Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Recensione: i Sonics al Teatro Olimpico

Recensione: i Sonics al Teatro Olimpico
Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 18/04/2019 06:20:00

Sulla falsariga del Cirque Du Soleil, in una cornice molto più stretta e con tanta strada ancora da percorrere, uno spettacolo che l’Olimpico ha accolto con entusiasmo crescente in un pubblico gremito già dalla prima stampa del 16 fino al 20 aprile.

I Sonics si esibiscono per un’ora e mezza circa volteggiando, saltando, piegando allo stremo le membra e forzando il corpo e i muscoli su tende di stoffa o teloni di plastica, appesi a trabiccoli di legno pericolosamente sospesi in aria e un tappetone sotto a parare eventuali cadute.

Una performance chiamata Steam che racconta un viaggio, anzi l’interruzione di un viaggio per sei personaggi strani ed eccentrici, il pretesto per immaginare e fantasticare con mente e corpo, senza lasciarsi sconfiggere dall’idea del peso gravitazionale o del pensiero narcisista fine a se stesso. I ballerini/acrobati/performers creano un terreno autoidentitario in cui riconoscere le proprie movenze e fattezze, in cui la fascinazione del corpo supera i limiti dell’estetica e si fa visione concettuale, in disegni di luci e incontri celesti, sinuosità e circolarità che si rincorrono, abilità suggestionanti come l’acrobata con la sua enorme ruota, forse il numero più entusiasmante dello spettacolo dove davvero l’uomo sembra superare le leggi gravitazionali e farsi aria e suspense, volteggiando vertiginosamente su un sottile confine tra il vero e l’immaginario.

Musiche originali di Ruggiero Mascellino, molto soavi che prendono per mano le esibizioni e le esaltano in un’atmosfera poetica e lirica, mettendo sul piedistallo l’anima, il sentimento che forza le catene della materia per innalzarsi alla gioia.

Solo a tratti qualche tentennamento, un’incertezza sui pattini o in qualche movimento azzardato che dimostra una certa inesattezza nell’esecuzione. La banalità di qualche sketch dove il funambolo non esprime al meglio le sua potenzialità.

Non entusiasmante ma piacevole, uno spettacolo gradevole dalla forza evocativa forte e assonante, con l’immagine finale di un sommergibile sospeso ad indicare l’irrazionalità della visione del mondo e la sua finitezza, oltre la quale solo la mente può giungere.  

Creato e diretto da Alessandro Pietrolini, coreografie eccellenti e molto figurative a cura dei performer della Compagnia Sonics con la supervisione di Alessandro Pietrolini e Federica Vaccaro, lo spettacolo è auto sovvenzionato e tutto viene confezionato da loro, dai costumi agli oggetti di scena con la scenografia. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/10/2019 07:25:59

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione della Redazione
Data: 08/10/2019 07:14:00
Hotel Antonella apre il Ristorante La Sughereta: un'oasi a due passi da Roma

Conoscevamo di fama lo chef Claudio Lunghi, stella Michelin, e non è stato quindi difficile, affidandoci alla gentilezza del direttore della struttura - Andrea Mugnai - e al personale, particolarmente professionale e affabile, degustare piatti di alto livello.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 03/08/2019 06:30:34
Sardegna: Murales, dove non c'è solo il mare...

 A ridosso del mare ma in quel tipico paesaggio sardo che sa già di entroterra, brughiera e sapori di montagna, incontriamo casualmente un’azienda vinicola nata nel 2011...

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 28/05/2019 06:36:29
Recensione: Tre Fratelli - Roma, Teatro Palladium

Opera presentata in Italia per la prima volta, Tre Fratelli (The siblings play) di  Ren Dara Santiago, per la traduzione di  Michela Compagnoni e la collaborazione del Dams, la partecipazione di Simone Bobini, Teo Achille Caprio, Michele Ferlito, Giulia Gizzi  e con  Barbara Folchitto...

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 19/12/2018 07:09:30
Recensione: Ciakpolska Film Festival - Casa del Cinema

Ciakpolska Film Festival, il festival del cinema polacco a Roma che ha avuto luogo alla Casa del Cinema dal 1 al 7 dicembre

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -