Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Medicina  
Antibiotici: nei fiumi tracce 300 volte superiori al consentito

Antibiotici: nei fiumi tracce 300 volte superiori al consentito
Autore: Redazione Scientifica
Data: 10/06/2019 06:50:49

Nei fiumi del mondo scorrono concentrazioni di antibiotici che arrivano a superare anche di 300 volte le soglie ritenute sicure dall'Amr Industry Alliance, coalizione privata impegnata contro la minaccia dei superbatteri invulnerabili ai farmaci.

A lanciare l'allarme per il ruolo che questa presenza potrebbe giocare nell'alimentare l'antibiotico-resistenza è un maxi studio - per gli autori il più grande mai realizzato - protagonista di due presentazioni al meeting della Setac-Società internazionale di chimica e tossicologia ambientale (27-28 maggio, Helsinki, Finlandia).

La ricerca, coordinata **dall'università di York (Gb)**, ha misurato i livelli di 14 antibiotici di uso comune in 711 siti lungo i fiumi di 72 Paesi nei 6 continenti. Fra i corsi d'acqua testati alcuni dei principali del pianeta: dal Chao Phraya in Thailandia fino al nostro Tevere, passando per Mekong, Tigri, Tamigi, Senna e Danubio.

Uno sforzo senza precedenti - sottolineano gli scienziati - con 92 kit distribuiti a tutti i partner coinvolti che hanno prelevato i campioni, li hanno congelati e inviati all'ateneo di York per le analisi.

Il metronidazolo, utilizzato per trattare infezioni batteriche fra cui malattie della pelle e della bocca, è risultato l'antibiotico con le concentrazioni più eccedenti rispetto a quelle di sicurezza che in un sito del Bangladesh sono state superate di 300 volte.

L'antibatterico che più spesso ha oltrepassato i livelli sicuri (in 51 dei siti esaminati) è stata invece la ciprofloxacina, usata per la cura di diverse patologie.

L'antibiotico più presente (307 siti) è stato infine il trimetoprim, impiegato contro le infezioni del tratto urinario. Complessivamente, una contaminazione da antibiotici è stata riscontrata nel 65% dei siti valutati.

Le soglie di sicurezza - che a seconda dell'antibiotico possono andare da 20 a 32 mila nanogrammi per litro (ng/L) - sono state superate più di frequente in Asia e in Africa, riferiscono gli studiosi.

Ma anche in siti d'Europa, Nord America e Sudamerica sono state scoperte concentrazioni preoccupanti, specchio di quello che i ricercatori definiscono "un problema globale".

Nel Tamigi e in uno dei suoi affluenti a Londra, per esempio, sono stati rilevati livelli totali di antibatterici pari a 233 ng/L, mentre in Bangladesh erano 170 volte maggiori. In Bangladesh, Kenya, Ghana, Pakistan e Nigeria si concentrano i siti con livelli di antibiotici nei fiumi più alti rispetto alle soglie considerate sicure.

In ambito europeo, invece, la 'maglia nera' va a un sito in Austria. Dalla rilevazione emerge in generale che i siti più a rischio di contaminazione da farmaci antibatterici sono tipicamente quelli adiacenti ai sistemi di trattamento delle acque reflue e alle discariche di rifiuti o liquami, nonché quelli in aree di scontro politico come il confine Israele-Palestina. John Wilkinson del Dipartimento di Ambiente e Geografia dell'università di York, coordinatore del lavoro, sottolinea come ad oggi nessun altro studio sia stato condotto su così larga scala e su tanti antibiotici: "La nostra ricerca - dice - aiuta a colmare una lacuna di conoscenze chiave, grazie a dati da Paesi mai monitorati prima". Per Alistair Boxall, Istituto per la sostenibilità ambientale dell'ateneo Gb, "i risultati sono piuttosto preoccupanti.

Molti scienziati e responsabili politici riconoscono il ruolo dell'ambiente nel problema della resistenza antimicrobica", e ora "i nostri dati mostrano che dalla contaminazione antibiotica dei fiumi potrebbe arrivare un importante contributo. Risolvere il problema sarà una grande sfida - ammonisce l'esperto - e richiederà investimenti nelle infrastrutture per il trattamento di rifiuti e acque reflue, una regolamentazione più severa e la pulizia dei siti già contaminati".
 

 


L'articolo ha ricevuto 1216 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/09/2019 10:57:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Medicina

Autore: Angela Urso - Redazione Scientifica
Data: 22/09/2019 07:20:57
Ritiro lotto di farmaci potenzialmente cancerogeni: sono a base di ranitidina

Il motivo che ha portato al ritiro del prodotto, è a causa della presenza di un'impurità che sono potenzialmente cancerogene trattandosi dell'impurezza N-nitrosodimetilammina (NDMA) della classe delle nitrosammine

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 11/09/2019 06:28:24
Fentanyl: allarmante aumento in Italia

A riaccendere i riflettori, come spesso accade, e' stato un caso di cronaca. Lo chef italiano trapiantato a New York, Andrea Zamperoni, trovato morto in una stanza d'albergo sembra essere l'ennesima vittima negli Stati Uniti di quella che e' stata chiama una nuova "epidemia": quella di oppioidi sintetici.

Leggi l'articolo

Autore: Manuela Sanoja - Redazione Scientifica
Data: 05/09/2019 06:53:20
Alimentazione: i consigli dell'ONU

Contrariamente a quanto chiede da tempo l'ONU, il cibo in Occidente è ricco di carne e grassi. Qualcosa che è negativo sia per l'ambiente che per la salute, afferma Peiteado: "In media consumiamo fino al 70% in più di proteine rispetto a quanto consigliano gli esperti"

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 02/09/2019 06:24:05
Ebola in Repubblica Democratica del Congo: superati i 2.000 morti e 3.000 contagi

Le autorità sanitarie congolesi e l’OMS hanno annunciato oggi che l’epidemia di Ebola in Repubblica Democratica del Congo ha superato i 2.000 morti e contagiato oltre 3.000 persone, da quando è scoppiata nell’agosto 2018. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -