Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Fake news: una situazione gravissima che sta modificando l’opinione pubblica

Fake news: una situazione gravissima che sta modificando l’opinione pubblica
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 10/07/2019 15:25:23

Un’educata conversazione che ho avuto oggi su Twitter – sottolineo la parola educata dal momento che sta diventando roba rara – mi ha permesso di riflettere ulteriormente sul tema della crisi del giornalismo, legata - essenzialmente - alla diffusione dell’informazione sul web.

Quando, esattamente 13 anni fa, ebbi l’idea di fondare questo quotidiano che mi onoro di dirigere, dissi una cosa: “Il web causerà disastri al settore del giornalismo. Tutti potranno diffondere informazioni, e questo provocherà certamente un caos epocale, in quanto chiunque – dotato i PC e connessione al web – sarà in grado di aprire un sito e pubblicare qualsiasi cosa gli passi per  la testa”.

So che, spesso, devo avere la pazienza di attendere che le cose, che immagino anzitempo, accadano. Le Cassandra devono sviluppare questa capacità, altrimenti rischiano di impazzire.

Eccoci al caos epocale e siamo già a un punto di non ritorno.

Utilizzerò lo scambio di opinioni, avvenuto stamane, con un signore che – su Twitter – aveva pubblicato quella che, a tutti gli effetti, appare essere una notizia quantomeno bizzarra. Ho chiesto, e ottenuto, la sua autorizzazione a pubblicare gli screenshot della nostra conversazione: anche così si esce dalla crisi del giornalismo, lavorando in maniera onesta e trasparente.

Ecco la chiacchierata in questione:

 

 

Ebbene: la notizia è stata pubblicata in prima battuta dal Corriere della Sera l'8 Luglio ed è ovviamente verificata e confermata.

Si conferma, però, anche un'altra cosa: il danno è stato creato dai siti che hanno rilanciato la stessa informazione, modificandone il senso attraverso titoli sensazionalistici che servono – fondamentalmente – per acchiappare il più alto numero di  click, che si tramutano in denaro.

Ecco la stessa notizia, rilanciata da Voxnews che ha già ricevuto una denuncia proprio a causa della diffusione di bufale. Ecco un'articolo che ne parla pubblicato su Il Fatto Quotidiano nel 2015.

Non è da sottovalutare quanto sta accadendo. La diffusione di fake news, o di notizie reali ma diffuse con l’intento di modificarne il senso, ha già ampiamente cambiato la percezione che l’opinione pubblica ha su questioni importanti legate alla politica, all’economia e alla società in cui viviamo.

Una dispercezione della realtà che si sta diffondendo a macchia d’olio e che, oltretutto, sta mietendo un ulteriore danno nei confronti del settore del giornalismo: siamo ormai considerati, noi giornalisti, venditori di bufale a prescindere. E la cosa paradossale è questa: una larga fetta di popolazione, metterebbe la mano sul fuoco sull’attendibilità di certe fake news e poi non crede alle vere notizie.

Di contro, dal mondo della politica arrivano a volte informazioni imprecise o svendute per assoluta verità: è di questi giorni la notizia che il Sindaco Raggi avrebbe, volutamente secondo molti, girato un filmato di fronte al Centri di smaltimento rifiuti di Aprilia, facendo notare come questo fosse chiuso e quindi dando la colpa al Presidente della Regione Lazio Zingaretti del mancato conferimento.

A quanto pare, però, si è recata nel centro sbagliato, chiuso non certo per far dispetto al sindaco e ai cittadini romani, ma semplicemente perché non fa parte di quelli indicati dall'ordinanza della Regione Lazio. Il complotto, per la Raggi, è sempre un ottimo metodo da utilizzare per procastinare i tempi utili alla soluzione dei mille problemi che affliggono la Capitale.

Amo sempre poter dare qualche suggerimento risolutivo delle tematiche che tratto e lo farò anche in questo caso. Come poter uscire dalla crisi dell’informazione che tutti, anche noi giornalisti, stiamo subendo?

Tornando indietro di qualche passo. Meditando sull’opportunità di moderare i toni, di non cadere nella tentazione di tramutarsi in opinionisti invece di fare il nostro mestiere, che è quello del cronista e investigatore utile a sollevare la coltre che nasconde molte verità.

Sarebbe necessario, e urgente, stringere un patto: aderire, tutti insieme, a queste regole di professionalità, e condurre nuovamente i lettori su una via di normalità.

In caso contrario, non ci vorrà molto affinché si verifichi un fatto orribile: alla verità dei fatti non crederà mai più nessuno.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 2240 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/07/2019 17:43:20

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 02/07/2019 06:09:38
Di fronte al Dio Denaro troppa gente si genuflette

Il denaro è un concetto quasi astratto. Pezzi di carta e rondelle metalliche sui cui viene apposto un valore nominale. Se a suo tempo fosse stato deciso che al posto dei pezzi di carta e delle rondelle metalliche l’elemento di valore dovessero essere le conchiglie, sarebbe stato sterminato il mare alla loro ricerca.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 29/06/2019 10:46:13
Ingiurie, offese, parolacce: è arrivato il momento di smetterla

Ingiurie, offese, parolacce. Dalla tv ai social network. Sono calati i filtri, quei filtri che in troppi considerano “fuori moda”. Come se il diventare volgari, aggressivi e volgari possa esser considerato “moderno” o frutto di una società evoluta.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/06/2019 07:25:22
Parità scolastica: in Italia resta un miraggio

Permettere anche ai meno abbienti di formarsi attraverso la formazione privata e riconosciuta dallo Stato, che offre migliori servizi e maggiore qualità, è certamente uno degli elementi fondamentali di una vera democrazia. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -