Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
Global Compact: approvato accordo storico per la protezione dei minori migranti

Global Compact: approvato accordo storico per la protezione dei minori migranti
Autore: Redazione Attualita'
Data: 11/12/2018 06:55:34

Dal 2014 ad oggi 1.200 bambini ed adolescenti hanno perso la vita durante il viaggio


L’Italia ha rimandato la decisione al vaglio del Parlamento, da cui si attende al più presto un impegno reale per condividere responsabilità a livello globale e perseguire soluzioni umane ed efficaci

 

Tra il 2014 e il 2018 sono stati registrati oltre 1.200 decessi di minori migranti, numero che probabilmente è sottostimato, su un totale di 29.203 di migranti che hanno perso la loro vita nello stesso periodo in tutto il mondo. Questo l’allarme lanciato da Save the Children che ritiene la sottoscrizione da parte di 164 leader mondiali, riuniti oggi a Marrakech per la conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite, un’opportunità storica. Milioni di minori, infatti, sono costretti a migrare per fuggire da povertà estrema, violenze, violazioni dei diritti umani o disastri naturali, esposti al rischio di sfruttamento, abuso, tratta, detenzione, deportazione o, addirittura, al rischio di perdere la propria vita.

Molti minori migranti, specialmente quando non accompagnati, sono stati costretti ad affrontare viaggi inimmaginabili. Sono anche particolarmente esposti al rischio di fuoriscire dalle maglie del sistema di accoglienza e protezione, finendo in una rete di abusi e incuria, e spesso non hanno accesso ai servizi di base come l'assistenza sanitaria o l’istruzione. A settembre 2018, in Italia si sono registrate 12.112 presenze di minori stranieri arrivati senza adulti di riferimento, 3.485 dei quali, giunti nel nostro paese nell’ultimo anno. Nel 2018, la Spagna, che ha visto il maggior numero di arrivi tra migranti e rifugiati in Europa, registra il numero di quasi 12.000 minori stranieri non accompagnati.

“Mai come oggi riteniamo necessario un rafforzamento della cooperazione tra paesi per garantire una efficace ed umana gestione dei fenomeni migratori, in particolare per quanto riguarda le categorie più vulnerabili, inclusi i minori, in particolare se separati dalle proprie famiglie o non accompagnati. È un momento cruciale per l’Italia, paese di transito e destinazione dei flussi migratori verso l’Europa, per avere un ruolo importante nella condivisione di responsabilità a livello globale per perseguire soluzioni umane ed efficaci. Il Governo italiano non può rimanere sulla soglia, mentre la comunità internazionale decide di cooperare. Questo è il momento di agire e per questo confidiamo sul senso di responsabilità del Parlamento”, ha affermato Raffaela Milano, Direttore programmi Italia – Europa di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

Il Global Compact - che comprende 38 paragrafi riferiti ai minori ed è il primo documento dedicato a migliorare la cooperazione globale sulla migrazione - offre agli Stati una serie di misure per lavorare insieme nel garantire  la protezione dei bambini migranti vulnerabili, durante il loro viaggio e fino alla loro destinazione finale. Aiuta anche a mitigare le problematiche che costringono i minori a lasciare i loro paesi d'origine, sostiene la loro corretta identificazione e garantisce un adeguato sistema di riferimento per garantire loro l'accesso ai servizi di cui hanno bisogno.

"Questa è una sfida globale e l'unico modo per vincerla è che i paesi lavorino insieme e condividano le responsabilità. Questo Global Compact non ha precedenti e si pone proprio questo obbiettivo. Riconosce che tutti i bambini, indipendentemente da dove provengano e dove stiano andando, hanno il diritto di essere protetti, di avere accesso ai servizi di base e di non essere separati dalle proprie famiglie. Se gli Stati intensificheranno e trasformeranno questi principi in azioni, miglioreranno la vita di milioni di minori migranti vulnerabili ", ha dichiarato Helle Thorning-Schmidt, CEO di Save the Children.

 


L'articolo ha ricevuto 528 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/06/2019 11:29:14

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Lola Hierro - Redazione Esteri
Data: 24/05/2019 06:25:40
Conflitti armati e disastri naturali provocano lo spostamento di 41,3 milioni di sfollati

Ai 41,3 milioni, secondo l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), si aggiungono altri 13,7 milioni di rifugiati e richiedenti asilo fuori dai loro confini: in totale 65 milioni di persone si stanno muovendo in tutto il mondo.

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 10/05/2019 19:39:34
Tunisia: 70 persone muoiono annegate a 40 miglia da Sfax

Sono almeno 70 le persone morte annegate giovedì a causa dell'affondamento dell'imbarcazione che li trasportava - in acque internazionali - a 40 miglia dalla città di Sfax in Tunisia.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 13/04/2019 06:47:07
Libia: MSF fornisce acqua e cibo nei centri di detenzione

La situazione a Tripoli resta preoccupante per i civili coinvolti nel conflitto, che negli ultimi giorni ha colpito aree più densamente popolate.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 19/03/2019 06:44:12
Grecia: a tre anni dall'accordo UE-Turchia 12.000 persone restano bloccate negli hotspot

A causa dell’accordo UE-Turchia, circa 12.000 tra uomini, donne e bambini sono attualmente bloccati in condizioni terribili nei cinque hotspot sulle isole greche. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -