Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Teatro Off Off - 'Roma Caput Mundi' - Recensione

Teatro Off Off - 'Roma Caput Mundi' - Recensione
Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/10/2018

Apre la sua seconda stagione con lo spettacolo Roma Caput Mundi, il teatro di Via Giulia diretto da Silvano Spada. Fuori dagli schemi e attento ai nuovi richiami teatrali, il programma propone questo spettacolo interpretato da tre giovani attori, in scena fino al 21 ottobre, Fabio Vasco, Valerio di Benedetto e Riccardo Pieretti diretti dal giovane Giovanni Franci.

Vorrebbero raccontare una Roma disfatta, una città persa nei fumi di droga, alcool, violenza e intolleranza. Lo fanno con una vicenda di brutalità che si accavalla ad una facile psicologia basata sul recondito stigma freudiano delle colpe dei padri che ricadono sui figli. Atmosfera lugubre, spoglia, senza scenografia se non due panche che vengono a tratti spostate per creare un effetto scenico di dubbia efficacia.

Due ragazzi ad un certo punto si spogliano, rimangono in mutande, poi mentre ridondano nel loro machismo perfetto, quasi si adagiano in un afflato di affettuosità latente, smorzata dal sonnifero e dal soffocamento spirituale. Tra sensi di colpa e sospette pene, chiusi in cliniche di indefinita entità, i tre parlano e raccontano le loro vicende, fin troppo intricate, per giungere a  madri e padri crocifissi che diventano capro espiatorio di tutti i mali del mondo.

Geniale il finale del padre che dice al figlio: sei inutile come la parola “davvero”, forse l’unico momento veramente teatrale, tolto qualche esperimento in cui uno degli attori corre tra il pubblico urlando di gioia, pippato nero, per aver lanciato una molotov contro un mucchio di migranti stipati in una palazzina di un ente pubblico.

Arancia meccanica ne aveva raccontate di migliori e più avventurose, gli occhi strabuzzati e spiritati degli ultimi frame basterebbero per sommergere di oblio questa piece immatura e pretenziosa. Luoghi comuni e pavidi accenni di attualità: violenza, droga, psicanalisi, disagio, omofobia, misoginia, disprezzo per il più debole, diventano ritratti sbiaditi e fragili cornici di un mondo ben più maledettamente splendido nella sua malinconica discesa agli inferi.

Immaginifico il finale con la distruzione indegna dello studio paterno, la pisciata e la defecazione sugli appunti appannano tutto il tentativo precedente di catturare plauso e apprezzamento. E si arriva al sodo, il ragazzo colpevole di parricidio non finisce in carcere ma riprende brillantemente i suoi studi in scienze politiche grazie alla complicità di una madre evanescente di colpo rinsavita. Sarebbe bastato un “e vissero felici e contenti” per far rivoltare nella tomba perfino Cenerentola. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/12/2021 23:24:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 17/01/2020
Recensione: Tango del calcio di rigore - con Neri Marcorè - al Brancaccio fino al 19 Gennaio

Ritmo, passaggi rapidi e dribbling dei cocenti e pesanti temi condivisi, senza commettere falli di gioco troppo evidenti che facciano sussultare gli spettatori dell’arena Brancaccio.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 14/01/2020
Recensione: Tosca e altre due - Teatro Belli

E’ di genio prendere a pretesto una narrazione arcinota, Tosca, per costruirne una parallela che conduce su un binario parallelo ad un’altra dimensione umana. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/12/2019
Recensione: un insolito Natale al Teatro Vascello

Uno spettacolo per bambini e adulti, in scena dal 21 dicembre al 6 gennaio per accompagnare in allegria le festività natalizie. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato - Ettore Mazzanti
Data: 20/12/2019
Recensione: Ismael, in viaggio dalla Siria - Off Off Theatre

Si annusano situazioni, si cercano elementi che accomunano, che ci rendono uguali a prescindere dal luogo di nascita. Il mare è blu dappertutto. Le parole hanno il medesimo senso.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -