Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Nauru: MSF avvia telemedicina per assistenza psicologica ai suoi ex-pazienti sull’isola

Nauru: MSF avvia telemedicina per assistenza psicologica ai suoi ex-pazienti sull’isola
Autore: Redazione Esteri
Data: 08/02/2019 06:53:30

Medici Senza Frontiere (MSF) avvia oggi un servizio di telemedicina per fornire assistenza psicologica gratuita ai suoi ex-pazienti sull’isola di Nauru, in Australia, tra rifugiati, richiedenti asilo e popolazione locale.

 

Questo servizio da remoto risponde all’impegno preso da MSF di garantire continuità di cure ai propri pazienti sull’isola, ancora estremamente vulnerabili, dopo che nell’ottobre 2018 il governo di Nauru ha chiesto all’organizzazione di interrompere le attività.

 

“Da quando siamo stati costretti a lasciare Nauru a ottobre, continuiamo a sentire di pazienti che si trovano in gravi difficoltà psicologiche e faticano a ricevere un’assistenza di qualità. Questo servizio di telemedicina è l’unica alternativa che ci è rimasta per mantenere l’impegno medico ed etico che abbiamo preso con i nostri pazienti” dichiara Beatrice Barbot, coordinatrice del progetto di MSF per Nauru.

 

MSF fornirà consultazioni psicologiche via telefono a tutti i propri ex-pazienti di Nauru attraverso un team di psicologi basato in Australia. MSF ha informato le autorità di Nauru e vede positivamente possibili collaborazioni e coordinamento con altre realtà mediche, con l’obiettivo di fornire le migliori cure possibile.

 

MSF ribadisce con forza la propria richiesta di evacuazione immediata di tutti i rifugiati e richiedenti asilo da Nauru, perché il rischio di sviluppare pericolosi problemi di salute mentale resta alto per tutte le persone bloccate sull’isola. Rifugiati e richiedenti asilo devono avere un rapido accesso a meccanismi di reinsediamento permanente insieme alle loro famiglie, perché possano ricostruire le proprie vite.

 

“L’assistenza psicologica può aiutare ad alleviare temporaneamente alcuni sintomi, ma purtroppo non esistono soluzioni terapeutiche per richiedenti asilo e rifugiati che vengono trattenuti a tempo indefinito a Nauru. Fino a quando la situazione non verrà risolta, faremo tutto il possibile per continuare a fornire l’assistenza psichiatrica e psicologica indipendente di cui le persone hanno disperatamente bisogno” dichiara dott.ssa Christine Rufener, psicologa clinica e coordinatrice delle attività di salute mentale di MSF.

 

Il 5 ottobre 2018, dopo 11 mesi di attività di salute mentale sull’isola, il governo di Nauru ha informato MSF che i servizi dell’organizzazione “non erano più richiesti” e ha imposto la chiusura delle attività entro 24 ore. Questa brusca interruzione ha costretto MSF a lasciare centinaia di pazienti che avevano urgente necessità di assistenza di salute mentale continuativa.

 

A dicembre, MSF ha pubblicato il primo rapporto indipendente di dati medici “Disperazione senza fine” che dimostra l’estrema sofferenza psicologica diffusa sull’isola di Nauru a causa delle politiche migratorie australiane che prevedono la detenzione indefinita off-shore. Quasi tutti i 900 richiedenti asilo e rifugiati a Nauru, inclusi 115 bambini, sono sull’isola da più di cinque anni, senza alcun avvio del loro processo di reinsediamento e senza la prospettiva di essere ricollocati.

 

MSF ha iniziato a fornire servizi piscologici e psichiatrici gratuiti a rifugiati, richiedenti asilo e abitanti della Repubblica di Nauru a novembre del 2017.


L'articolo ha ricevuto 352 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/02/2019 03:18:44

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 20/02/2019 05:07:35
Nigeria: migliaia in fuga verso il Camerun

Più di 35.000 rifugiati nigeriani hanno attraversato il confine con il Camerun nelle ultime settimane dopo l’acuirsi delle violenze nei dintorni della città di Rann, in Nigeria nord-orientale. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/02/2019 06:52:42
Ebola in Repubblica Democratica del Congo: si studiano nuovi farmaci

I quattro trattamenti valutati dallo studio clinico, Remdesivir, mAb114, REGN-EB3 e ZMapp, sono stati somministrati sin dall'inizio di questa epidemia seguendo il protocollo MEURI

Leggi l'articolo

Autore: Intervista di Virginie Bloch-Laine
Data: 05/02/2019 06:43:45
Genocidi e negazionismo: un'operazione di dissimulazione della realtà

Cosa si sa oggi dei genocidi? Le ricerche più recenti hanno aggiornato il modo di affrontare i crimini di massa? Come insegnare e lottare contro il negazionismo?

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 31/01/2019 06:28:14
Libano: emergenza sanitaria nei campi profughi

Da inizio gennaio le ripetute tempeste di pioggia, vento e neve nella valle della Bekaa hanno provocato inondazioni negli insediamenti dei rifugiati siriani, dove le acque grigie e reflue si sono mescolate con l'acqua potabile, costituendo un enorme pericolo per la salute pubblica.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -