Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
In Italia è consentito uccidere. Ma se non paghi una multa...

In Italia è consentito uccidere. Ma se non paghi una multa...
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 30/01/2019 13:47:05

Circa trent’anni fa, inizia a dire: “Arriverà un giorno in cui gli omicidi non saranno condannati, ma se si proverà a non pagare una multa, allora vedrete che persecuzione”!

Come tutte le Cassandra della storia, non venivo minimamente presa in considerazione. Eppure, già allora, ravvisavo i prodromi di ciò che sarebbe accaduto.

Eccoci a oggi. Quanti italiani possono confermare cosa accade all’esistenza di chi, non per dolo peraltro, si azzardi a non pagare una multa, che diviene una cartella esattoriale – gonfiata di agi e interessi – e che, se non onorata, può diventare la persecuzione peggiore? Quasi tutti, credo, possiamo raccontare di giornate passate nel vano tentativo di dover dimostrare allo Stato di non essere delinquenti abituali, da sbattere nel girone infernale di coloro che non meritano rispetto.

A poche ore dall’incredibile sentenza che è stata emessa contro la famiglia Ciontoli, ecco che riappare il fantasma delle mie predizioni di tre decenni fa: la pena richiesta per Antonio Ciontoli era stata di 14 anni. La condanna è stata abbattuta a cinque anni. Tre per il resto dei familiari. Il reato riconosciuto dai giudici? Omicidio colposo. Il minore nella lista degli omicidi.

Il popolo italiano, collettivamente, è rimasto basito, indignato, addolorato. Così come indignati, basiti, addolorati, sono rimasti i genitori di Marco Vannini, la cui unica colpa è stata quella di innamorarsi di Martina Ciontoli, figlia di Antonio, la cui carriera appare molto più importante della vita di un ragazzo di 21 anni.

Non sapremo mai, forse, come sono andate le cose. È chiaro però ciò che è accaduto dopo. Ritardi nella richiesta dei soccorsi. Chiamata al 118 con ripensamento e tempo prezioso gettato alle ortiche, mentre un giovane moriva di superficialità e, quindi, di cattiveria ed egoismo. Perché le parole hanno un senso, e vanno usate a buona ragione.

Se ti preoccupi maggiormente della tua carriera, se ritardi i soccorsi, se invece di urlare al telefono agli operatori del 118: “Correte! E’ successo un casino! Un giovane rischia di morire per un colpo di arma da fuoco”! non sei una persona che merita rispetto e una sentenza per omicidio colposo. Sei una persona indegna, come indegne sono le persone che ti hanno sostenuto fin dai primi attimi di questa tragedia che poteva essere evitata, se al posto del cuore certa gente non avesse un registratore di cassa.

Vogliamo parlare di Martina Ciontoli? No, meglio non parlarne. Povero Marco Vannini, innamorato di una ragazza che ha chiarito di amare più il padre e la sua carriera, piuttosto che un giovane che gli aveva messo il cuore in mano.

Ora, tornando alla riflessione iniziale: cosa diamine è accaduto al nostro sistema giudiziario? Sembra come se, dall’alto, sia stato impartito un ordine: “Per quanto riguarda i casi di omicidio, siate clementi”. Non so se tutto questo lo dobbiamo al sovraffollamento delle carceri – e a 45 strutture penitenziari pronte ma mai aperte sul nostro territorio – oppure se vi siano, all’origine di questa clemenza, favoritismi o altre pratiche di cui non conosciamo nulla.

Sta di fatto che, il messaggio che l’Italia sta diffondendo è il seguente: la vita umana ha poco valore. Il denaro ne ha molto di più. Insieme al prestigio, al potere, alla casta di cui si fa parte.

Non è affatto un bel messaggio, ed è l’avvio di una società allo sbando. Cosa stiamo insegnando ai giovani? Cosa si sta creando per il futuro a breve? Come saranno rideterminate le scale dei valori umani?

A tutte queste domande, trovo una sola risposta: l’indignazione non basta. Bisogna agire. Agire in maniera corale, per non consentire che questa china ci porti tutti verso il precipizio peggiore: la cancellazione dei criteri di umanità, di dignità, di diritti umani.

Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina  


L'articolo ha ricevuto 1584 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/02/2019 02:50:38

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 17/02/2019 06:49:11
Italiani: dite e non fate, vi lamentate e subite

Cosa porti il popolo italiano a sopportare tutto questo, mi è ignoto a livello umano. Da giornalista, invece, ribadisco un concetto: se non si è alla fame, si tace. Se non si è alla fame, si va avanti in silenzio, con la garanzia di avere comunque le spalle coperte. Il vero problema che gli italiani sembrano ignorare è che, un giorno, i loro figli e nipoti si troveranno davvero col culo per terra. 

 

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/02/2019 14:10:07
Padre Patriciello vince la causa per diffamazione. Risarcimento devoluto ai bambini malati di cancro

Padre Maurizio Patriciello, editorialista di Avvenire e parroco del Parco Verde di Caivano, da sempre im prima linea contro l'avvelenamento ambientale delle aree campane, ha ottenuto giustizia dopo aver subito una campagna di diffamazione a mezzo stampa, operata dal giornalista Alfonso Mornile, che ha poi diffuso gli articoli attraverso Facebook.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/02/2019 14:21:41
Reddito di cittadinanza: non cancella la povertà e alimenta il precariato

Siamo la nazione europea che paga meno i lavoratori. Dal 2000 al 2017 gli aumenti salariali nazionali si sono attestati su circa 400 euro annui, contro - per esempio - i 5.000 della Germania. Dieci volte meno, in pratica

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/01/2019 07:13:43
Decreto dignità: la Waterloo dei diritti dei lavoratori precari

Meglio essere lavoratori precari o meglio disoccupati? A sentire i 400 lavoratori licenziati dal Call Center Datel di Crotone, che subiscono tra i primi gli effetti del “Decreto dignità”, è molto meglio essere lavoratori precari che col culo per terra.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -