Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Quota 100 e reddito di cittadinanza: rischio restituzioni per migliaia di cittadini?

Quota 100 e reddito di cittadinanza: rischio restituzioni per migliaia di cittadini?
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/04/2019 06:44:16

Care lettrici e cari lettori, pensavate di aver compreso il funzionamento di quota 100 e del reddito di cittadinanza? Reset. Mettetevi comodi e leggete con calma. Il reddito di cittadinanza, tema di cui mi occupo da diverso tempo evidenziando le tante criticità di una misura che pretende di fare dell’assistenzialismo la soluzione a miseria e disoccupazione, fin dall'inizio si è presentato come un guazzabuglio informe, per molti aspetti lontano dall'essere una misura valida per sostenere poveri e disoccupati.

Le oltre 850.000 domande presentate dalla partenza, rappresentano fino a ora rappresentano circa il 65% della platea complessiva degli aventi diritto, che è stata stimata in circa 1.300.000 famiglie. Le maggiori richieste al Sud, mentre la regione col minor numero di cittadini che hanno presentato domanda è il Trentino.

Stime che, però, lasciano il tempo che trovano, perché mancano alcuni strumenti fondamentali per verificare l’effettivo diritto a rientrare nella platea dei beneficiari.

Poco prima delle dimissioni l’ex presidente dell’INPS, Tito Boeri, avvertì di una possibile falla: l’ente non è in grado di verificare la situazione patrimoniale dei richiedenti. Cosa significa? Che – secondo una stima realizzata dall’INPS – col passare del tempo potrà verificarsi uno scenario non insolito: la richiesta di restituzione delle mensilità percepite per mancanza dei requisiti patrimoniali necessari all’assegnazione del sussidio. Una sciagura che si aggiunge alle altre sul tema.

D'altronde l'ente non è nuovo a situazioni del genere, molti italiani sanno cosa significhi percepire denaro in esubero per errori commesso dall'INPS e poi dover restituire quanto percepito.

In questa situazione, però, è chiara una cosa: pur di varare il reddito di cittadinanza in tempo utile per fare propaganda politica prima delle elezioni europee, s’è preferito avviare una misura fatta coi piedi, priva degli indispensabili strumenti atti a verificare che i cittadini abbiano i requisiti necessari per  ottenere questo sostegno economico.

Sembrerebbe una barzelletta ma non lo è.

Andiamo avanti e passiamo a quota 100. Dal primo aprile ’INPS ha avviato l’erogazione delle pensioni per i cittadini che hanno aderito a questa opzione. Pensate per caso che sia una buona notizia? Non per tutti.

Anche in questo caso l’ente potrà richiedere indietro quanto versato a molti cittadini. Il motivo? Poiché per ricevere la pensione è necessaria l’effettiva cessazione dell’attività lavorativa, e poiché molti lavoratori italiani in odore di pensione hanno inviato la richiesta, ma solo in via cautelativa e allo scopo di attendere la conversione in legge, ecco che costoro  inizieranno a percepire la pensione, ma non avendone ancora diritto, essendo ancora in servizio, l’INPS dovrà chiedere a costoro la restituzione delle somme indebitamente percepite

Non è tutto, perché c'è anche chi mette in dubbio che le risorse economiche non sono sufficienti per coprire tutte le pensioni. Inoltre il ministro delle finanze Giovanni Tria recentemente ha messo un freno, dichiarando che quota 100 deve ritenersi una misura temporanea e in via sperimentale. Questa dichiarazione è dovuta al fatto che l'OCSE ritiene le misure economiche varate dall'Italia soluzioni che mettono in serio rischio la tenuta dei conti. Insomma: non c'è garanzia di nulla in questa nazione, solo interventi spot, misure economiche raffazzonate e ideate in fretta e senza un minimo di ragionamento logico.

Tutto questo chiarisce una volta di più come si stiano trattando argomenti molto sensibili per la vita di milioni di cittadini. E' come se si stesse giocando alla roulette russa.

Si utilizzano preziose risorse economiche che potrebbero essere impiegate in maniera più assennata, e tutto questo solo per creare consenso e, contemporaneamente, un casino della malora.

Insomma: altro che cancellazione della povertà e maggiori diritti ai pensionati.

L’unica misura realmente avviata è quella del caos supremo. Forse andrebbe aperto un nuovo ministero, che si occupi di risolvere le castronerie realizzate da certi componenti del governo.

Sto scherzando…Non vorrei che qualcuno ci pensasse sul serio.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina  


L'articolo ha ricevuto 2160 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 20/06/2019 11:39:36

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/06/2019 07:08:16
Ci stanno ingabbiando nel nome della Democrazia

La capacità economica della classe media, in qualsiasi nazione, è stata abbattuta notevolmente e non sembra arrestarsi la china intrapresa. Il lavoro è stato reso un onere da vivere pur di campare, ma male. Oltre la metà di quanto si guadagna è assorbito - in un paese come l’Italia – dalle imposte sul lavoro. Si fatica oltre sei mesi l’anno facendo volontariato. Per lo Stato.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 07/06/2019 07:05:45
Notizie: c’è penuria di quelle buone

Ogni santo giorno, dalla lettura della prima rassegna stampa al mattino e fino a tarda sera, non c’è modo di scovare qualcosa di positivo, positivo davvero intendo, per ciò che riguardi la politica nazionale e internazionale, il clima e l’ambiente, l’economia e la cronaca.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/05/2019 12:41:44
Cronache da Babilonia

Vuoi aver diritto di parola? Devi sapere cosa dire e come. Non è un’opinione personale, bensì un criterio logico. Di conseguenza, prima di urlare alla dittatura, prima di rendersi simili a un sistema politico che urla ma non spiega, impreca ma non realizza, propaganda ma non onora le promesse, sarebbe necessario e urgente ripensarsi come popolo...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -