Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Carige: il Fondo interbancario rischia un maxi intervento con l'obbligatorio

Carige: il Fondo interbancario rischia un maxi intervento con l'obbligatorio
Autore: Redazione Economia
Data: 23/07/2019

Il Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd) vorrebbe minimizzare l'intervento con il suo braccio obbligatorio nel salvataggio Carige ma vede il rischio di dover sborsare ulteriori 300 milioni per l'aumento di capitale della banca ligure secondo quanto apprende Radiocor. La struttura dell'operazione nel pomeriggio andrà al vaglio del Comitato di Gestione del Fondo presieduto da Salvatore Maccarone (e non del Consiglio che ha potere decisionale ma i cui membri sono già stati preallertati, e dopo che l'assemblea dello Schema Volontario del Fitd, in mattinata, avrà approvato la conversione in capitale del prestito subordinato Carige da 320 milioni.

Secondo fonti finanziarie al momento, oltre alle risorse derivanti dalla conversione del bond, si può fare affidamento sui circa 200 milioni del bond tier2 Carige che dovrebbero essere sottoscritti dal Credito Sportivo, da Mediocredito Centrale e da altri investitori.

C'e' l'aspettativa anche di poter contare sui 70 milioni freschi che dovrebbe deliberare Cassa Centrale Banca, la capogruppo spa del gruppo bancario del credito cooperativo, che ha convocato il cda per mercoledì. I rumors di altri possibili investitori liguri, invece, non vengono presi in considerazione per la totale mancanza di una formalizzazione di impegni, anche non vincolanti. Considerando che il fabbisogno stimato per Carige è di 900 milioni ne deriverebbe per il Fondo, appunto, un altro esborso shock da oltre 300 milioni.

Il Fondo interbancario obbligatorio ha una dotazione finanziaria molto capiente: oltre 1,4 miliardi accumulati su un conto presso la Banca d'Italia che si occupa anche della gestione di queste risorse, sulla base di un mandato conferitole dallo stesso Fitd. La dotazione, versata ex ante annualmente dalle banche, serve a garantire i depositi protetti (quelli fino a 100mila euro) dei clienti delle banche italiane (escluse le bcc che hanno un loro fondo di garanzia). Si tratta di un ammontare che a giugno 2018 era di poco superiore ai 596 miliardi. Entro il 2024 il Fitd deve arrivare ad avere, in base alla normativa vigente, una dotazione finanziaria in misura pari almeno allo 0,8% dei depositi protetti. Le risorse eventualmente prelevate per il salvataggio Carige andrebbero rimesse dentro il 'salvadanaio' per i depositanti, aumentando pro quota i versamenti annuali, entro il 2024.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 01/12/2021 12:33:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -