Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Medicina  
Tabacco OGM: così si elimina il pericolo della dipendenza

Tabacco OGM: così si elimina il pericolo della dipendenza
Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 05/07/2019 06:56:31

Alcuni ricercatori dell’Università di Dortmund hanno realizzato una varietà di tabacco geneticamente modificato attraverso la tecnica CRISPR-Cas9 contenente un tasso di nicotina di solo 0,04 mg per grammo di foglie secche, rispetto ai 16 mg delle varietà classiche.

Il tasso più basso ottenuto fino ad oggi (con tecniche classiche basate sugli incroci) era ancora di 0,4 per mg, un livello sufficiente per provocare la dipendenza. Il tasso “quasi impercettibile” di 0,04 mg sarebbe senza rischio di dipendenza, assicurano i ricercatori nei lavori che sono stati pubblicati il 17 giugno sul “Plant Biotechnology Journal”.

Un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) del 2015 preconizzava la vendita di sigarette con una percentuale minore di nicotina sì da aiutare i fumatori a ridurre la loro dipendenza. Secondo la FDA (Food and drugs administration), che regolamenta i prodotti sanitari in Usa, le sigarette senza nicotina permetterebbero a 5 milioni di persone in più ogni anno di smettere di fumare.

Questo approccio si distingue dalle “light”, che sono prodotte a partire dal tabacco normale ma dove si aggiungono dei “fori” nel filtro per diluire il fumo. Queste ultime in realtà incitano i fumatori a “tirare” di più dalla sigaretta per raggiungere la loro dose soddisfacente di nicotina.

E’ bene ricordare che anche senza nicotina, la sigaretta rimane pericolosa per la salute, perché contiene diverse altre sostanze chimiche nocive come il catrame, metalli pesanti o agenti aromatizzanti.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/10/2019 08:44:00

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Medicina

Autore: Redazione Scientifica
Data: 21/10/2019 06:35:18
Gran Bretagna: usare la Cannabis per curare la dipendenza dagli spinelli

Un trattamento per certi versi 'paradossale': l'estratto di cannabis potrebbe funzionare come terapia per la dipendenza da cannabis

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 16/10/2019 07:07:01
Cannabis terapeutica: a giovarsene sono i pazienti over 60

Sono noti i benefici della Cannabis terapeutica nel trattamento di moltissime problematiche di salute, eppure scarseggia la formazione e l'informazione sia tra i medici che tra i pazienti.

Leggi l'articolo

Autore: Roberta Mochi - Redazione Scientifica
Data: 15/10/2019 06:59:57
ASL Roma1: presentata la Rete assistenziale del tumore del polmone

Un lavoro frutto della collaborazione tra la ASL Roma 1, le Aziende Ospedaliere e i Policlinici Universitari inseriti nella “Rete assistenziale tumore del polmone nel Lazio” nel territorio di competenza della ASL.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 14/10/2019 07:21:40
Dipendenza da Smartphone: l'abuso potrebbe favorire ansia e depressione

Alcuni ricercatori americani hanno cercato di scoprire se la dipendenza da smartphone può portare alla depressione o se sono le persone inclini a sintomi depressivi a favorire questo tipo di dipendenza.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -