Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
El Chapo: riprende il processo a New York

El Chapo: riprende il processo a New York
Autore: Sandro Pozzi - Redazione Esteri
Data: 09/01/2019 19:53:08

Il processo contro Joaquin El Chapo Guzman ha ripreso dopo due settimane di riposo, con l'accusa che ha chiamato alla balaustra Vicente Zambada Niebla, il primogenito di Ismael El Mayo Zambada, il leader del cartello di Sinaloa e che è ancora in fuga.. Vicentillo è uno dei beni più preziosi dell'agenzia anti-droga degli Stati Uniti.

La strategia del Procuratore è di provare a dimostrare che Guzmán ha ordinato omicidi come capo dell'organizzazione criminale. E questo è ciò che Zambada Niebla ha detto nella sua prima comparsa dopo aver rispettosamente salutato il capo seduto sulla panchina degli accusati.

Vicente Zambada ha detto che El Chapo ha cercato di ricostruire il suo impero dopo la fuga dalla prigione di massima sicurezza di Puente Grande (Jalisco) nel gennaio 2001. Uno dei presunti ordini che ha dato è stata l'eliminazione, nel settembre 2004, di Rodolfo Carrillo Fuentes, uno dei capi più importanti dell'organizzazione Juarez. Il cosiddetto Golden Boy, fratello del potente Lord of the Skies, Amado Carrillo, era un socio di El Mayo mentre Guzmán era in prigione. Tuttavia, dopo la morte di Amado sotto i ferri in un ospedale mentre veniva eseguita un'operazione estetica, Rodolfo ha iniziato ad eliminare le persone dal cartello di Sinaloa.

I capi di Sinaloa e Juárez hanno provato a sistemare le cose in diversi incontri. L'operazione di Carrillo Fuentes era molto importante per introdurre la droga negli Stati Uniti dalla città di confine di Chihuahua. Ma Rodolfo lasciò uno di quegli incontri trattando male El Chapo. Lì è iniziata la guerra. Guzman ha chiesto il permesso di El Mayo Zambada e di El Azul, un altro leader, di assassinarlo, così come ha testimoniato Vincentillo, che è stato arrestato dalle autorità messicane nel settembre 2009 ed estradato nei mesi successivi negli Stati Uniti. Sointo dalla sua testimonianza, El Mayo ha risposto: "Io sono con voi, abbiamo combattuto”.

El Chapo ordinò quindi ad un sicario soprannominato El Negro di uccidere Rodolfo. L'uomo armato ha tenuto fede all'ordine in un centro commerciale, dove ha ucciso El niño de oro con sua moglie Giovanna Quevedo Gastélum. Vicentillo ha detto che il conflitto tra i due cartelli si è intensificato con questa vicenda. Per vendicarsi, quelli di Juarez ordinarono l'omicidio di uno degli amici più cari di El Chapo ad una festa di compleanno di El Mayo Zambada.

Era passato un decennio da quando i due capi non si erano visti. Vicentillo, 43 anni, ha detto al giudice Brian Cogan come il rapporto tra loro fosse cresciuto da quando suo padre lo aveva presentato a El Chapo quando aveva 15 anni. Vincentillo si riferiva a lui in ogni momento come "il mio compadre". "È il padrino del mio figlio più giovane", ha spiegato Vicentillo.

Zambada Niebla ha iniziato nel settore della droga a Cancun, la stazione termale dello Stato di Quintana Roo, mercato controllato da suo cognato Javier Díaz. Da lui ha appreso come funzionava il business, fino a quando il suo parente è stato ucciso dai fratelli Arellano Félix e si è trasferito a Culiacán per stare con il patriarca. "Mi sono coinvolto così tanto che ho iniziato ad entrare massicciamente nel business", ha spiegato il figlio maggiore di El Mayo. Nel 2001, era già considerato un capo della banda criminale.

"Mio padre è il capo del cartello", ha detto dopo che tre mesi fa si era dichiarato colpevole di molteplici accuse per traffico di droga. Questo è accaduto solo pochi giorni prima dell'inizio del processo contro El Chapo, che lo ha aiutato nell'operazione per introdurre diverse tonnellate di cocaina ed eroina negli Stati Uniti. Ora rischia una condanna all'ergastolo. Ma senza la loro collaborazione non sarebbe stato possibile catturare Guzmán, quindi spera che la sua testimonianza gli possa ridurre la pena.

La fuga da Puente Grande
Vicentillo ha riconosciuto El Chapo come uno dei leader del cartello di Sinaloa, ma con la sua testimonianza ha incriminato anche suo padre. Ha spiegato come entrambi erano partner: "I carichi erano divisi a metà". Il consolidamento di questa società fu fatta nel ranch di Franciso Aceves, noto come Barbarino, dopo la fuga di Guzmán da Puente Grande, nel gennaio 2001.

Vicentillo ha detto che era una bugia che l'allora presidente messicano, Vicente Fox, e l'incaricato della prigione sapevano dei piani di fuga. "Solo tre o quattro persone lo sapevano", ha detto Zambada Niebla, che ha spiegato alla giuria come El Chapo ha raccontato la sua esperienza di quando contava le porte che ha attraversato nascosto in un carrello della lavanderia. "Era eterno finché non ha raggiunto l'ultima barriera." Il motivo della fuga è che Guzmán Loera era stato avvisato giorni prima della sua estradizione negli Stati Uniti.

Vicentillo ha anche spiegato che suo padre ha usato i suoi contatti con le autorità messicane per conoscere le operazioni di polizia che venivano effettuate per trovare le tracce di El Chapo. In particolare si è riferito al colonnello Adams, un responsabile della sicurezza del presidente Fox, uno di quelli che lo avvertirono di spostarsi tra diversi luoghi della Sierra Madre e di eludere le forze dell'ordine dopo la fuga. In cambio, ha detto, ha ricevuto "pagamenti mensili".

Era una questione di tempo prima che prendesse posizione. Suo zio Jesu ReyZambada è stato il primo testimone dell'accusa al processo che è iniziato a metà novembre, ed ha detto che El Chapo aveva ordinato la morte del fratello di El Señor de Los Cielos che gli aveva negato il saluto. Vicentillo ha anche ricordato un episodio scagionando El Chapo: l'assassinio del cardinale Jesus Posada all'aeroporto di Guadalajara, che non era stato eseguito da Guzman ma da alcuni criminali per conto dei suoi rivali, il cartello di Arellano Felix.

Nella sfilata precedente di testimonianze al processo, si è fatta anche fatta menzione anche dell’incontro prima di Natale col narco colombiano Jorge Cifuentes, dove i i leader del cartello si ritrovarono con i rappresentanti della compagnia petrolifera Pemex per le spedizioni di cocaina sulle loro navi. L'idea era venuta da parti di importanti politici e governanti che volevano investire nell'operazione: non ha fatto nessun nome, ma ha specificato che l'idea era di trasportare 100 tonnellate di coca. La cosa poi non ha mai funzionato.



L'articolo ha ricevuto 512 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/03/2019 01:21:02

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 25/03/2019 06:32:47
Yemen: 2 morti e almeno 49 feriti a Taiz

Negli ultimi quattro giorni di combattimenti pesanti nella città di Taiz, in Yemen, tre strutture supportate da MSF hanno ricevuto 49 feriti e due morti. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 24/03/2019 06:40:42
Ciclone Mozambico: la gente non ha casa, non ha cibo, non ha acqua

Tutta l’infrastruttura elettrica è crollata. Ovunque vai ci sono pali della luce caduti, cavi elettrici ovunque, funziona tutto tramite generatori. Mancando l’elettricità mancano anche le pompe, l’acqua non arriva da nessuna parte in città.

Leggi l'articolo

Autore: Federico Maggioni - Redazione Attualit?
Data: 22/03/2019 06:30:38
Elezioni europee: i governi sono a rischio di attacchi hacker

FireEye, Inc., l’intelligence led security company, ha rilevato attività di spionaggio informatico da parte di due gruppi russi, che hanno come obiettivo i governi europei in vista delle prossime Elezioni Europee. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 20/03/2019 06:00:48
WORLD HAPPINESS DAY - 20 Marzo 2019

Cosa c’è di meglio per la Giornata Mondiale della Felicità del 20 Marzo se non regalarsi una dose di buon umore condividendo la colazione con il proprio partner  o con la famiglia seduti tranquillamente a tavola e concedendosi la giusta dose di felicità...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -