto. Il giovane italiano di 28 anni che era stato gravemente ferito alla testa durante l'attentato avvenuto lo scorso 11 dicembre presso il mercatino di Natale di Strasburgo non ha retto alle terribili conseguenze della ferita.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Esteri
Data: 14/12/2018 07:54:32
Cesare Battisti: ordine di arresto

Il giudice Luis Fux ha in pratica revocato una misura che è a favore di Battisti, e che lui stesso aveva concesso nell'Ottobre dell'anno scorso.

Leggi l'articolo

Autore: Gian Micalessin - Redazione Esteri
Data: 29/11/2018 06:20:43
Siria: i ribelli colpiscono con i missili al cloro i civili di Aleppo

Stavolta nessuno indagherà, nessuno condannerà e nessuno, tantomeno, bombarderà. A differenza di quelli messi a segno a Ghouta nel 2013, a Khan Shaykun nel 2017 o a Douma nell'aprile 2018 l'attacco chimico lanciato sabato notte nella zona di al-Khalidiya, un quartiere sul versante occidentale di Aleppo, non indigna, né scandalizza nessuno.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 21/11/2018 06:02:55
Ebola: MSF apre un centro nella peggiore epidemia nella storia del Congo

Dopo un picco di nuovi casi confermati nell’area di Beni, dove non si ferma la peggiore epidemia di Ebola nella storia della Repubblica Democratica del Congo (RDC), MSF rafforza la propria azione per contenere il contagio aprendo un nuovo centro di transito per casi sospetti.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -