Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
La questione (im)morale

La questione (im)morale
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/05/2019 06:41:59

«I partiti non fanno più politica. Hanno degenerato e questa è l'origine dei malanni d'Italia”. Questo è quanto dichiarò Enrico Berlinguer, intervistato da Eugenio Scalfari per Repubblica il 28 Luglio del 1981.

Era il periodo storico in cui, nel nostro paese, il comunista Enrico Berlinguer sollevò la “questione morale”. Cosa diceva, in estrema sintesi, Berlinguer? Che il crollo del sistema politico dipendeva dal fatto che i partiti si erano infiltrati in tutte le pieghe istituzionali e nello Stato. Dagli enti locali, agli enti di previdenza, passando per banche, università, istituti di cultura, televisione pubblica e alcuni quotidiani nazionali.

Oggi si potrebbe pensare: “Cosa ci sarebbe di strano”? La risposta coerente è: “Tutto”. Col passare del tempo, questa invasione dei vari settori strategici per la popolazione è divenuta cosa talmente consueta da non lasciare ai cittadini la possibilità di comprendere un problema essenziale. La politica non deve controllare le istituzioni facendone parte, non deve essere presente in ogni settore nazionale, deve – semmai – operare affinché le istituzioni, le imprese pubbliche, gli ospedali, le banche, non deviino dal motivo per cui esistono: dare servizi ai cittadini. E’ questo il fulcro di una questione mai sanata e che, anzi, col passare degli anni è peggiorata.

Aver consentito ai partiti di appropriarsi della cosa pubblica, ha permesso una modificazione incoerente di ciò che i partiti avrebbero dovuto rappresentare per il paese: essere elemento di rappresentanza delle istanze dell’elettorato, essere portavoce delle questioni urgenti, essere – anche – titolari di un dovere: quello di lavorare per migliorare la percezione che, anche al di fuori dei confini nazionali, si ha del Bel Paese.

Invece no: già a inizio anni ’80 la situazione era catastrofica, tanto da far sentire impellente, al Partito Comunista presieduto da Berlinguer, di sollevare una questione complessa quanto prioritaria. La questione morale. Che consisteva nel prendere atto di come i partiti, ormai, pensassero solo ai propri interessi e non più a quelli dei cittadini che dovevano rappresentare. Bulimici di potere già circa 40 anni fa, mai arrestato il processo di sviluppo di questa tendenza – sarebbe stato necessario l’intervento della popolazione – ecco che si è assistito unicamente a un fatto: la situazione, sollevata da Berlinguer, si è incancrenita, al punto da arrivare ai nostri giorni, in cui si può parlare, semmai, di questione immorale.

Una piccola riflessione: negli anni ’80 l’Italia conobbe un periodo che sembrava di estremo sviluppo economico. Dopo la crisi degli anni ’70, a molti sembrò che le criticità sociali, ed economiche, che avevano prostrato buona parte della popolazione, fossero ormai cosa da relegare ai ricordi. Fu un grosso errore. Perché perdere il controllo della situazione, abbandonarsi a un benessere fittizio, fu l’inizio della sconfitta drammatica della classe media italiana.

Una manciata di anni dopo, ecco giungere l’inchiesta “Mani pulite”. Gli italiani scoprirono gli scheletri negli armadio di politici e industriali, pensando che  - col disvelarsi di amare verità – si stesse arrivando alla soluzione della questione morale. Nulla di più sbagliato. Dopo quell’inchiesta accadde l’opposto di ciò che si sperava dovesse accadere: i protagonisti della politica nazionale smisero di vergognarsi e di temere il giudizio popolare. 

Da quel momento, tutto fu reso noto. Tutto fu svelato, giorno dopo giorno, a una popolazione che, invece di reagire, si abituò man mano a questo metodo, non riuscendo più a percepire il criterio di limite alla decenza. Un po’ come inghiottire una sola goccia di veleno al giorno. Non muori subito. Non accade nulla di eclatante. Semmai, muori all’improvviso, quando ormai non vi è più nulla da fare.

Oggi assistiamo a qualcosa di paradossale: i partiti ormai hanno preteso di imporre il potere in ogni dove. Nulla che faccia parte della nazione sfugge al controllo dei partiti politici, che si dividono la proprietà di ciò che avrebbero dovuto – semmai – contrastare con le azioni più opportune alla tenuta economica e sociale.

Di contro, ogni giorno apprendiamo di qualche nuovo atto di corruzione, qualche nuovo scandalo in seno agli ambienti politici. Il caso Lombardia è l’ultimo, ma solo in ordine di tempo. Il potere di poter decidere su ogni argomento, attraverso l’accettazione di leggi chieste dai gruppi di pressione, è uno dei noccioli della questione immorale che aggredisce questa nazione.

Dagli anni ’80 a oggi, siamo giunti a un sistema che può esser denominato solo in un modo: “Politica immorale”. Che pensa solo a se stessa, essendosi scollegata totalmente dai motivi fondanti del sistema partitico, e che ora è giunta al paradosso: i ministeri sono controllati da chi presiede il governo ed è, contemporaneamente, capo di partito. Accade da diversi anni e pochi, tra la popolazione, osservano questo fatto come un’aberrazione. Il problema di fondo, a mio parere, resta sempre lo stesso. Manca un elemento fondamentale. Il controllo di quanto accade da parte della popolazione.

Quando Gaber cantavaLa libertà non è star sopra un albero/ Non è neanche il volo di un moscone/La libertà non è uno spazio libero/Libertà è partecipazione” intendeva proprio questo.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/10/2019 10:22:34

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/10/2019 16:18:42
Ogni volta che Di Maio esulta in Italia muore un pezzo di Democrazia

Attualmente, il numero di cittadini per singolo deputato è pari a 96.000 mentre ogni singolo senatore rappresenta 188.424 italiani. con la riforma di cui stiamo parlando, a ogni deputato corrisponderanno 151.210 abitanti e a ogni senatori 302.420.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/10/2019 06:34:18
Dittatura in salsa digitale

Tutto ciò che accade in economia, e in politica, non accade per caso. Troppo spesso il cittadino comune ritiene che ciò che gli arriva come una sprangata sulla testa, e che si ripercuote contro il suo portafogli, sia solo frutto di incapacità a gestire la cosa pubblica...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 29/09/2019 07:07:27
Greta Thunberg: gli effetti delle sue campagne non sono a sostegno del clima

“Ma è una bella manifestazione di unità su un tema importante”! bene: che lo facciano gli adulti allora. Magari mamme casalinghe e padri in cassaintegrazione, portando avanti la missione di “salvare il futuro dei figli, dei nipoti e pronipoti, evitando al contempo di fare la figura di coloro che “Hanno distrutto l’infanzia e i sogni di Greta” e della loro stessa prole...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 25/09/2019 06:42:49
Il futuro degli italiani tra tasse sulle merendine e incompetenza generale

Se il precedente governo Conte aveva scontentato molti, il bis non sembra avviarsi nelle migliori disposizioni. Tra le misure economiche che stanno tenendo insonni molti utenti dei social web, va sicuramente annoverata la tassa sulle merendine. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -