Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Porto di Rapallo: nuova beffa per gli utenti

Porto di Rapallo: nuova beffa per gli utenti
Autore: Redazione Cronaca
Data: 29/11/2018 06:56:37

IL PORTO DI RAPALLO NON RISPONDE ALLE RICHIESTE SUL CROLLO DELLA DIGA MA CHIEDE AI PROPRIETARI DI PAGARE IL RECUPERO DEI RELITTI

NUOVA BEFFA PER GLI UTENTI DEL PORTO CARLO RIVA DI RAPALLO

L'ASSOCIAZIONE DIFFIDA NUOVAMENTE LA SOCIETA' CHE GESTISCE IL PORTO: FORNISCA TUTTI I DOCUMENTI SUI LAVORI ESEGUITI E SULLE ASSICURAZIONI SOTTOSCRITTE

E' recente la comunicazione inviata da porto Turistico Internazionale di Rapallo SpA a tutti gli armatori delle unità coinvolte nel disastro del 29-30 ottobre scorso.

La socieà fa sapere che sono iniziate le procedure per il recupero delle imbarcazioni affondate e che, in virtù degli art. 89 e 90 del regolamento di attuazione del Codice della Navigazione, i proprietari dovranno provvedere al pagamento del recupero dei relitti e al pagamento dello smaltimento degli stessi.

Nessun riferimento però alle dinamiche relative al cedimento della diga foranea (eventuali indagini interne, rapporti di periti/tecnici, eventuali novità circa il procedimento giudiziario) e nessuna trasmissione dei documenti relativi ai lavori del 2004, alle manutenzioni degli stessi e alle polizze assicurative sottoscritte (come da diffida del Codacons del 14.11.2018).

Si rinnova pertanto la richiesta da parte del Codacons di fornire all'associazione e alle persone danneggiate la suddetta documentazione.

PER INFORMAZIONI 
info@codaconslombardia.it O 02.29419096

 


L'articolo ha ricevuto 384 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 15/02/2019 22:21:19

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 15/02/2019 09:08:46
Margherita: confiscati beni per oltre 9 milioni di euro a Luigi Lusi

Luigi Lusi era stato condannato per appropriazione indebita, in via definitiva, nel dicembre del 2017.

Leggi l'articolo

Autore: Carola De Blasi - Redazione Cronaca
Data: 13/02/2019 06:22:21
Reggio Emilia: tiene in casa la madre deceduta da mesi. Poi si suicida

Una storia raccapricciante sarebbe accaduta a Caldebosco Sopra, in provincia di Reggio Emilia: un uomo di 59 anni avrebbe tenuto il corpoi della madre deceduta, per mesi, nel suo letto, pur di continuare a percepire la sua pensione.

Leggi l'articolo

Autore: Carola De Blasi - Redazione Cronaca
Data: 05/02/2019 17:26:58
Manuel Bortuzzo: le sue gambe resteranno paralizzate

La sentenza, terribile, è arrivata: Manuel Bortuzzo, il giovane nuotatore ferito da colpi di pistola nella notte tra sabato e domenica, a Roma in zona Axa, ha perso l'uso delle gambe.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 03/02/2019 06:10:21
Allerta meteo: esondazioni, valanghe e fiumi in piena

Gli accessi alle banchine del Tevere a Roma sono stati chiusi a causa del superamento della prima soglia di attenzione del livello del fiume Aniene.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -