Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Ambiente  
Riflessioni sul clima che sta cambiando

Riflessioni sul clima che sta cambiando
Autore: Susanna Schivardi - Redazione Ambiente
Data: 10/08/2019 08:00:13

Osservo da vicino il lento cambiamento che avviene davanti ai nostri occhi, ho come un senso di smarrimento quando vedo la città desertificata da un mare di cemento, da una politica del verde che taglia gli alberi invece di piantumarli, quando vedo palazzi interi tutti con le loro decine di motori di condizionamento, auto infuocate e piene di aria fredda artificiale, interni raffreddati da queste ventole salvifiche ma minacciose per l’aria. La notte l’afa attanaglia la gola e la pelle, rendendo gli esseri umani come viscidi rettili scivolosi e sudati.

Siamo una popolazione in lento movimento che durante l’estate arranca faticosamente da un marciapiede all’altro tentando di sconfiggere la calura torrida di un terrificante pomeriggio di Agosto. Previsioni sempre più minacciose, quasi da thrilling nell’attesa di conoscere quali saranno le massime del giorno dopo. Se non è l’afa è la pioggia torrenziale, calda anch’essa che immerge nel fango interi paesi, per poi tornare al caldo intenso da punte massime mai registrate prima, ogni anno è un nuovo record.

All’interno delle abitazioni si sta chiusi con i condizionatori in piena attività, tentando un riassetto del fisico debilitato e deformato dalle temperature esterne, ormai invincibili, e dentro queste case condizionate si sta come in un frigo sottovuoto, imbottigliati in scatole da cui si consiglia di non uscire per non incorrere in gravi incidenti alla salute. Finestre chiuse, serrande abbassate contro i raggi violenti del sole, si sta come gatti in una tana, in attesa della fine. Non si sentono i rumori esterni, la vita come ovattata non lascia filtrare più nemmeno una goccia di voce proveniente dalla strada, perché aprire i vetri significherebbe essere soffocati da un’ondata di calore insopportabile.

I movimenti rallentati, la mente ottenebrata, un paesaggio apocalittico che coglie alla sprovvista mentre ci ricordiamo di quei tempi in cui non esistevano condizionatori perché non ce ne era bisogno. Le notizie si accavallano sormontate da un senso di spaesamento perché contro lo scioglimento della Groenlandia è veramente difficile trovare misure di sicurezza. La tecnologia ci è servita per tante cose ma evidentemente esistono limiti profondamenti umani all’eludere il collasso dell’umanità stessa che sembra votata all’autodistruzione.

Non serve evidentemente pensare ai figli o ai nipoti che tra 20,30,40 anni probabilmente troveranno il deserto in sud Italia, la pianura padana e il Friuli Venezia Giulia saranno risucchiate dall’acqua, la Marmolada sarà solo una bella cartolina lasciata dai genitori e la settimana bianca non esisterà più come gli sport invernali se non oltre i tremila dove l’ossigeno è già piuttosto rarefatto.

Enormi fette di popolazioni da zone povere dell’est Asiatico, dell’Africa saranno costrette a migrare e ad andare verso un nord che sarà già colonizzato da chi ha avuto modo di spostarsi prima e con mezzi sicuramente più adeguati. I super ricchi vivranno nelle loro abitazioni d’acciaio, blindate, piene di accessori super funzionali per sopravvivere ai cambi di temperatura e di condizioni di vita. Gli altri moriranno di stenti in zone dove l’agricoltura sarà morta e dove non ci sarà più acqua.

Si verificherà una selezione durissima tra chi dovrà vivere e chi no. I paesaggi cambieranno, molte specie animali non ci saranno più e forse con l’intelligenza artificiale si riusciranno a ricreare habitat e fauna in 3d da mostrare ai nostri discendenti, se mai ci saranno, e raccontare loro com’era bello il Pianeta Terra. L’autodistruzione è vicina e noi stiamo vivendo il momento clou, quello delle grandi scelte, quello dei si e dei no che segneranno il nostro futuro. È solo un lancio di dadi. Se preferire vivere o autodistruggersi, ma conoscendo l’uomo temo che la seconda sarà la scelta. Purtroppo. 


L'articolo ha ricevuto 608 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/09/2019 10:11:21

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Ambiente

Autore: Marjorie Lafon - Redazione Scientifica
Data: 16/09/2019 07:03:33
Riscaldamento globale: quanto incidono Netflix, YouPorn e YouTube?

Troppe persone pensano ancora che il digitale sia un mondo virtuale e, in quanto tale, l'inquinamento che genera sia altrettanto virtuale.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 10/09/2019 06:46:21
 Lotta al cambiamento climatico: visibilità e fiducia attivano l’impegno comune

La diffusione dei pannelli solari è maggiore nei quartieri in cui le case che montano pannelli solari sono più visibili.

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 14/07/2019 06:36:18
Clima: ridurre il riscaldamento globale piantando alberi

Nel 2015 il biologo Thomas Crowther aveva calcolato per la prima volta il numero di alberi sul Pianeta ed era arrivato ad una cifra di 3.000 miliardi, che sarebbe un albero ogni 442 abitanti. 

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 08/07/2019 06:41:11
Riscaldamento climatico: qual'è la soglia massima accettabile per la vita?

Secondo i diversi scenari del IPCC (organismo intergovernativo e scientifico che valuta il cambiamento climatico), le temperature del Globo potrebbero aumentare da 2 a 5 gradi centigradi entro il 2100.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -