Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
Libia: MSF fornisce acqua e cibo nei centri di detenzione

Libia: MSF fornisce acqua e cibo nei centri di detenzione
Autore: Redazione Esteri
Data: 13/04/2019 06:47:07

La situazione a Tripoli resta preoccupante per i civili coinvolti nel conflitto, che negli ultimi giorni ha colpito aree più densamente popolate. Sono migliaia gli sfollati fuggiti dalle aree a rischio e 1.300 migranti e rifugiati restano intrappolati nei centri di detenzioneMedici Senza Frontiere (MSF) continua a fornire assistenza nei centri e ha iniziato ad assistere anche famiglie libiche sfollate che sono state costrette a lasciare le loro case.  

 

Sono diversi i centri di detenzione situati all’interno o nei pressi dell’area di conflitto, dove le persone vivono in condizioni di estrema vulnerabilità, senza possibilità di fuga e con servizi di base, come cibo, acqua, elettricità e cure, del tutto limitati. Dopo giorni, le persone detenute nel centro di Ain Zara sono state ricollocate in altre aree, ma il centro di Qasr Bin Gashir resta in prossimità della linea del fronte e altri sono pericolosamente vicini.  

 

MSF ha effettuato consultazioni mediche e distribuito acqua potabile alle 477 persone bloccate nel centro di Tajoura, e ha fornito cibo per cinque giorni al centro di Sabaa, dove nelle ultime 72 ore sono arrivate quasi 200 persone ricollocate da Ain Zara, portando a 529 il numero totale di persone nel centro. MSF sta anche fornendo ai centri scorte di medicinali contro la tubercolosi e altri farmaci, per garantire la continuità delle cure anche durante il conflitto. 

 

Fuori dai centri, le strutture mediche hanno carenza di personale e forniture, sia nella città di Tripoli che fuori, strutture e operatori sanitari hanno subito attacchi ed è sempre più difficile gestire l’aumento dei bisogni medici. MSF ha iniziato a fornire assistenza e kit igienici anche alle famiglie libiche sfollate che vivono in ripari temporanei.  

 

I team di MSF stanno monitorando la situazione e valutando i bisogni umanitari per essere pronti a fornire ulteriore supporto nell’area del conflitto. Nel frattempo, continuano le attività regolari nel resto del Paese, dove MSF fornisce assistenza a più di 800 persone trattenute arbitrariamente nei centri di Khoms, Zliten e Misurata. 

 

In tutta questa situazione, il Mar Mediterraneo resta una delle poche, disperate alternative possibili per le persone in fuga dai combattimenti. Non sappiamo ancora se le partenze dalla Libia siano aumentate dall’inizio dei combattimenti ma il rischio aumenta dopo la chiusura dell’aeroporto di Tripoli a causa degli attacchi aerei. In questi giorni sono annegate 8 persone a bordo di un’imbarcazione di legno, mentre 20 superstiti sono stati intercettati dalla guardia costiera libica e riportati indietro. In assenza di un meccanismo di ricerca e soccorso in mare, la vita delle persone è a rischio tanto in mare quanto nelle zone di conflitto a Tripoli. 


L'articolo ha ricevuto 480 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/06/2019 10:14:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Lola Hierro - Redazione Esteri
Data: 24/05/2019 06:25:40
Conflitti armati e disastri naturali provocano lo spostamento di 41,3 milioni di sfollati

Ai 41,3 milioni, secondo l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), si aggiungono altri 13,7 milioni di rifugiati e richiedenti asilo fuori dai loro confini: in totale 65 milioni di persone si stanno muovendo in tutto il mondo.

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 10/05/2019 19:39:34
Tunisia: 70 persone muoiono annegate a 40 miglia da Sfax

Sono almeno 70 le persone morte annegate giovedì a causa dell'affondamento dell'imbarcazione che li trasportava - in acque internazionali - a 40 miglia dalla città di Sfax in Tunisia.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 19/03/2019 06:44:12
Grecia: a tre anni dall'accordo UE-Turchia 12.000 persone restano bloccate negli hotspot

A causa dell’accordo UE-Turchia, circa 12.000 tra uomini, donne e bambini sono attualmente bloccati in condizioni terribili nei cinque hotspot sulle isole greche. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 17/03/2019 06:48:58
Europee: la priorità per 10 milioni di europei è la sostenibilità

Ambiente, efficienza e trasparenza delle istituzioni europee, R & S, istruzione, evasione fiscale, politiche sociali, migrazione…tante le priorità sollevate. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -