Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Libra: la nuova criptovaluta di Facebook rivoluzionerà la gig economy?

Libra: la nuova criptovaluta di Facebook rivoluzionerà la gig economy?
Autore: Edoardo Fusco Femiano - Redazione Economia
Data: 23/07/2019

Ordinare la cena o la spesa settimanale online non è mai stato così facile. In molte città, adesso puoi ordinare un’auto dal tuo telefono in pochi minuti. Tutto ciò è possibile grazie a due strumenti: le tecnologie che facilitano le transazioni istantanee e la gig economy che trasporta il prodotto o il servizio finale.

 

Si stima che circa 700mila persone siano coinvolte come lavoratori nella gig economy solo in Italia. Si tratta probabilmente di uno dei più importanti trend del mercato del lavoro di questi anni. Nel mondo occidentale, la diffusione di questo settore è spinta da chi cerca maggiore flessibilità e libertà lavorativa, mentre nei paesi in via di sviluppo ha aiutato i disoccupati ad entrare nel mercato del lavoro, dando ulteriore spinta alla crescita economica.

 

Nonostante tutto ciò, però, continua a rimanere un aspetto cruciale: i pagamenti. Se è così istantaneo realizzare transazioni nel mercato, perché è così difficile pagare i lavoratori? Una delle più grandi barriere è non avere un conto bancario. Dei quasi sei miliardi di adulti al mondo, si stima che 1,7 di loro non abbia un conto in banca: i cosiddettiunbanked. Nel mondo occidentale, questo è difficile da immaginare, ma in alcuni paesi ottenere la documentazione necessaria rende, quello che a noi sembra un semplice passaggio, quasi impossibile. Ciò è particolarmente vero per economie come Cina ed India dove la popolazione unbanked è la maggioranza.

 

Problemi come essere pagati in una valuta diversa da quella di riferimento ed il pagamento delle tasse di elaborazione, rendono le cose ancor più difficili. Che si siano o meno coinvolti i lavoratori della gig economy, una soluzione a tale problema dovrebbe essere ben accolta, considerando che i sistemi bancari tradizionali non risolvono i problemi di una parte importante dei lavoratori mondiali.

 

Il mese scorso, Facebook ha annunciato il progetto Libra – una valuta digitale globale potenziata dalla tecnologia del social network. Potrebbe essere una soluzione al problema? Con due miliardi di utenti, Facebook ha il potenziale per creare una delle più grandi piattaforme al mondo e connettere miliardi di persone a un’economia. Tramite Libra, un lavoratore nella gig economy con un account Facebook sarà nelle condizioni di ricevere il suo pagamento tanto velocemente quanto il consumatore riceve i prodotti e i servizi dal mercato. Ipoteticamente, con Libra, problemi come l’accessibilità al conto bancario e la rigidità nella scelta della valuta di pagamento potrebbe scomparire.

 

Sembra facile, tuttavia esistono ancora diverse barriere da scavalcare. È un fase potenzialmente rivoluzionaria per la finanza globale ma rimane da vedere come i legislatori e i governi reagiranno e regolamenteranno la tecnologia. È verosimile che non tutti i paesi permetteranno a Libra di vedere la luce del giorno. Nonostante ciò, l’idea di costruire un sistema di pagamenti in una piattaforma che conta quasi un terzo della popolazione mondiale, è un segnale molto positivo per favorire l’inclusione finanziaria, anche e soprattutto dei lavoratori della gig economy.

 

Mentre l’impatto del progetto Libra di Facebook resta ancora tutto da scoprire, sono fiducioso che questo favorirà il dibattito sulla regolamentazione delle criptovalute e sull’evoluzione sistema bancario. A maggior ragione, se i paesi leader – specialmente quelli in via di sviluppo – apriranno definitivamente le porte al mondo cripto. In questo caso potremmo assistere ad uno sviluppo ancor più rapido di queste economie.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 01/12/2021 13:22:22

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -