Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Nuova Via della Seta: i collegamenti tra Asia, Europa e Africa

Nuova Via della Seta: i collegamenti tra Asia, Europa e Africa
Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Economia
Data: 23/03/2019

Obor è l'acronimo di One Belt One Road e si tratta del progetto cinese di una Via della Seta destinata a collegare l'Asia all'Europa e all'Africa.

In massima sintesi, la Cina moderna al centro degli scambi commerciali e per ridisegnare gli equilibri economici e geopolitici mondiali.

Per realizzare questo progetto, è necessario crare una rete di collegamenti infrastrutturali - sia marittimi che terrestri - che si basa su due principali direttrici: una è quella continentale, che parte dall territorio occidentale della Cina oer giungere in Europa del Nord passando per l'Asia Centrale e il Medio Oriente, l'altra marittima, che si snoda tra le coste cinesi e il Mediterraneo.

Nel 2013 il presidente cinese Xi Jinping aveva annunciato il piano e il primo ministro Li Keqiang, durante diversi viaggi in Europa e in Asia, aveva spiegato come si stesse puntando a coinvolgere 65 Paesi che raccolgono circa il 65% della popolazione mondiale e il 40% del Pil.

900 miliardi di dollari il costo dell'intera operazione, motivo per cui nel 2014 Pechino ha lanciato il Silk Road Fund (China Investment Corporation-Export and Import Bank-China Development Bank): un fondo da 40 miliardi creato per attirare investimenti esteri. 

Altri fondi arriverebbero dalla Banca Asiatica di Investimento per le Infrastrutture - AIIB - per circa 100 miliardi. Se tutto questo si concretizzasse, si tratterebbe dell'investimento infrastrutturale più importante di ogni tempo.

Per quanto riguarda il dettaglio dei collegamenti: per quanto riguarda quelli terrestri e ferroviari, si svilupperebbero su tre direttrici: una che andrebbe dall'Europa attraversando il Kazakhstan, la Russia e la Polonia, per sfociare nel Mar Baltico, mentre la seconda seguirebbe la linea Transiberiana.

In ultimo, la terza direttrrice che passerebbe dal Golfo Persico per arrivare a Instanbul.

Le rotte marittime, invece, si articolerebbero in due due diversi tragitti: il primo partirebbe dal porto cinese di Fuzhou e, attraversando Oceano Indiano e Mar Rosso, approderebbe in Africa per poi arrivare in Europa, mentre il secondo - che partirebbe sempre dal porto cinese di Fuzhou - si estenderebbe sino alle isole del Pacifico.

Un progetto enorme, la cui eventuale realizzazione prevederebbe comunque anni e anni per ridisegnare i flussi economici internazionali.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/09/2022 20:45:17

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -