Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Nave Aquarius: le intercettazioni non confermano il dolo da parte di Medici Senza Frontiere

Nave Aquarius: le intercettazioni non confermano il dolo da parte di Medici Senza Frontiere
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 21/11/2018 17:07:02

Torna sotto attacco la Onlus Medici senza Frontiere, che da qualche anno affronta operazioni di salvataggio in mare traendo in salvo migliaia di migranti.

La nave Aquarius, utilizzata per queste operazioni, è già stata oggetto di polemiche, scontri politici e un’inchiesta avviata lo scorso anno – e finita con un nulla di fatto – per presunta collusione con gli scafisti.

Ora, la nuova presunta accusa: si pensa che dalla nave Aquarius, i rifiuti venissero smaltiti senza operare lo smaltimento differenziato tra rifiuti normali e rifiuti speciali, rappresentati – per esempio – da materiale sanitario utilizzato a bordo per curare i migranti, o degli abiti dei migranti, materiali che devono seguire una procedura di smaltimento ben precisa, e la cui azienda appaltante è la Gespi di Augusta.

Si tratta di accuse presunte, ovviamente, nulla di confermato. Le indagini sono state appena avviate. Ma oggi basta un niente per scatenare le sentenze civili di condanna, attraverso ciò che la gente che abita in pianta stabile sui social network diffonde pur non avendo elementi validi per sentenziare.

A poche ore dalle prime notizie diffuse dai media, attraverso telegiornali e quotidiani nazionali, ecco il popolo del web accusare e condannare, senza se e senza ma, Medici Senza Frontiere. Ridicoli certi commenti sulla pagina ufficiale della ONG: alcuni urlano cose del tipo “Ora sversate anche rifiuti tossici in mare”! senza aver capito un fico secco di cosa si stia parlando.

Andiamo per ordine. Le intercettazioni telefoniche che molti utenti dei social sbandierano come “prova certa di colpevolezza” non sono affatto una conferma, ma – se lette o ascoltate – dandogli un senso, risuonano non tanto come un reato commesso dalla ONG quanto come un sistema di corruzione che alberga altrove, e viene quasi imposto all’organizzazione internazionale come metodo, una sorta di convenzione, di patto, tra chi opera nel porto e chi attracca col suo carico di problematiche umane di ogni sorta.

Ecco uno stralcio delle intercettazioni: «Per i vestiti l’abbiamo già fatto altre volte. Li classifichiamo come rifiuti speciali, come fossero stracci della sala macchine». È il 12 dicembre 2017, l’agente marittimo Francesco Gianino parla con uno dei responsabili di Medici senza Frontiere – Vincent Colin - e gli spiega il metodo che utilizzano, svelando - questa è l’accusa - lo smaltimento illecito dei rifiuti proveniente dalla nave. Scrive il giudice: «Gianino rimproverava Vincent Colin per aver contattato direttamente la Gespi di Augusta aggiudicataria del servizio di raccolta rifiuti presso il porto. Da questa conversazione emerge la consapevolezza da parte di Giannino della natura pericolosa dei rifiuti. Risulta inoltre che tale sistema è nato da circa tre anni».

Già a una prima lettura si comprende molto chiaramente come il responsabile della nave Aquarius abbia posto in essere il comportamento corretto, contattare la Gespi per lo smaltimento dei rifiuti, e il comportamento scorretto da parte dell’agente portuale Gianino.

Se Medici Senza Frontiere avesse davvero messo in essere un piano strategico per smaltire illegalmente i rifiuti speciali, pensate davvero che i responsabili della nave Aquarius, tutti, non ne fossero a conoscenza e avrebbero contattato invece l’azienda appaltante?

No, ovviamente no. A parte questo, in un periodo storico come quello in cui stiamo vivendo in Italia, con un sistema di governo che chiude i porti, va contro le normative nazionali e internazionali per ciò che riguarda i salvataggi in mare e i diritti umani, non ci vuole tanto a pensar male, che si farà pure peccato, però…

Prima di scaraventarsi contro Medici Senza Frontiere, direi che sarebbe molto più saggio attendere l’esito delle indagini, e semmai tirare le somme.

È evidente come il governo in carica, in special modo per ciò che riguarda l’alleata Lega, sia fortemente in contrasto con chiunque operi nel settore dei diritti umani e dei salvataggi in mare. È quindi evidente ancor di più, che in una tale situazione di totale chiusura nei confronti di migranti e salvataggi, sia necessario andare con cautela, fosse solo per non far pagare – ancora una volta –gli errori dei politici a persone cui viene imposto di avventurarsi in mare verso le nostre coste, e oggi questo metodo non è più un mistero: lo ha ben chiarito ultimamente Emma Bonino, e ancor più recentemente Valeria Fedeli, ex Ministro dell’Istruzione, che hanno dichiarato come, in special modo il governo Renzi, abbia letteralmente trattato con la UE l’approdo di tutti i migranti verso l’Italia, in cambio di un occhio chiuso sul pareggio di bilancio, per esempio.

La cosa che fa male, sapendo come sono andate le cose negli ultimi anni, è che invece che inveire contro chi ha stretto questi accordi – i precedenti governi – Salvini continui ad attaccare ancora esclusivamente i migranti, utilizzando frasi che aizzano sempre di più una parte di popolazione, come “La pacchia è finita” riferita a questa gente, che viene ormai sballottata a destra e manca, trattata peggio di immondizia da smaltire illecitamente.

Propongo, una volta di più, una grande moderazione in special modo in questo periodo di toni troppo accesi. La ragione non urla, mai. Si rifletta quindi, prima di condannare chi ancora non ha ricevuto condanne dal sistema giudiziario. Ce lo chiede la coerenza, ormai in disuso da troppo tempo.

Questa popolazione, o meglio una parte di essa, condanna immediatamente chi viene indicato loro da un sistema politico ormai troppo avvezzo a comandare. Poi, però, la stessa parte di popolazione, "dimentica" condanne realmente comminate a politici che, ancor oggi, dettano legge nel sistema politico nazionale. Come belve in cerca di prede, queste persone mordono i migranti, elementi troppi fragili per non esser gettati nel fuoco della rabbia popolare da chi ha perso del tutto il senso della politica.

Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina  

 


L'articolo ha ricevuto 1216 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 11/12/2018 13:55:36

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/12/2018 06:33:27
Abuso di pornografia: una  dipendenza che distorce la realtà nei rapporti di coppia

La diffusione della pornografia, causata negli ultimi anni dal proliferare di siti pornografici, ha realizzato una vera modificazione per quanto riguarda le convinzioni di molti signori uomini. In pratica, la visione metodica di filmati ad alto contenuto pornografico, sta deviando le necessità e le aspettative maschili nei confronti dei rapporti sessuali col gentil sesso.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 20/11/2018 06:07:18
Canone di locazione: come abbassarlo

L’Italia è una nazione popolata da proprietari di appartamento. L’80% delle famiglie, infatti, ne possiede almeno uno anche se – dati che sono stati diffusi grazie a un recente studio realizzato dall’ISTAT – il 17,7% sta pagando le rate di un mutuo.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/11/2018 07:17:39
Reddito di cittadinanza: il pastrocchio

Per “Reddito di cittadinanza” s’intende un reddito garantito ai cittadini di una nazione, al di là della condizione reddituale o lavorativa. E’ quindi quello che si intende per reddito universale.  In realtà, la misura che dicono di voler varare i tipi dei 5S è un reddito minimo garantito, modello Riforma Hartz IV  tedesca, che in Germania è servita a togliere diritti ai cittadini, imporgli un sistema paradossale di precariato lavorativo e sfruttamento, ma di Stato

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/11/2018 06:18:25
Autovetture a guida autonoma: la questione morale

...con questo nuovo impegno dell’industria automobilistica, che tende a immettere sul mercato automobili per cui l’essere umano diviene praticamente inutile – almeno per ciò che riguarda l’aspetto legato alla guida – si creeranno non pochi problemi di ordine morale, in ordine di sicurezza ma anche per ciò che concerne la cessione di un criterio: quello del libero arbitrio ceduto alla tecnologia.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -