Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Occupazione  
Wind Tre blocca i trasferimenti obbligatori e punta a valorizzare le torri

Wind Tre blocca i trasferimenti obbligatori e punta a valorizzare le torri
Autore: Maria Luisa Chioda - Redazione Economia
Data: 14/05/2019

Primo segnale positivo nella trattativa tra Wind Tre e i sindacati sul piano di riassetto aziendale presentato due mesi fa. Oggi, secondo quanto apprende Radiocor, l'azienda comunicherà, nell'incontro con i rappresentanti territoriali a Roma, che i trasferimenti dalla Capitale a Milano, osteggiati dalle sigle, non saranno obbligatori ma avverranno solo su base volontaria e per la sola attività di 'Planning e control' dove lavorano 50 persone. I trasferimenti potenzialmente avrebbero potuto riguardare l'intero settore Finance che conta 200 dipendenti.

 

Proprio il tema trasferimenti era tra gli aspetti del piano che ha portato alla rottura del tavolo di trattative con i sindacati e allo sciopero dell'11 aprile.

 

Successivamente, invece, in sede ministeriale, si sono poste le basi per una gestione condivisa del riassetto e, dunque, per la riapertura del dialogo. Nessuna novità invece sul fronte degli altri punti salienti della riorganizzazione, ovvero la ventilata vendita dei data center e l'ipotesi della creazione per le torri della newco "Pisa" da vendere al 49 per cento.

 

Anzi, sul fronte delle torri (Wind Tre ne ha circa 7mila) l'azienda, secondo quanto si apprende, esplora tutte le opportunità presenti nel mercato con l'obiettivo di valorizzare l'asset. Su torri e data center si terrà un altro incontro con i sindacati probabilmente a giugno. Tornando ai trasferimenti l'attività che sarà svolta a Milano, cioè il 'Planning' e control sarà gestita anche grazie a sistemi di job rotation tra i dipendenti già presenti nel capoluogo lombardo.

 

Rotazione delle funzioni che potrà essere utilizzata anche a Roma per quei dipendenti dell'attività che non si trasferiranno volontariamente a Milano. Tornando al nodo delle torri, secondo alcune fonti, Wind Tre guarderebbe a tutto il panorama del mercato, compresa l'ipotesi di una collaborazione con Tim e Vodafone che stanno trattando per mettere a fattor comune le loro infrastrutture.

 

Ma, come sottolineano altre fonti, non sembra questa la strada maestra per valorizzare al meglio le circa 7mila torri del gruppo Wind Tre.


(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/05/2020 05:07:03

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Occupazione

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 24/05/2020
Decreto rilancio: approvato il Bonus colf e badanti

Nella precedente versione del decreto, gli importi del sostegno economico erano stati fissati dai 400 ai 600 euro...

Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 10/05/2020
Fase 2, allarme delle imprenditrici: ''Le donne rischiano di essere tagliate fuori''

“Nel dibattito sulla fase due le donne sono del tutto assenti. Il Governo sembra essersi dimenticato di mettere le imprenditrici e le lavoratrici... 

Leggi l'articolo

Autore: Fausta Tagliarini - Redazione Economia
Data: 30/04/2020
Covid-.19: Cassa Dottori Commercialisti: online il bando per contributi agli iscritti

È online da ieri sul sito della Cassa Dottori Commercialisti il bando per la richiesta di contributi assistenziali a supporto degli iscritti che lavorano in uno studio professionale in affitto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 27/04/2020
Settore ristorazione: si rischia il fallimento

Moriranno oltre 50.000 imprese e 350.000 persone perderanno il loro posto di lavoro. Bar, ristoranti, pizzerie, catering, intrattenimento, per il quale non esiste neanche una data ipotizzata...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -