Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Revenge porn: i politici litigano. La soluzione esiste: non girate filmini porno

Revenge porn: i politici litigano. La soluzione esiste: non girate filmini porno
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 28/03/2019

Revenge porn. Tradotto significa “vendetta pornografica”. Un tema molto attuale – purtroppo – e che ha provocato il suicidio di alcune donne, in tempi recenti. Come nel caso di Tiziana Cantone, suicidatasi nel 2016.

Di cosa si tratta? Durante i rapporti sessuali, alcuni decidono di riprendere le scene di sesso. Oggi attraverso qualsiasi cellulare è un’azione fattibile per tutti. Costoro devono trovare particolarmente eccitante la pratica di perder tempo col telefonino invece di trastullarsi sessualmente.

Ok, ognuno tra le lenzuola, sui tavoli della cucina, in bagno o dove vuole, quando gli ormoni scattano e il rapporto sessuale è impellente, può fare ciò che meglio crede. Tranne, a mio parere, mettere in pericolo la propria dignità e, in alcuni casi, la propria vita.

Perché scrivo questo? Perché quando si decide scientemente di prestare la propria immagine a una telecamera mentre si compiono atti sessuali di vario genere, si dovrebbe anche mettere in cantiere che non sempre questa decisione può essere innocua.

Un video pornografico privato, oggi, può diventare un’arma letale. In special modo se l’incontro sessuale avviene tra persone che si conoscono da poco, cosa sempre più frequente nella società attuale. Ma attenzione: non è detto che un rapporto di coppia consolidato non possa nascondere, un giorno, il rischio di vedere diffusi - sui social o su WhattsApp  - i video delle proprie imprese sessuali.  Oggi vi amate alla follia. Domani potreste tirarvi il servizio di piatti in testa e ritrovarvi pure con un dispetto da trogloditi dell’era 3.0: il filmino porno diffuso in rete a macchia d’olio.

Non lo farebbe mai”! Sono certa che lo state pensando. Lo potrebbe fare, chiunque, in un momento di devianza mentale, di odio scellerato, di caduta dei neuroni, di ubriacatura alcolica o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Per dispetto, per rabbia, per incapacità intellettiva, per pura cattiveria, per superficialità.

In queste ore il governo sta litigando – che novità! – proprio su una legge per contrastare la violenza, genericamente contro le donne, ma non solo.

Tra le misure di cui stanno discutendo c’è anche il tema del revenge porn. Ebbene: dalla Sinistra era arrivato un emendamento per inasprire le pene contro chiunque si azzardi a diffondere video pornografici privati. Che fanno Lega e M5S? Votano contro l’emendamento. Il motivo? Dicono che vogliono prendere decisioni autonome sulla Legge. Incomprensibile.

La Lega che fa? Propone una legge sulla castrazione chimica per chi si macchi del reato di violenza sessuale. Accontentiamoci del fatto che non abbiano proposto la castrazione fisica.

Alla fine giungono alla conclusione che non è una conclusione coerente: trattiamo. A Sinistra propongono: voi della Lega ritirate la proposta di castrazione chimica e troviamo un accordo sul revenge porn. La vita delle persone non è la priorità. Lo scazzottamento politico e le elezioni europee sempre più vicine, si.

Insomma: come diamine si dipana la questione? Come risolvere il problema dell’eventuale diffusione non autorizzata dei filmini porno amatoriali? Ho la soluzione. Non accettare mai, e dico mai, di diventare protagonisti di un filmino porno. È l’unica soluzione coerente e condivisibile. Se aspettate che la politica trovi la quadra a questa questione state freschi. A parte questo: come potrebbero risolvere il problema alla fonte? Non saranno certo le eventuali condanne a superare il problema della diffusione dei filmati. In ogni caso si rischia la diffusione. E' un dato di fatto.

D’altra parte, a meno che non lo facciate per mestiere, ma che ve ne frega di farvi filmare mentre…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina  

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/06/2020 23:59:21

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -