Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Recensione: i vini di qualità di Muscari Tomaioli

Recensione: i vini di qualità di Muscari Tomaioli
Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivard
Data: 10/01/2019

Nei dintorni di Tarquinia, dove l’eco etrusca ancora spira profonda nelle pieghe dei paesaggi che lievi sfociano al mare, nell’aria salmastra che rende brillanti i colori di una campagna vivida e ancora intatta, vive e cresce una piccola creatura chiamata azienda Muscari Tomaioli, un’azienda vinicola che produce poco più di 8 mila bottiglie l’anno. Una quantità esigua pensando ai grandi numeri delle eccellenze italiane, eppure una realtà che resiste con una qualità ricercata e curatissima.

Appena 2 ettari vitati nel 2007 di terreno che ha una storia iniziata in realtà oltre 100 anni fa, quando i bisnonni di Marco Muscari erano qui in una casetta fatta di nenfro di Montebello, la tipica pietra originaria della zona, e si insediavano in un’area circondata da un bosco molto più esteso di come è oggi. Dopo i primi tentativi del nonno, le tre figlie femmine hanno abbandonato lo slancio dedicato alla vigna, per poi essere ripreso dal padre di Marco che ha lasciato ben poca memoria per una produzione esigua, prodotta in cantina e per pochi amici, e ancora priva di approfondimento.

Grazie ai terreni argillosi/calcarei rari per essere così attigui al mare, e alla sapienza dell’enologo Gabriele Godons che si è affezionato immediatamente alla mission, è stato piantato il Vermentino, clone di quello presente a Sartin, un piccolo paese costiero della Corsica dove sviluppano questo biotipo e che si trova alla stessa latitudine di Tarquinia. In questo lotto di terreno, esteso pochi ettari, si trovano anche il petit Verdot e il Barbera che ha avuto una gestazione di prova durata 7 anni, figlio di un’attesa speranzosa e premiata col successo, e un Montepulciano vinificato in bianco con macerazione sulle bucce.

Marco si occupa da solo dell’azienda, coadiuvato da poca manovalanza, il suo percorso di economia e commercio lo ha poi condotto al vecchio amore per la terra ereditato da una famiglia sempre molto attaccata al fazzoletto argilloso che oggi gestisce con un’affettuosità rara. “Ho virato sulla qualità e abbandonato la chimica, qui ci sono pochi macchinari – in effetti il locale è molto ristretto – il lavoro grosso è quello fatto in vigna”.

Marco utilizza piccoli tini con aria condizionata che rimane a 16 gradi senza bisogno di altra refrigerazione. La vinificazione avviene in acciaio e in cemento, mentre dopo un fragile tentativo l’idea del legno è stata abbandonata.

L’imbottigliamento avviene in loco con una ditta di Treviso. Gli chiediamo perché e ci risponde che le ditte del posto non si sono dimostrate all’altezza. Ogni anno i prezzi lievitano per una mole di lavoro alle spalle che comprende la cura della vigna, la selezione, e il resto si sa, la qualità costa e Marco non può esimersi dall’obbedienza alle leggi di mercato. Velca, Nethum e Pantaleone solo alcune etichette dai colori caldi e pieni che caratterizzano le bottiglie. La storia della famiglia, la passione vivida e immediata, la solidità di Marco timido ma deciso e un progetto segreto che rivelerà solo l’anno prossimo, ricamano di bellezza  questo luogo discreto. Il gusto e la sobrietà italiani risplendono in questo angolo dove storia e obbedienza al ciclo della terra si fondono in un bel prodotto di qualità. Presentate e promosse al Vinitaly di Aprile, le bottiglie saranno di nuovo in vendita da Maggio 2019.  

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/08/2020 01:25:44

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -