Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Repubblica Democratica del Congo: A Ituri una crisi senza precedenti

Repubblica Democratica del Congo: A Ituri una crisi senza precedenti
Autore: Redazione Esteri
Data: 01/07/2019

Diverse crisi umanitarie sono in corso nella provincia di Ituri, nel nord-est della Repubblica Democratica del Congo (RDC), dove centinaia di migliaia di persone hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria, avverte Medici Senza Frontiere (MSF). La recente impennata delle violenze nelle regioni di Djugu, Mahagi e Irumu hanno costretto migliaia di persone ad abbandonare le loro case. Nonostante MSF abbia ripetutamente chiesto alle organizzazioni umanitarie internazionali di espandere gli aiuti nell’area, la maggior parte degli sfollati non ha ancora accesso ai beni di prima necessità.

 

Non è purtroppo la prima volta che nel paese ci sono enormi bisogni umanitari” dichiara il dottor Moussa Ousman, capomissione MSF in RDC. “Oggi però gli sfollamenti di massa causati dalle violenze si sommano al rapido diffondersi di un’epidemia di morbillo e di una di Ebola che non sembrano arrestarsi. Tutto questo sta accadendo nello stesso momento, una situazione così è senza precedenti”.

 

Dal dicembre 2017 sono aumentate le violenze tra diverse comunità nella provincia di Ituri, causando sfollamenti di massa. La grande maggioranza di queste persone necessita di assistenza umanitaria, molti da più di un anno ormai. Dall’ottobre 2018 MSF ha condotto 3 studi sulla mortalità nelle località di Drodro, Nizi e Angumu che hanno mostrato come la percentuale dei decessi in queste comunità siano ben oltre i livelli di emergenza.

 

I nostri studi mostrano come le persone stiano morendo per malattie prevenibili come la malaria, il morbillo e la diarrea” afferma il dottor Ousman di MSF. “Questo è molto preoccupante, anche perché non è ancora possibile fare vaccinazioni contro il morbillo a causa dell’epidemia di Ebola in corso. Date le circostanze, insieme al Ministero della salute, stiamo valutando strategie innovative, ma ciò non toglie che sia immediatamente necessario un livello maggiore di assistenza per evitare ulteriori morti”.

 

MSF sta supportando il Ministero della salute locale nella fornitura di cure mediche e nella risposta dei bisogni più acuti tra gli sfollati a Drodro, Nizzi e Bunia. Le équipe di MSF stanno anche fornendo acqua pulita, distribuendo beni di prima necessità e costruendo docce e latrine. Nonostante ciò, i bisogni più urgenti di migliaia di famiglie restano ancora insoddisfatti.

 

MSF chiede un’immediata estensione dell’assistenza umanitaria di lungo periodo, per evitare ulteriori morti ed assicurare condizioni di vita dignitose per tutte le persone che sono state costrette a fuggire.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/05/2022 12:16:01

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -