Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Medicina  
Microplastiche nella catena alimentare

Microplastiche nella catena alimentare
Autore: Redazione Scientifica
Data: 27/10/2018 07:05:51

Nei prossimi 60 secondi, nel mondo sarà acquistato un milione di bottiglie e due milioni di sacchetti di plastica. E anche se la maggior parte di questi oggetti impiegherà più di 1.000 anni a degradarsi nell'ambiente, in parte si disperderanno molto prima in minuscoli frammenti, noti come microplastiche, ormai presenti negli oceani, nei pesci, nell'acqua di rubinetto e persino nel sale da cucina.

Ora - riporta il 'New York Times' - possiamo aggiungere un altro luogo alla lista dei posti dove queste sostanze si depositano: l'intestino umano. A dimostrarlo è un piccolo studio pilota, attraverso cui i ricercatori hanno cercato microplastiche nei campioni di feci di 8 persone provenienti da Finlandia, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Polonia, Russia, Regno Unito e Austria. Con loro sorpresa, ogni singolo campione è risultato positivo alla presenza di una varietà di microplastiche.

"Questo è il primo studio nel suo genere", afferma Philipp Schwabl, gastroenterologo della Medical University di Vienna e autore principale dello studio. E "i risultati sono stati sorprendenti". Da questi primi dati non si possono prevedere le implicazioni sulla salute e per questo gli esperti sperano di completare uno studio più ampio.

Le microplastiche - categoria in cui rientrano i pezzi di plastica di lunghezza inferiore a 0,02 pollici, grosso modo le dimensioni di un chicco di riso - sono diventate una delle principali preoccupazioni per i ricercatori ambientali negli ultimi 10 anni. La maggior parte si forma come risultato non intenzionale della rottura di parti in plastica più grandi. Diversi studi hanno riscontrato livelli elevati di questi composti nel mare e l'anno scorso sono state rilevate microplastiche nell'83% dei campioni di acqua di rubinetto in tutto il mondo. Il più alto tasso di contaminazione apparteneva agli Stati Uniti, dove il 94% dei campioni è risultato positivo.

I ricercatori hanno a lungo sospettato che le microplastiche potessero ormai trovarsi anche nell'intestino umano. E un precedente studio ha stimato che le persone che mangiano regolarmente crostacei possono arrivare a consumare fino a 11.000 pezzi di plastica all'anno. Il nuovo lavoro, che è stato presentato lunedì a una conferenza di gastroenterologia in Austria, potrebbe fornire supporto ai biologi marini che da tempo lanciano allerte sui pericoli legati alle microplastiche nei nostri oceani.

Ma il documento suggerisce che le microplastiche stanno entrando nel nostro corpo anche attraverso altri mezzi: due degli otto partecipanti hanno infatti affermato di non consumare pesce. Per lo studio, gli esperti hanno tenuto diari alimentari per una settimana e fornito campioni di feci. I medici li hanno analizzati con uno spettrometro. Sono stati rilevati fino a 9 diversi tipi di plastica, con dimensioni comprese tra 0,002 e 0,02 pollici. Le plastiche più comuni rilevate sono risultate polipropilene e tereftalato di polietilene, entrambi componenti principali di bottiglie e tappi di plastica.

"La maggior parte dei partecipanti ha bevuto liquidi da bottiglie di plastica. Ed è anche altamente probabile che il cibo venga contaminato dalla plastica durante le varie fasi di lavorazione o di confezionamento", dice Schwabl. Insomma, anche se la concentrazione di contaminanti - 20 particelle microplastiche per 10 grammi di feci - è risultata relativamente bassa, gli esperti assicurano che la situazione è degna di essere approfondita. 


L'articolo ha ricevuto 464 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/03/2019 19:49:05

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Medicina

Autore: Redazione Scientifica
Data: 22/03/2019 06:41:14
Abuso di alcol e droghe mettono a rischio la salute mentale dei giovani

Abuso di alcol e droghe, stress da social network, ma anche un uso di internet distorto. Sono questi alcuni dei fattori che si stanno innestando nell'insorgenza di patologie psichiatriche sempre piu' diffuse tra i giovanissimi e non solo.

Leggi l'articolo

Autore: Roberta Mochi - Redazione Medicina
Data: 13/03/2019 06:39:14
'La ASL che vorrei' - iniziativa della ASL Roma1 per nuove proposte da cittadini e operatori

Due ambiti distinti ma uniti da un unico sfidante obiettivo: quello di raccogliere idee e proposte per costruire un’azienda sempre più vicina alle persone e in un contesto di lavoro piacevole.

Leggi l'articolo

Autore: Salvatore Galeone - Redazione Scientifica
Data: 06/03/2019 06:07:59
Metabolismo: i benefici dell'acqua

Ci sono alcune buone abitudini che favoriscono il metabolismoSecondo un recente studio l’assunzione di acqua fredda favorirebbe il metabolismo

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 27/02/2019 06:15:32
Alimentazione: allarme pesticidi nei cibi

I campioni di frutta e verdura che non rispettano i limiti imposti dalla legge sono in numero decisamente ridotto (1,3% del totale) ma il grosso problema è dato da quegli alimenti che, pur in regola con la legislazione europea, presentano tracce del cd. multiresiduo.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -