Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Fisco e Tasse  
Equitalia s.p.a.: adesso è possibile rateizzare

Equitalia s.p.a.: adesso è possibile rateizzare
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 15/07/2008

Che siano pazze o meno, le cartelle delle tasse terrorizzano implacabilmente i cittadini italiani. In special modo da circa due anni, da quando cioè, si è verificato un massiccio invio di gabelle relative agli ultimi quindici anni, e che molti italiani avevano totalmente rimosso dalla mente.

 

Così, multe del 1995 o ICI del 1997, accorpate magari in una unica cartella esattoriale, hanno prodotto un caos infernale, soprattutto in quanto molti contribuenti non sono stati in grado di rintracciare le ricevute di pagamenti già effettuati. In tutto questo, ad alimentare dubbi, incertezze e notti in bianco, ci si sono messe metodiche di recupero del credito, da terrorismo di terz'ordine.
 
Da oltre un anno potete seguire questa vicenda su "Gli sComunicati", testata che forse unica, ha approfondito questa tematica, fornendo informazioni dettagliate sugli avvenimenti ed i modi di "cartelle pazze" ed avete potuto partecipare - e potete ancora farlo - alla petizione che personalmente creai lo scorso anno, allo scopo di revisionare la Legge 602/73 sulle metodiche di recupero del credito da parte degli Enti Pubblici.
 

C'è chi si è ritrovato con il blocco amministrativo dell'autovettura e chi con la casa ipotecata ed addirittura il conto corrente bloccato. Il tutto, senza essere assolutamente avvisati. C'è da perdere la testa e ne ho parlato ampiamente nei mesi passati.

 

Ma ora, ecco che Equitalia s.p.a., azienda a partecipazione statale, capofila di altre 38 agenzie sparse per il territorio, annuncia la possibilità – per tutti – di poter rateizzare gli importi delle cartelle esattoriali.

 

Seguite con attenzione quindi, perché ciò che state per leggere, potrebbe risollevare di molto il vostro morale.

 

Prima cosa: ricevete la cartella delle tasse e non siete in grado di pagare entro i 60 giorni previsti. Potete richiedere all'agente della riscossione – Equitalia s.p.a. oppure una delle società del gruppo (Gerit, Esatri, Gestline etc) , e non più all'ente verso il quale si è debitori – una rateizzazione del debito, di qualsiasi importo esso sia.

 

Nel modulo di richiesta, che troverete agli sportelli dell'agenzia, dovrete spiegare le ragioni dell'impossibilità a pagare per intero l'importo richiestovi, allegando copia della cartella. Il numero massimo di rate è fissato a 72 e gli interessi applicati saranno del 4% per debiti erariali e del 10% per quelli previdenziali.

 

Si può presentare domanda di rateizzazione anche passati i 60 giorni di scadenza per il pagamento, ed anche se sono già avviate le procedure esecutive per il mancato pagamento. Ricordate però, che per sospendere le procedure di fermo o di ipoteca, dovrete attendere che la richiesta che avrete presentato, venga accolta dall'agente per la riscossione.

 

Anche per quelli che vengono chiamati "piccoli debiti" sarà possibile rateizzare. Per cifre al di sotto dei 5.00 € ad esempio, l'agenzia per la riscossione concede la rateizzazione a fronte di una dichiarazione di impossibilità a pagare l'intero importo da parte del contribuente. La differenza è nel numero di rate massime. Si va dal massimo di 18 rate per importi fino ai 2.000 € alle 24 rate massime per importi da 2001 a 3.500 € alle 36 rate massime per importi da 3.501 a 5.000 €.

 

E per debiti di importo maggiore? Si verificherà l'ISEE dell'intera famiglia (capacità economica effettiva) certificato che si richiede al comune o presso un CAF, e l'importo del debito stesso.

 

Potete effettuare la verifica anche online al sito: www.equitaliaonline.it. Troverete un link ove è scritto "rateazione": inserendo i dati riferiti al vostro debito, saprete se l'agente per la riscossione potrà accettare o meno la rateizzazione.

 

Non dimenticate comunque, che prima di pensare a pagare, specialmente per cartelle riferite a diversi anni fa, il consiglio migliore che posso dare a tutti, è sempre quello di verificare, magari tramite un legale od un commercialista, l'effettivo debito da pagare.

 

Molte cartelle, contengono errori ed omissioni. Oppure si riferiscono a gabelle già pagate dal contribuente. Ergo…controllate, prima di correre a pagare o rateizzare.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 30/09/2022 22:18:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Fisco e Tasse

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 15/05/2020
Bonus vacanze 2020: tutte le informazioni utili

Un dato interessante: le perdite economiche subite dal settore ricettivo ammontano a circa 81 milioni di euro.

Leggi l'articolo

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Decreto rilancio: rinviata la lotteria degli scontrini

 

La partenza della lotteria degli scontrini, prevista dal 1° luglio 2020, slitterà al 1° gennaio 2021: è quanto si legge nell’ultima bozza del Decreto Rilancio 
Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 15/02/2020
Scongiurato l'aumento IVA per bar e ristoranti

Il Presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani: "Ci auguriamo che questa posizione sia mantenuta non tanto per porre fine alle speculazioni e alle voci che ciclicamente ritornano"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 23/01/2020
Il Vademecum del contribuente 2020 presentato da Unione Fiduciaria

Chi vuole orientarsi nel mondo dei tributi senza perdere le più recenti norme introdotte dall’ultima Legge Finanziaria, deve avere con sé il volume “Vademecum del Contribuente 2020” 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -