Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Italia sempre più anziana: rivalutiamo gli anziani...

Italia sempre più anziana: rivalutiamo gli anziani...
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 24/10/2018 06:15:56

Si continua a parlare di calo delle nascite e del fatto che l’Italia sia la seconda nazione al mondo, dopo il Giappone, per il più alto indice di persone anziane.

Molti si preoccupano di voler risolvere in qualche modo la situazione, promettendo misure a sostegno della natalità. Altri sparano castronerie su un eventuale, quanto necessario, ricambio della popolazione attraverso l’importazione di altre etnie, che dovrebbero – a parer loro – rimettere a posto la situazione, senza però meditare sul fatto che, in tal modo, non potremmo più parlare di popolo italiano, bensì di un qualcosa di trasformato in popolazione multietnica e multirazziale. Soluzione non percorribile.

Eppure, a ben guardare, il calo della popolazione non dovrebbe poi esser preso come criterio negativo. Siamo troppi, lo sappiamo, e lo spazio vitale per ognuno cala clamorosamente di giorno in giorno in giorno. Perché a ogni costo si desidera riempirlo di altra umanità? Oltretutto, considerando come le istituzioni non sostengono affatto le famiglie con figli, va da se che chi sostiene la crescita demografica spari slogan senza costrutto.

Semmai, si dovrebbe pensare a come migliorare la vita degli anziani, che ormai raggiungono età rispettabili, dal momento che l’aspettativa di vita cresce ed è anche per questo che il numero di chi supera i 70 anni è in crescita costante.

Guardiamo ad esempio cosa accade in Giappone. Innanzitutto vanno in pensione a 65 anni, ma se si scocciano di restarsene a casa a girarsi i pollici, possono decidere di continuare a lavorare. Cominciamo a prendere esempio da loro. A 65 anni, oggi come oggi, non si è vecchi, semmai in là con gli anni, che fa un effetto diverso.

A parte questo, contrariamente a quanto accade da noi, gli ultrasessantacinquenni giapponesi, godono del rispetto dell’intera società: l’esperienza paga da quelle parti, al punto che – a livello governativo – in considerazione del fatto che il trend di anzianità è in crescita, invece di relegare gli anziani nell’angolo più remoto della società nipponica, si pensa a come reintrodurceli, varando misure che, concretamente, mettono questo 40% di popolazione – è la percentuale degli anziani sul totale del popolo nipponico – nella condizione di restare attivi e produttivi per la società.

Da quelle parti, la gente non ama cascare a ridosso delle istituzioni o delle famiglie: amano restare attivi e indipendenti, criterio che da noi dovrebbe essere insegnata fin dalle scuole elementari. Oltretutto, restando attivi, gli anziani sconfiggono molti dei malanni legati non tanto all’età che avanza quanto alla sedentarietà.

Prendiamo quindi spunto dai giapponesi: invece di sostenere la natalità,  per poi abbandonare a se stesse le famiglie, che si varino misure a sostegno della riattivazione degli ultrasessantacinquenni. Il patrimonio culturale, di conoscenza lavorativa e professionale, la maggiore capacità di comprensione dovuta all’esperienza, non possono essere gettate nel secchio della spazzatura, ma utilizzate per il bene di tutti, a cominciare da quello degli anziani, che non sentendosi più come una scarpa vecchia, inutile e imbarazzante, potranno solo migliorare la condizione di tutti, con un notevole risparmio anche per ciò che riguarda la sanità, le politiche sociali per gli anziani e anche quelle per la famiglia.

Auspichiamo che chi di dovere prenda nota.

Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 7728 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/08/2019 03:13:01

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/08/2019 13:52:56
Crisi di governo: si poteva evitare scegliendo altre strategie

Salvini in questi mesi ha concentrato le sue energie verso la chiusura dei porti, per dimostrare a una fetta di elettorato che si poteva fare, ma ha dovuto incassare gli sbarchi metodici dei migranti dalle navi delle ONG che, puntualmente, li hanno trasferiti sulle nostre coste. Il Ministro degli Interni ha fatto un errore madornale: avrebbe dovuto puntare tutto sulla spiegazione del perché i migranti arrivino tutti sulle nostre coste, invece di abbracciare la missione – impossibile - di sbarrare loro l’accesso.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/08/2019 08:34:51
La vita non è correre sul tapis roulant

Nadia Toffa è volata via a 40 anni. La sua dipartita apre una riflessione che travalica ogni discussione filosofica sulla vita e la morte, perché consente di riflettere sugli umani del terzo millennio, e su una parte di essi, che hanno assimilato una convinzione contorta su ciò che siamo e su come interagiamo tra noi, attraverso gli strumenti tecnologici che fan sentire moderni e civilizzati anche gli individui che, nel percorso dell’evoluzione della specie, son rimasti parecchio indietro.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/08/2019 12:06:52
Lezione di Educazione Civica: l'importanza dell'eloquio

Ora leggete quanto segue: "Hai rotto i coglioni, tu e i tuoi seguaci. Qua si fa come dico io e basta. E chi se ne frega della vostra proposta. Non ho alcuna intenzione di ritornare sui miei passi. Fattene una ragione. Chiusa qui".

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/08/2019 09:34:54
Italiani in un mare di merda

Dalle acque apparentemente cristalline della Sardegna alle coste calabre, passando per il litorale ligure, gli italiani, ogni estate, si immergono in un mare di merda. A poco servono i divieti di balneazione. Si resta basiti di fronte al comportamento dei residenti di città marine, che – senza rendersi conto della situazione reale – continuano, come niente fosse, a entrare in acque che al solo pensiero viene la pelle d’oca.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -