Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Benessere: 1 italiano su 3 si affida alla tecnologia

Benessere: 1 italiano su 3 si affida alla tecnologia
Autore: Redazione Attualita'
Data: 19/12/2018 06:35:30

Deve rispondere a bisogni pratici, essere personalizzabile a seconda delle esigenze e correggere vizi e cattive abitudini. Sempre più italiani trovano nella tecnologia un alleato in più per stare meglio. Gli strumenti più usati? Smartphone, device indossabili e alternative high-tech al fumo

 

 Va oltre il senso estetico (30%), migliora la qualità della vita (22%) e aumenta la gratificazione personale (24%). Sono sempre più gli italiani che, per prendersi cura di sé, si affidano alla tecnologia (32%), vero e proprio alleato in grado anche di rappresentare un possibile compromesso correttivo di vizi e abitudini scorrette (25%). Nel rapporto quotidiano, dunque, la funzionalità sopravanza l’aspetto ludico (18%) e i principali benefici ricercati sono risposte a esigenze pratiche (24%) nonché lacrescita della conoscenza (18%). Forte è la convinzione che stare bene non ha prezzo (24%) e, per perseguire il benessere, scalano la classifica delle preferenze ogni tipo di strumento tecnologico, dalle svariate app che si scaricano sullo smartphone per monitorare lo stato di salute (78%) alle alternative high tech al fumo - sigarette elettroniche e prodotti del tabacco riscaldato - (36%).

 

É quanto emerge da uno studio condotto da Found!, per Philip Morris Italia, con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su 3.200 italiani – uomini e donne tra i 22 e i 55 anni – attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community web per capire quanto è importante la tecnologia nella cura di sé e quali accorgimenti adottano a riguardo.

 

Per gli italiani prendersi cura di sé va oltre il valore estetico e, non vedersi o sentirsi bene, può condizionare anche umore e autostima

 

Quanto conta prenderti cura di te? Complessivamente è importante per la stragrande maggioranza delle persone monitorate (49%), che si dividono tra chi pensa che la cura di sé è qualcosa che va al di là del vedersi belli (30%) e chi si rende tuttavia conto che non sempre dedica le attenzione necessarie (19%). Un quarto degli italiani (24%), invece, cerca di farlo nel modo giusto evitando qualunque eccesso, mentre il 17% presta attenzione solo al cibo. Infine solo il 7% dichiara di prendersi cura di sé affidandosi al buon senso.

 

Quali sono le principali sensazioni che avverti quanto non ti senti/vedi bene? Per il 52% degli italiani a risentirne è soprattutto l’umore, mentre il 47% accusa un certo calo dell’autostima. Chiaramente ci sono anche coloro che cercano di minimizzare e non farne un dramma (44%), mentre il 36% dei monitorati ritiene che alla fine sarebbe solo questione di buona volontà. E se il 28% sente spesso aumentare, nel peggiore dei casi, i sensi di colpa, non mancano quanti vivono con maggior preoccupazione il giudizio degli altri (22%).

 

La tecnologia è in cima alle soluzioni più usate nella cura del sé: deve rispondere a esigenze pratiche e anche aiutare a correggere vizi o abitudini sbagliate

 

Ma quali sono gli accorgimenti più adottati per la cura di sé? Ben un italiano su 3 (32%) segnala come prima soluzione la tecnologia, a cui guarda con interesse per l’aiuto che può dare in questo senso. Il 21% ritiene che basti concentrarsi principalmente sull’alimentazione, mentre il 19% ammette che cerca di fare piùattività fisica. Il 14% poi ne fa una questione di tempo, dichiarando di voler imporre a se stesso di dedicarne nella giusta misura, infine il 12% si rivolge a persone competenti in base alle diverse necessità.

 

La tecnologia quindi è la prima scelta a cui si affidano gli italiani per la cura di sé, ma che rapporto hanno con essa? Ad avere un pessimo rapporto con la tecnologia è appena il 15% degli italiani, che si dividono tra chi la giudica ormai troppo invadente (10%) e che a volte si rende conto dell’inutilità di certi strumenti(5%). Tra gli entusiasti, il 22% ammette che è la risposta a qualsiasi tipo di esigenza mentre il 18% è molto più interessato alla funzionalità rispetto all’intrattenimento. E se il 16% ritiene di non poterne più a fare a meno, il 14% dichiara di subire il fascino di tutto ciò che è innovazione.  

 

Quali sono i principali benefici ricercati nella tecnologia? Prevale l’approccio pragmatico, ovvero la necessità che assolva a esigenze pratiche (24%) o che favorisca la crescita della conoscenza (18%). Il 23% la giudica un ottimo strumento di svago e distrazione mentre il 21% pone l’accento sul fatto che deve essere utile senza però  invadere la sfera privata. Il 14%, infine, afferma che deve essere personalizzabile per rispondere meglio ai diversi interessi.

 

Venendo alla cura del sé, quanto e in che modo la tecnologia può essere d’aiuto? Sono solo due italiani su 10 (21%) a non avere un’opinione positiva a riguardo, sia perché ritengono che se non c’è la volontà personale non serve a niente (13%) sia per una cronica diffidenza verso ciò che è sconosciuto (9%). Per la stragrande maggioranza (47%), invece, è fondamentale: da un lato ci sono coloro che la ritengono quasi uno strumento correttivo di vizi e cattive abitudini (25%) e, dall’altro, c’è che in linea generale apprezza quanto il progresso abbia migliorato  - e possa ancora farlo - la qualità della vita (22%). Il 29%, infine, apprezza il supporto che può dare se non altro nel mantenere la costanza nell’impegno.

 

Smartphone, device indossabili e alternative high-tech al fumo sono le tecnologie più gettonate. I benefici? Vita qualitativamente migliore, auto-gratificazione e approccio più positivo alla vita

 

Ma quali strumenti tecnologici usano gli italiani per prendersi cura di loro stessi? Il primato indiscusso spetta allo smartphone, che il 78% delle persone utilizza per le app più svariate – conta passi, calorie bruciate, livello di idratazione, qualità del sonno, ecc… - mentre un italiano su 2 (49%) sceglie device indossabili per monitorare i principali parametri vitali (battito cardiaco, frequenza respiratoria, temperatura corporea, pressione arteriosa). Il 36%, a proposito di compromessi con vizi e cattive abitudini, dichiara di orientarsi sempre più verso le nuove alternative tecnologiche al fumo tradizionale. Non mancano poi coloro che vanno alla scoperta di tutti quei device che permettono di stimolare la circolazione (28%), rilasciano massaggi in zone particolarmente sensibili come collo, schiena e piedi (22%),contrastano l’invecchiamento della pelle grazie a tecniche di radiofrequenza, elettro-stimolazione, foto-stimolazione, ecc. (18%).

 

A livello quantitativo, che uso se ne fa? Il 29% dichiara che “onestamente ho perso il conto di quanti strumenti uso” mentre il 24% giustifica il massiccio ricorso alla tecnologia per la cura di sé con il fatto che “stare bene non ha prezzo”. Il 18% segue poi l’evoluzione della tecnologia per ottenere sempre soluzioni più efficaci, mentre chi ne usa in numero esiguo dichiara di concentrarsi esclusivamente su quello di cui ha davvero bisogno (14%) o su poche app scaricate per curiosità (11%).

 

Si avvertono effettivamente dei benefici? Il sentiment diffuso appare molto positivo: un quarto degli italiani prova una certa gratificazione personale (24%), il 21% riscontra una qualità della vita migliore e il 22% ammette di provare anche un certo piacere per gli apprezzamenti che riceve. Il 16% dichiara poi di essere rimasto anche piacevolmente stupito, evidentemente fugando un pizzico di diffidenza iniziale, mentre il 14%, infine, nota di aver acquisito anche un approccio alla vita più positivo.


L'articolo ha ricevuto 432 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/05/2019 01:20:10

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Redazione Attualita'
Data: 16/05/2019 06:39:22
Solitudine: 13.000 telefonate a Telefono Amico nel 2018

Il 24 maggio tavola rotonda a Padova con la psicoterapeuta Maria Rita Parsi, anteprima del congresso internazionale Ifotes “Uscire dalla solitudine - Costruire relazioni” in programma a Udine dal 3 al 7 luglio. Al via la campagna di sensibilizzazione “Solitudini e no”.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 15/05/2019 06:36:52
Infanzia e maltrattamenti: è allarme al Sud. Le cause sono povertà e pochi servizi

Resta forte il divario tra il Nord e il Sud del Paese per quanto riguarda il rischio di maltrattamento all’infanzia: è ancora allarme nel Mezzogiorno, dove la Campania rimane fissa in ultima posizione, preceduta da Sicilia, Calabria e Puglia

Leggi l'articolo

Autore: Alessandro Maola - Redazione Attualita'
Data: 12/05/2019 06:42:21
Festa della Mamma: ecco le mamme più famose del web

Mamma: la persona più importante per ognuno di noi. Oggi in tutto il mondo ci sono tante ragazze che grazie allo sviluppo delle tecnologie hanno la possibilità di condividere la loro esperienza della maternità, così come i loro pensieri su come essere madre.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 08/05/2019 07:04:01
Gioco illegale: boom in Piemonte

Il gioco illegale attualmente in Piemonte rappresenta una vera e propria emergenza: come riporta Agipronews è il dato che emerge dalla ricerca “Gioco pubblico e dipendenze in Piemonte”

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -