Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
DFS chiude il RomaEuropaFestival al Teatro Vascello

DFS chiude il RomaEuropaFestival al Teatro Vascello
Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 27/11/2018 06:57:18

Il 23 e 24 Novembre il RomaEuropa Festival si chiude in bellezza con DFS di Cecilia Bengolea e François Chaignaud, un duo sorprendente e onirico. In un traverso di origini che partono dalla lontana Buenos Aires, fino alla francese Rennes, tra ritmo dalla religiosità ispirata del gregoriano, e il fluo jamaicano, in un rap sapientemente equilibrato ma intrinsecamente affollato di sensualità  e canto lirico.  I creatori di questo mix sono assolutamente geniali, lo spettacolo coinvolge e travolge in un’incandescenza senza freni, la Bengolea pienamente infarcita di sound system che diventa “altare e divinità guaritrice”. Conosciuta in Jamaica, la dance hall rappresenta espressività erotica ed espressionismo vituperante, libertà creazionista e comunità coinvolgente di deejay e cantanti uniti da uno spiritual acceso e fibrillante.

Da una formazione classica e ricchissima, Bengolea si perfeziona a Parigi e Montpellier, collabora con artisti di fama internazionale e si incontra ad incastro con Chaignaud che consegue il diploma presso il Conservatorio nazionale di Danza di Parigi, ma poi sdogana le regole rigide del classico per immergersi, spinto da curiosità, nel mondo delle drag queen con la storica Rumi Missabu, dei Cockettes, il performer di Cabaret Girolamo Marino e stilisti e artisti visivi che lo hanno condizionato nella sua visione futura e futurista, spingendolo a creare spettacoli originali e fuori schema. Eclettici e insubordinati cuciono insieme danza e musica, come nella migliore delle tradizioni fin dal XII secolo, quando il canto si mostra versatile e addomesticato per modulare il corpo alla leggerezza, alla florescenza di forme e movimenti in libertà, scardinati dai preconcetti per librarsi eterni in un cielo stellato, colori e luci fusi come radici e terra, perché la danza sia vera espressione dell’uomo, come installazione ed emanazione diretta di un’umanità intrisa di passione ed evocazione.

Come in un grande santuario l’uomo non è più costretto dalle catene del visibile, e la danza si trasforma in un’immensa e coreografica pratica spirituale. Detestano le imposizioni e per questo nella dance hall le scarpette non sono più strumento solo per ballare nella costrizione del piede ma divengono funzione e forma sostanziale, il corpo si scatena in qualcosa di travolgente che scoordina le linee guida conosciute finora, l’impressionismo e la sfumatura prendono il posto del rigido tracciato classico, oltre il quale il corpo prende forma e si contorce fino allo spasimo. La libertà che vibra sul palcoscenico arriva fino allo spettatore ma anche attore di una performance che va oltre qualsiasi etichetta standard. E’ arte pura che prende vita e si trasforma senza paradigmi ma solo fede nelle possibilità umane, così immense eppure ignote che solo attraverso di essa possono realizzarsi e vincere. 


L'articolo ha ricevuto 352 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 11/12/2018 14:54:13

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 05/12/2018 07:05:56
Recensione: Bella e la Bestia -  Teatro Vascello dei Piccoli

Un tripudio di gioia e allegria, una storia molto nota per una rielaborazione fantasiosa, acrobatica e brillante. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione di Nicola Girau
Data: 25/11/2018 07:09:48
'Mio cuore io sto soffrendo cosa posso fare per te' - Al Teatro Massimo di Cagliari

Devo fare una doverosa premessa e mi perdoneranno gli estimatori, ma non avevo la minima idea di chi fosse Antonio Marras, ricordavo a malapena che fosse uno stilista e dal cognome arguivo che fosse sardo. Stop.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 20/11/2018 08:01:40
Recensione: RomaEuropaFestival -  BERBERIO - al Mattatoio

Un vero miele per adulti ma soprattutto per i bambini, quando ad un certo punto un video rappresenta dei ragazzini che giocano a palla e una palla entra in scena attirando i più piccoli che per qualche minuto si fanno protagonisti e attori del palcoscenico.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 13/11/2018 07:03:34
Recensione: Mimì – all'Off Off Theatre una rivisitazione di una grande artista

Di e con Melania Giglio, per la regia di Daniele Salvo e con Adona Mamo e Sebastian Morosini, in scena fino al 25 novembre uno spettacolo intenso e onirico, evocativo in un modo singolare e suggestivo. Un palcoscenico rivestito di bianco, come una dama purissima, una vergine rarefatta che accoglie tra le maglie delle sue pieghe indolenzite tutte le sofferenze del mondo. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -