Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Iraq: MSF riabilita uno dei due ospedali distrutti nel distretto di Sinjar

Iraq: MSF riabilita uno dei due ospedali distrutti nel distretto di Sinjar
Autore: Redazione Esteri
Data: 15/11/2018

Medici Senza Frontiere (MSF) ha avviato le proprie attività nell’ospedale generale di Sinuni, la città più popolata del distretto di Sinjar, in Iraq, per rispondere all’urgente bisogno di servizi medici di secondo livello per migliaia di persone fuggite dai combattimenti che ora stanno rientrando nell’area. Il progetto, in collaborazione con il Direttorato della Salute iracheno, fornisce in particolare servizi di maternità, pediatria e pronto soccorso, che a causa della devastazione nell’area erano ormai praticamente assenti.

 

Per chi vive nel distretto di Sinjar, accedere a cure mediche di qualità è stato incredibilmente difficile da quando la regione è passata sotto il controllo del gruppo dello Stato Islamico, nel 2014, e ha poi subito l’offensiva militare per la riconquista. L’ospedale di Sinuni è l’unico attualmente funzionante in tutto il distretto, dopo che quello di Sinjar è stato distrutto nei combattimenti.

 

È qui che lavora anche Murad, traduttore medico per MSF all’ospedale, che nel tempo libero diventa clown per i piccoli pazienti ricoverati (video): “Il mio obiettivo è far ridere almeno tre bambini al giorno. Facendo il calcolo, in un mese potrebbero essere 60, in due mesi 120. Se lo facessi per un anno, avrei fatto sorridere moltissime persone. Cerco di aiutarli con le mie semplici cose.”

 

MSF supporta l’Ospedale generale di Sinuni da luglio 2018, quando ha riabilitato il servizio di pronto soccorso, che include l’unica maternità dotata di sala operatoria in tutta l’area e un servizio di ambulanza che supporta il 90 per cento dei trasferimenti di pazienti da Sinjar alle strutture di altre regioni. Entro fine anno, MSF inizierà a offrire servizi di salute mentale, per la grande richiesta di consulenze psicologiche e trattamenti psichiatrici e farmacologici per disturbi mentali post-traumatici.

 

“L’accesso alle cure a Sinjar è stato seriamente compromesso da gravi danni alle strutture mediche, dallo sfollamento del personale medico e dalla costante insicurezza” spiega Priscillah Gitahi, responsabile medico di MSF a Sinuni. “Ma da quando abbiamo riaperto la maternità, il numero di pazienti sta aumentando e oggi assistiamo una media di 25 parti a settimana.”

 

Dalla fine dell’offensiva militare, nel novembre 2015, le persone stanno rientrando a casa lentamente, perché case e infrastrutture sono distrutte e l’accesso alle cure e alla scuola è molto limitato. Oggi nel distretto vivono quasi 100.000 persone – principalmente membri delle comunità di Yazidi – ma prima della crisi vi abitava una popolazione multi-etnica di 400.000 persone.

 

MSF lavora in Iraq dal 1991, con uno staff che conta oltre 1,500 operatori umanitari. MSF offre cure mediche primarie e secondarie, tra cui assistenza pre e neonatale, trattamenti per le malattie croniche, chirurgia e riabilitazione per feriti di guerra, servizi per la salute mentale e attività di educazione alla salute. Attualmente lavoriamo nei governatorati di Erbil, Diyala, Ninewa, Kirkuk, Anbar e a Baghdad.

 

Per sostenere le attività mediche nei contesti di guerra, MSF ha lanciato la campagna di raccolta fondi “Cure nel cuore dei conflitti”: fino al 30 novembre si possono donare 2 euro con SMS da rete mobile, 5 o 10 euro con chiamata da rete fissa al numero 45598 oppure online sul sito www.msf.it/conflitti. Tutti i dettagli sul sito dell’iniziativa.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/09/2022 22:06:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -