Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Indonesia: la testimonianza di una sopravvissuta allo tsunami

Indonesia: la testimonianza di una sopravvissuta allo tsunami
Autore: Redazione Esteri
Data: 02/01/2019 06:58:11

"Stavo facendo un bagno quando è arrivato lo tsunamiracconta Elis, una madre di 30 anni, incinta di 7 mesi. Lei e la sua famiglia erano a casa quando lo tsunami ha colpito la costa dello Stretto di Sunda il 22 dicembre scorso. La loro casa era situata sulle rive di Laba Kampong, villaggio di Cigondang, distretto di Labuan. Vivevano proprio accanto alla casa dei suoi genitori.

 

Quando la prima ondata ha colpito la zona, il marito di Elis, Purwanto ha gridato: "Tsunami! Tsunami!" in modo che Ellis e la loro figlia si precipitassero dalla vicina di casa per trovare rifugio.

 

"Quando mio marito ha urlato, ho indossato i vestiti più velocemente possibile mentre lui stava rientrando in casa per aiutarmi, la seconda e più violenta ondata ha colpito la nostra casa" racconta. L'onda forte, più alta di un palo della luce alto circa 7-12 metri lì vicino, ha distrutto la loro casa riducendola in macerie. Purwanto, 35 anni, è rimasto ferito quando la sua gamba sinistra è stata colpita dal tetto di lamiera dell’abitazione. Elis era intrappolata all'interno della casa tra una credenza e una scrivania e tra le macerie rimaste della loro casa.

 

"Ho provato a proteggere la mia pancia in modo che non fosse colpita da nulla. Non potevo vedere mia figlia nè mia madre e mio padre. Sono riuscita a sentire soltanto la voce di mio marito che mi chiamava", continua Ellis. Fortunatamente, anche se ferito, Purwanto è riuscito a salvare Elis ma purtroppo non riuscivano a trovare la loro figlia né i loro genitori anziani.

 

Costretti a dirigersi al centro di salute di Labuan, Elis e Purwanto hanno percorso 2 km a piedi verso il centro di salute di Labuan e lungo la strada un uomo ha offerto loro un passaggio in moto.

 

Nel centro mentre aspettavano di essere curati, hanno continuato a cercare informazioni sulla loro famiglia. "Quella notte, finalmente abbiamo saputo che nostra figlia era al sicuro ed era con mia sorella e il giorno dopo siamo riusciti a trovare anche i miei genitori anche loro feriti" racconta Elis con un sospiro di sollievo.

 

Elis e suo marito sono stati curati dall’équipe MSF presso il centro di salute di Labuan. "Ho incontrato Ibu Dina, ostetrica di MSF e il dottor Santi al Labuan Health Center che hanno controllato le mie condizioni e quelle del bambino. Avevo lividi con gonfiore quasi su tutto il corpo ma grazie a Dio, la mia bambina sta bene, "ha detto Ellis con un sorriso. La donna è rimasta al Labuan Health Center per i tre giorni mentre il marito, la madre e il padre sono stati portati all'ospedale di Pandeglang perché avevano riportato ferite piuttosto gravi.

 

Nell'ottavo giorno di risposta all’emergenza, l’équipe di MSF ha visitato Elis e la sua famiglia a casa della sorella maggiore, dove si trovano temporaneamente dopo le dimissioni dall’ospedale, e le loro ferite stanno migliorando: "Vogliamo trovare presto un nuovo posto dove abitare. So che ora è difficile ma non voglio che il mio trauma influisca sul mio bambino. Ora sto bene, "dice Elis.


Supporto di Medici Senza Frontiere alle vittime dello tsunami


Dal febbraio 2018, MSF è operativa nel distretto di Pandeglang con un progetto di salute per gli adolescenti in collaborazione con il Ministero della Sanità indonesiano.

 

Dopo lo tsunami, l’équipe medica di MSF ha visitato e supportato immediatamente i centri sanitari di Labuan e Carita, due delle zone più colpite. Lo tsunami ha colpito cinque distretti nelle province di Banten e Lampung in Indonesia. Tra questi, il distretto di Pandeglang è stato il più colpito.  Con il sostegno di MSF, i centri sanitari Labuan e Carita continuano i loro servizi medici.

 

L’équipe di MSF ha fornito servizi di gestione dei casi medici, prevenzione delle infezioni e gestione dell'igiene, dell’inventario e altri bisogni nei centri sanitari, attività di importanza primaria per assicurare continuità nell’assistenza ai pazienti. Inoltre MSF ha attivo un servizio di cliniche mobili che hanno raggiunto 15 villaggi nei distretti di Labuan e Carita, a Pandeglang, dove sono stati curati pazienti che non hanno avuto accesso ai centri sanitari, fornendo servizi come la cura delle ferite, assistenza alle donne in gravidanza e durante il parto, il trattamento di malattie e infezioni croniche.

 

Sono stati forniti anche il primo soccorso psicologico e il sostegno psicosociale e nei prossimi giorni verrà lanciato un programma di sostegno alla salute mentale.

Finora MSF ha condotto 326 consultazioni mediche (223 donne e 103 uomini) di cui 45 pazienti sotto i cinque anni e ha curato 16 madri in gravidanza. I casi clinici più comuni riscontrati sono stati infezioni del tratto respiratorio superiore, mialgia, cefalea e traumi accidentali.

 


L'articolo ha ricevuto 432 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/06/2019 21:48:07

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 16/06/2019 16:00:17
Maxi black out tra Uruguay, Argentina e Brasile: 50 milioni di persone senza corrente

Le Un maxi black out si sta verificando in Argentina e Uruguay, causato da un grave guasto n sistema di interconnessione elettrica, ha lasciato le due nazioni senza corrente.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/06/2019 08:41:03
Ebola: MSF interviene per rispondere all’epidemia in Uganda

Un’équipe di Medici Senza Frontiere (MSF), composta da medici e logisti, è operativa nel distretto di Kasese, in Uganda, dove sono stati dichiarati dallo scorso 11 giugno tre casi di Ebola, tutti facenti parte di un unico nucleo familiare in viaggio dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC).

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 13/06/2019 07:03:29
Ebola: in Uganda muore un bimbo di 5 anni

"L'Ebola è una terribile malattia che sconvolge il corpo umano, provocando gravi sintomi, come il vomito di sangue. Siamo particolarmente preoccupati per lo stigma che continua a esistere in alcune comunità"...

Leggi l'articolo

Autore: Luca de Rossi - Redazione Esteri
Data: 10/06/2019 20:18:17
Manhattan: un elicottero si schianta contro un grattacielo

Manhattan, New York: Un elicottero è finito contro un grattacielo, alto 54 piani, e conosciuto con il nome di Axa Equitable Center, nella 787 Seventh Avenue, sulla 51ma strada. Al suo interno alcuni uffici di Bnp Paribas e Citibank.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -