Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Recensione: Bella e la Bestia -  Teatro Vascello dei Piccoli

Recensione: Bella e la Bestia - Teatro Vascello dei Piccoli
Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 05/12/2018 07:05:56

Un tripudio di gioia e allegria, una storia molto nota per una rielaborazione fantasiosa, acrobatica e brillante.

Quella della Compagnia dei Giovani del Teatro Vascello che ripropone anche quest’anno, in vista delle feste natalizie, uno spettacolo che accomuna grandi e piccoli, con grande innovazione nella proposta musicale, scenografica e nella riscrittura del testo, avvolto di un’ironia sottintesa e una sferzante carice di energia, attenta alle richieste dei più giovani, la semplicità che contraddistingue il gruppo, ma anche la sottigliezza che gli adulti sanno cogliere.

Diretto e interpretato da Valentina Bonci, Isabella Carle, Matteo Di Girolamo Marco Ferrari, Chiara Mancuso, Pierfrancesco Scannavino, i personaggi sono rivisitati e reimpostati da una scorza di modernità, pieni di umanissimo stupore e la battuta sempre all’erta, fedeli nelle basi ai loro caratteri, Bella indipendente, femminista ante-litteram che disdegna le avances di un Gaston comicissimo, quasi un modello di Uomini e Donne di cui ridicolizza la vanità e la tracotanza, svestendo il mito ormai obsoleto del machismo a favore di un modello maschile adeguato alle esigenze del contemporaneo.

Una scena esemplare in cui Gaston propone la cacciagione a Bella e lei risponde di essere vegetariana, disgustando i gusti e la banalità del giovane privo di contenuti per una abituata a leggere e alla sete di avventura. Il padre di Bella un ometto buono e degno di una sceneggiatura di Verdone, farmacista ossessionato dalle medicine e frustrato da uno stress emotivo incontrollato che lo porta a decidere insensatamente qualsiasi cosa. La Bestia, dai costumi e dalle fattezze spaventose ma pur sempre adattato all’impronta del comico, si affida ai consigli dei topi anche loro vittime della trasformazione, che lo educano alla conquista della ragazza, dandogli “dritte” sulla conversazione, il galateo e caratteristiche femminili tipicamente moderne.

Gaston tenterà di uccidere l’orribile mostro e il finale è esattamente quello che ci aspettiamo, in una nevicata di petali di rosa, tra danza e musica il tutto si sposa con un’atmosfera festosa e inebriante che strappa applausi lunghi e sinceri da parte di un pubblico ormai affezionato a questa nuova recitazione, umoristica e briosa.  


L'articolo ha ricevuto 1040 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 11/12/2018 13:58:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 27/11/2018 06:57:18
DFS chiude il RomaEuropaFestival al Teatro Vascello

Come in un grande santuario l’uomo non è più costretto dalle catene del visibile, e la danza si trasforma in un’immensa e coreografica pratica spirituale.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione di Nicola Girau
Data: 25/11/2018 07:09:48
'Mio cuore io sto soffrendo cosa posso fare per te' - Al Teatro Massimo di Cagliari

Devo fare una doverosa premessa e mi perdoneranno gli estimatori, ma non avevo la minima idea di chi fosse Antonio Marras, ricordavo a malapena che fosse uno stilista e dal cognome arguivo che fosse sardo. Stop.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 20/11/2018 08:01:40
Recensione: RomaEuropaFestival -  BERBERIO - al Mattatoio

Un vero miele per adulti ma soprattutto per i bambini, quando ad un certo punto un video rappresenta dei ragazzini che giocano a palla e una palla entra in scena attirando i più piccoli che per qualche minuto si fanno protagonisti e attori del palcoscenico.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 13/11/2018 07:03:34
Recensione: Mimì – all'Off Off Theatre una rivisitazione di una grande artista

Di e con Melania Giglio, per la regia di Daniele Salvo e con Adona Mamo e Sebastian Morosini, in scena fino al 25 novembre uno spettacolo intenso e onirico, evocativo in un modo singolare e suggestivo. Un palcoscenico rivestito di bianco, come una dama purissima, una vergine rarefatta che accoglie tra le maglie delle sue pieghe indolenzite tutte le sofferenze del mondo. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -