Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Ciclone Mozambico: la gente non ha casa, non ha cibo, non ha acqua

Ciclone Mozambico: la gente non ha casa, non ha cibo, non ha acqua
Autore: Redazione Esteri
Data: 24/03/2019 06:40:42

 

Il racconto audio del capo progetto di MSF Gabriele Santi

 

“La situazione è drammatica perché il disastro è esteso, e non è soltanto Beira. Il ciclone ha impattato su Beira, dove ha spazzato via il 70% dei tetti delle case, un 15% sono crollate. Molte persone sono state ferite, perché volavano lamiere, c’erano alberi che cadevano. Poi sono arrivati 3-4 giorni di pioggia. Il ciclone è entrato a Beira ed è arrivato in Zimbabwe continuando a devastare e portando con sé una quantità mostruosa di acqua. Tutta quell’acqua si è riversata e ha inondato l’intera valle.

 

Tutta l’infrastruttura elettrica è crollata. Ovunque vai ci sono pali della luce caduti, cavi elettrici ovunque, funziona tutto tramite generatori. Mancando l’elettricità mancano anche le pompe, l’acqua non arriva da nessuna parte in città.

 

Il primo problema sono le case, la gente non ha rifugio, sono senza un tetto sulla testa.

Poi l’acqua, la gente beve acqua dai canali o da terra, ma è acqua sporca che può portare malattie. 

 

17 centri di salute sono stati gravemente danneggiati, l’ultimo è crollato. Lavorano tutti a spazio ridotto perché non hanno più il tetto. L’ospedale è di fronte all’oceano e ha ricevuto in pieno il ciclone, quindi la devastazione dell’ospedale è ancora maggiore.

 

L’altro problema è il cibo. Beira è rimasta tagliata fuori. La maggior parte del cibo arriva dalle zone agricole, ma tutto completamente allagato e le strade sono interrotte. È già una settimana che le risorse scarseggiano e stanno diminuendo sempre di più.

 

Una grossa difficoltà è la comunicazione. È difficile organizzare i soccorsi perché non riusciamo a comunicare facilmente tra di noi. Il nostro progetto HIV è saltato perché i centri in cui lavoravamo non hanno più la struttura. Stiamo cercando di ristrutturare almeno tre grossi centri per la salute e avviare cliniche mobili nelle zone più devastate dove c’è ancora acqua alta e le persone hanno più bisogno. Abbiamo avviato le nostre cliniche mobili e abbiamo supportato distribuzione di medicinali.

 

A Beira hanno evacuato molte zone e istituito centri di accoglienza in cui si sono radunate le persone dalle aree completamente inondate. Dalle zone più isolate sono state fatte delle evacuazioni via elicottero. Le squadre MSF sono attive in città e raggiungeranno le aree più lontane. La città di Dondo è ancora più bassa rispetto a Beira ed è stata travolta dal fiume.

 

Nei vari tentativi di scendere a Beira, il fiume era diventato un lago che attraversava la strada per un chilometro e mezzo, una quantità di acqua devastante. C’era gente che cercava di passare e qualcuno è finito in acqua. Avendo vissuto qui in città è impressionante, la scuola dove andavano i ragazzi è sfondata, è una città completamente rotta. Non si può contare la quantità di alberi caduta sulle case e sulle strade.

 

La priorità ora è ristabilire l’acqua potabile e l’assistenza sanitaria di base. Poi ricostruire le case e garantire cibo. Le persone non sanno dove andare a prendere il cibo. Una cosa difficilissima da fare in una città di 500.000 che si estende per 25 km. Ci stiamo focalizzado su alcune zone dove ci sono i principali centri sanitari per creare dei centri di referenza medica.

 

Ma la gente non ha casa, non ha cibo, non ha acqua.”


È possibile sostenere le attività MSF per le popolazioni colpite dal ciclone attraverso il nostro Fondo Emergenze sul sito: www.msf.it/ciclone

 

Prima del ciclone, in Mozambico MSF forniva assistenza ai pazienti sieropositivi e ai pazienti affetti da tubercolosi multi-resistente ai farmaci e dal 2016 ha avviato un programma per dell’Epatite C. In Malawi MSF dal 1986 fornisce assistenza ai pazienti HIV, in particolare tra gli adolescenti e altri gruppi vulnerabili. Nel distretto di Chiradzulu, sta sviluppando anche un progetto per la prevenzione e il trattamento del tumore cervicale. In Zimbabwe MSF lavora dal 2000 in collaborazione con il Ministero della Salute, fornendo trattamenti per HIV, TB, malattie croniche e salute mentale. Nel 2017 ha assistito 1.400 pazienti per violenza sessuale e condotto 1.500 sedute individuali di salute mentale. 

 


L'articolo ha ricevuto 368 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/06/2019 10:14:17

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 24/06/2019 08:52:35
Indonesia: scossa di terremoto 7.1

Indonesia: una fortissima scossa di terremoto di magnitudo 7.1 è stata registrata alle 11:53 ora localeal largo dell'arcipelago indonesiano delle Molucche.

Leggi l'articolo

Autore: Nathalle Mayer - Redazione Attualita'
Data: 20/06/2019 06:38:06
La città più grande del mondo

Per determinare quale sia la “più grande città” del mondo, bisogna intendersi sul termine. “Più grande” in termini di popolazione o superficie?

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 16/06/2019 16:00:17
Maxi black out tra Uruguay, Argentina e Brasile: 50 milioni di persone senza corrente

Le Un maxi black out si sta verificando in Argentina e Uruguay, causato da un grave guasto n sistema di interconnessione elettrica, ha lasciato le due nazioni senza corrente.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/06/2019 08:41:03
Ebola: MSF interviene per rispondere all’epidemia in Uganda

Un’équipe di Medici Senza Frontiere (MSF), composta da medici e logisti, è operativa nel distretto di Kasese, in Uganda, dove sono stati dichiarati dallo scorso 11 giugno tre casi di Ebola, tutti facenti parte di un unico nucleo familiare in viaggio dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC).

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -