Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
E dogma o non dogma, noi, arriveremo a Roma...

E dogma o non dogma, noi, arriveremo a Roma...
Autore: Lucaa Dal Negro - Redazione Politica
Data: 11/08/2019 06:34:02

Nel Paese del sole e del mare, nella Penisola baciata dalla bellezza come si suol dire nel linguaggio comune e certamente mondiale, incastonato a sua volta come gemma preziosa, c'è il Centro del Cattolicesimo: la Religione Cristiana professata dalla Chiesa cattolica apostolica romana. Il suo cuore è la Città-Stato del Vaticano, sede del Pontefice.

Sono queste, più o meno, definizioni che chiunque dotato (anche) di pochi mezzi, può ritrovare in qualunque sito, naturalmente anche su quelli gestiti da internet; le cose però si complicano molto di più che leggermente quando si va' a fare verifica di concetti quali “religione”... “Cristianesimo”... “Cattolicesimo”... e via di seguito, sebbene una certa semplicità o chiamiamola via erudita poco particolare è disponibile quando nell'intercettare quanto è precisato nell'ordinamento politico dello Stato in questione leggiamo (ad esempio da Wikipedia!) che la Città del Vaticano è un'enclave nel territorio della Repubblica Italiana inserita nel tessuto urbano della città di Roma. Nello stato vige un regime di monarchia assoluta teocratica ierocratica elettiva di tipo patrimoniale, con a capo il Papa della Chiesa cattolica.

Ebbene, lungi è dal sottoscritto proporre una lezione oppure fornire dati con il solo scopo di polemizzare e peggio far proseliti, nonostante spesso sono questi i luoghi (comunissimi!) che mi vengono addebitati per la sola ragione che mi vede insistere di proporre un saggio di natura islamica che osa e tenta un primo svelamento comprensivo anche di questi temi legati a filo doppio con l'impegno civile e sociale e di cui, sia ben chiaro, non esistono paternità autorevoli dove chiedere permessi speciali e men che meno reverenze da farsi per far sì di poter aprire in pacata ma ferma discussione elaborati sui generiis. (Mai per un fedele dell'Unico -stesso- Dio con buone intenzioni).

Scritto questo, a scanso di equivoci, ciò che ora mi preme proporre e quasi a seguire (se non interpreto male) le recenti scritte preoccupazioni del Direttore Emilia Urso Anfuso, la quale, individua una sconnessione generalizzata tra informazione e capacità di elaborazione delle stesse da parte del cittadino diciamo... distratto, ripropongo alcuni dati presi nondimeno da fonti legate strettamente con la Chiesa Cattolica, e che dichiarano apertamente l'accompagnamento del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali in spirito di collaborazione con la Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede, come ad esempio “Aleteia”. ( https://it.aleteia.org/chi-siamo/ )

Perché?

Le vicissitudini dei Governi dell'Italia (storicamente accertate) e le sofferenze del corpo elettorale mai come ora (questo è il mio principio di collegamento teso al ragionamento del Direttore!) sospinto da sinistra verso destra e (poco o per nulla) viceversa, sono in contatto con un problema che sembra essersi radicato nella “la summa” delle difficoltà:

il welfare state.

In poche e sbrigative parole, l'incapacità organizzativa statale di gestire la quotidianità delle famiglie italiane succubi di organizzazioni malavitose, di scarsissima competenza e del dirottamento (cause ed effetti usati come titoli esemplificativi da tutti i media sebbene con angolature differenti) delle scarne (da verificarsi!) risorse in favore di persone sì disgraziate ma non comprese nella cittadinanza, sembra ultimamente abbia una responsabilità aggiunta, la quale viene identificata nelle dichiarazioni -dicasi pure l'omelia!- del Papa.

Il Fedele, in somma, spronato da schietti giornalisti i quali non dobbiamo dimenticare spesso tendono e giustamente verso la vendita del loro prodotto, probabilmente professionisti noncuranti di quel tasso piuttosto basso di “capacità di discernere” legata per molti e troppi versi alla digitalizzazione, invoca -per così dire- un cambio di rotta, un avvicendamento, una riqualificazione dei termini eccetera, indicando il Papa e addirittura individuandolo, (il Vicario di Cristo in Terra!) come un responsabile.

Fossero queste masse ispirate, guidate da un ideale marxista, leninista oppure chessò, da un qualche “santone oscuro”, sarebbero certamente “tesi”, “argomentazioni” degne di dibattito ma, la pressoché totalità di questi contestatori incalza e persiste a dichiararsi cattolica e credente... Fedele.

Ora, concedendomi un brevissimo escursus su quanto è principio fondamentale di religione, il dogma, convinzione formulata e posta alla base della dottrina, da considerarsi e credere per vero, quindi non soggetto a discussione da chi si reputa fedele, come è possibile anche solo tentare un concilio tra queste lapidarie definizioni universalmente accettate dalla e nella storia dell'Uomo?

A parte “la Riforma luterana”, a parte l'ateismo e l'agnosticismo, e a parte ancora l'ideologia comunista e socialista, l'unica e seguente abramitica Religione che non riconosce un Clero è l'Islam; esisterebbe quindi una possibilità di prendere essa non come esempio ma almeno come lettura per comprenderne il perché?

Se questo fosse escluso categoricamente, Vi invito comunque a leggere (o rileggere) quanto Vi è stato dedicato, magari prima e dopo di alcuni editoriali che allargano il cosiddetto consenso, anche quello spiaggino, cari fratelli e sorelle di monoteistica Fede.

Lucaa del Negro, Autore de: https://www.edizionidelfaro.it/libro/ma-sha-allah

Da: https://it.aleteia.org/2015/03/13/quali-sono-i-dogmi-riconosciuti-dalla-chiesa-cattolica/

@@@ @ @@@

<<21 dogmi principali o le verità di fede di obbligata accettazione nella Chiesa sono condensati nel Credo degli Apostoli.
Noi lo definiamo Credo perché è la prima parola della formula latina: “Credo in unum Deum…”, ma più scientificamente si chiama Simbolo, che in greco significa riassunto e/o contrassegno, perché il Credo è un riassunto delle verità principali che professiamo noi cattolici e perché è il segno distintivo della nostra religione di fronte a qualsiasi altra.>>

<<La Chiesa cattolica riconosce un totale di 44 dogmi – o verità di fede –, raggruppati in otto grandi temi e che sono un'esplicitazione dei 21 dogmi del Credo: Dio, Gesù Cristo, la creazione del mondo, l'essere umano, Maria, il papa e la Chiesa, i sacramenti e le realtà escatologiche.>>

<<18. CREDO LA CHIESA, UNA, SANTA, CATTOLICA E APOSTOLICA (La Chiesa è stata fondata da Gesù Cristo, il Dio-Uomo. Cristo ha istituito la Chiesa per continuare in tutti i tempi la sua opera salvatrice. Cristo ha dato alla sua Chiesa una costituzione gerarchica. Cristo ha costituito l'apostolo San Pietro come primo tra gli apostoli e come capo visibile di tutta la Chiesa, conferendogli in modo immediato e personale il primato di giurisdizione (Primato di Pietro). I poteri gerarchici concessi agli apostoli sono stati trasmessi ai vescovi (successione apostolica). Per istituzione di Cristo, San Pietro avrà in tutti i tempi successori del suo primato di giurisdizione su tutta la Chiesa. I successori di San Pietro nel primato sono i vescovi di Roma).>>


L'articolo ha ricevuto 1872 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/09/2019 17:25:37

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Lucaa del Negro - Redazione Politica
Data: 20/09/2019 06:52:34
L'analisi (pseudo)politica che ti aspettavi ma che fai fatica a comprendere

Comunisti, fascisti, Democristiani, Zoroastrani, Juventini... vanno tutti bene (e male) ma politica... niente. “I valori dell'Europa Cattolica!” si sente risuonare dagli studi e dai palchi: Lutero? Non pervenuto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 18/09/2019 06:59:32
Francesco Boccia: 'Non capisco la scissione di Renzi'

"Non capisco il senso di questa scissione. Non so se il gruppo di Renzi nasce per una questione di bilanciamento di poteri"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 15/09/2019 07:34:56
 Maurizio Landini: 'Incidenti sul lavoro: siamo di fronte a una strage'

“Siamo di fronte ad una strage, siamo ad una media di circa tre morti al giorno”.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 12/09/2019 06:20:01
Abbandono scolastico: un problema da risolvere urgentemente

Nel 2018, 600mila ragazzi in fuga dalla scuola. L’Organizzazione SOS Villaggi dei Bambini ogni anno sostiene la formazione per centinaia di bambini e ragazzi privi di cure familiari, prevenendo la dispersione scolastica.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -