Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Ambiente  
Cambiamenti climatici: il Gran Paradiso si sta sciogliendo

Cambiamenti climatici: il Gran Paradiso si sta sciogliendo
Autore: Redazione Scientifica
Data: 13/12/2018 07:31:15

I dati Ispra mostrano chiaramente come i cambiamenti climatici non siano un fenomeno lontano nel tempo e nello spazio: anzi, l’Italia ne è maggiormente colpita rispetto alla media globale. Quello in corso per il nostro Paese è l’anno più caldo da due secoli, con conseguenze chiaramente visibili anche a occhio nudo, come mostrano purtroppo anche i monitoraggi condotti nel Parco Nazionale Gran Paradiso dal Corpo di Sorveglianza dell’Ente Parco, in collaborazione con gli operatori del Comitato Glaciologico Italiano: i 57 ghiacciai controllati continuano infatti a perdere terreno, con un arretramento medio solo nell’ultimo anno di 22 metri.

Se questo è il dato medio, non mancano arretramenti (molto) più eclatanti che mostrano con drammatica chiarezza l’effetto dei cambiamenti climatici sui ghiacciai presenti nel Parco Nazionale Gran Paradiso. L’arretramento più consistente è stato registrato nel ghiacciaio del Grand Etret, in Valsavarenche, che ha perso 130 metri rispetto alle rilevazioni effettuate nel 2017.

In questo caso il bilancio di massa, parametro che esprime meglio di altri lo stato di salute di un ghiacciaio, relativo al periodo 2017-2018, è risultato negativo con una perdita di quasi un metro di equivalente in acqua. Dal 2000 il ghiacciaio ha perso quasi un terzo della sua superficie.

«Il Gran Paradiso è in enorme difficoltà dal punto di vista nivologico, forse anche perché è la cima oltre 4.000 metri più a sud d’Italia – spiega Stefano Cerise, Ispettore del Corpo di Sorveglianza del Parco – I ghiacciai a quote più basse sono quelli che hanno risentito maggiormente delle temperature elevate, nonostante l’inverno 2018 sia stato molto nevoso, con scioglimenti precoci che hanno causato il crollo di vie alpinistiche storiche, come quella sulla parete nord del Ciarforon in Valsavarenche».

È importante sottolineare che lo scioglimento dei ghiacciai comporta anche possibili pericoli diretti nel breve periodo; ne è esempio la formazione di laghi proglaciali come quello del Grand Croux in Valle di Cogne, per cui la scorsa estate è stata resa necessaria un’operazione di svuotamento con intervento d’urgenza, in quanto un’esondazione avrebbe potuto provocare una piena del torrente Valnontey con pericolose conseguenze per i turisti e abitanti presenti lungo il corso dello stesso. Il lago è sorvegliato speciale da parte del Corpo di Sorveglianza, che sta monitorando la situazione in collaborazione con i tecnici della Fondazione Montagna Sicura.

I cambiamenti climatici non hanno conseguenze solo sul paesaggio ma anche sulla fauna dell’area protetta; i guardaparco hanno notato che, soprattutto nel caso dello stambecco, gli esemplari salgono sempre più di quota nei mesi caldi e si spostano alla ricerca di zone più fresche e riparate, su pendii esposti a nord.


 


L'articolo ha ricevuto 368 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/03/2019 20:33:13

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Ambiente

Autore: Susanna Schivardi - Redazione Scientifica
Data: 15/03/2019 14:32:21
Il clima e il nostro futuro

Parliamo subito di dati. Entro il 2030 è assolutamente necessario ridurre le emissioni di gas serra per far sì che la vita sul pianeta Terra possa continuare. 

Leggi l'articolo

Autore: Mathilde Gerard - Redazione Scientifica
Data: 09/03/2019 06:03:03
CO2: un terzo delle emissioni mondiali deriva dalla catena alimentare

Una pizza fatta in casa, acquistata surgelata o consumata al ristorante non avrà lo stesso sapore. E neanche lo stesso “impatto carbone”. 

Leggi l'articolo

Autore: R?mi Barroux - Redazione Scientifica
Data: 04/02/2019 06:39:00
Catastrofi naturali in aumento: 62 milioni di persone coinvolte nel 2018

Il bilancio delle catastrofi naturali, tutt’altro che dall’essere in calo, rimane pesante. Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per la riduzione dei rischi delle catastrofi...

Leggi l'articolo

Autore: Aude Massiot - Redazione Scientifica
Data: 22/01/2019 06:09:43
Gas effetto serra: le emissioni continuano a crescere

Meno di due anni. E’ il tempo che resta all’umanità per cominciare a ridurre drasticamente le sue emissioni di gas ad effetto serra (GES). 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -