Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Umani disumani? Sono sempre esistiti ma ora possiamo contarli...

Umani disumani? Sono sempre esistiti ma ora possiamo contarli...
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 28/07/2019

La disumanità esiste, e i suoi effetti sono sotto gli occhi di tutti ogni giorno attraverso varie forme.

Prendiamo il caso dell’omicidio del vice brigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma mentre prestava servizio, novello sposo che lascia disperata una giovane moglie.

Tra lo sgomento generale, le commoventi manifestazioni di vicinanza e di cordoglio da parte di tutte le forze dell’ordine, che sono arrivate a sostare con le macchine di servizio, e con le sirene spiegate, davanti alla sede centrale dell’Arma dei Carabinieri, ecco arrivare lei, l’intrusa, il granello nell’ingranaggio.

Identikit: professoressa di 51 anni di Novara, utente di Facebook. Scrive un commento. Uno di quelli che nemmeno nei peggiori film trash è consentito inserire. Ecco lo screenshot del post in questione, a futura memoria e affinché la gogna pubblica torni a valere qualcosa, come un tempo:

Commesso il fattaccio, divenuto virale il post, la tizia prova persino a scusarsi - evidentemente per timore di perdere il posto - peggiorando la situazione: «Ho commesso un errore gravissimo, me ne sono resa conto. Ho scritto una cazzata».

No, professoressa, non ha “scritto una cazzata” ha commesso un’infamia. Punto. Un post del genere, o meglio degenere, scritto da chi dovrebbe educare i giovani, non solo sulle materie del proprio corso, ma alla vita, alla civile convivenza, fa schifo.

Una persona così, che non è in grado di comprendere la gravità del pensiero che formula e che, addirittura, decide di rendere pubblico, non può insegnare, non può lavorare nel mondo dell'educazione.

Non sono troppo rigida, è una fetta di umanità a chiedere troppo facilmente clemenza per le proprie azioni e i propri pensieri che, oggi, non si trattengono più nella mente  ma si rendono pubblici attraverso i social network.

Che modello può essere per i suoi allievi? La vergogna dovrà prevalere su qualsiasi decisione sarà presa, nei confronti di costei, dal MIUR.

Insegnare, educare, essere educati e umani: un compito troppo alto, troppo difficile a quanto pare, in una società ormai impazzita, inselvatichita, disumanizzata. I motivi di questa trasformazione, spiegatemi, quali sarebbero? Ogni essere umano ha da raccontare di aver subito eventi avversi, ogni singolo individuo può narrare una vita il cui percorso è fatto di ostacoli, ma a nessuno – e ribadisco nessuno – è concesso di diventare disumani per tali ragioni se queste dovessero essere le motivazioni a discolpa. Non sono, e non saranno mai, una scusante.

Nemmeno chi accende PC e tastiera sotto l’effetto di alcol o droghe per poi scrivere nefandezze di ogni sorta contro il prossimo può ottenere perdono. Auspico che la tecnologia informatica possa offrire, a breve, la soluzione almeno a questo problema, peraltro diffuso, che si evince da certi post o commenti. Basterebbe installare un etilometro dentro al quale soffiare se si vuol accendere il PC e avviare la connessione al web. O un test per appurare se si sia fatto uso di sostanze stupefacenti.

Tornando al caso in questione, non trovo alcun tipo di scusante per comportamenti di questo tipo. Semplicemente perché non ne esistono.

I social sono divenuti ciò che chi li ha creati forse immaginava: contenitori di carne umana tritata. E di umani che, ogni giorno, ci sputano dentro la propria rabbia, le vite fallite, le corna, le ingiustizie, le delusioni. Non possiamo parlare di civiltà e di progresso se questo è l’uso che serti umani fanno di mezzi eccellenti.

Mi viene quindi in mente un solo pensiero: non sono i problemi personali e sociali o la crisi economicaad aver modificato una fetta di umanità, corrompendola al punto da disumanizzarsi.

Costoro erano già così, e provengono da famiglie che li hanno educati alla miseria dell’animo, del cuore e della mente.

Semplicemente, prendendo a prestito una famosa frase di Umberto Eco, ora possiamo persino contarli.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina  

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/01/2020 14:51:35

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/01/2020
La burocrazia rema contro lo sviluppo economico

Iniziamo con un dato che fa tremare i polsi: la Pubblica amministrazione registra un debito commerciale pari a 53 miliardi nei confronti dei propri fornitori. Detto in parole povere, significa che si acquistano beni e servizi, ma il pagamento è a babbo morto. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -