Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Da Homo Sapiens a Smart Worker

Da Homo Sapiens a Smart Worker
Autore: Redazione Attualita'
Data: 06/09/2019

Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo? Queste domande, titolo di un famoso dipinto di Paul Gauguin, mostrano il genere umano nella sua complessità, precarietà e incertezza esistenziale. È nella nostra natura indagare l’Universo, ricercare evidenze, per dare un senso alla nostra vita. Yuval Noah Harari, storico israeliano autore di Sapiens, nella sua breve storia dell’umanità spiega chei nostri desideri sono i motori delle nostre azioni, individuali e collettive. E forse il percorso corretto non è farsi tante domande, ma fare quella giusta chiedendosi cosa voglia l’uomo oggi. L’homo sapiens, colui che ha sviluppato la facoltà di immaginazione rendendosi diverso da ogni altra specie umana, mescolandosi con la tecnologia, cosa desidera?

 

Per rispondere occorre allontanare lo sguardo per avere una panoramica allargata sull’ambiente in cui si muove l’uomo di oggi. Uno spazio vitale che ha sempre più a che fare con quello lavorativo e dove le persone preferiscono essere connesse, invece che sole, e condividere: strumenti, conoscenza, vita.

 

Il valore della cultura


Gli spazi di lavoro sono diventati paesaggi di lavoro, simili a luoghi d’incontro, come le nostre case e le piazze delle nostre città, dove avvengono scambi di competenze e di apprendimento. La cultura è il collante tra le persone, è il valore in più che rende un luogo in cui è presente migliore rispetto a quello dove non è presente. Ma soprattutto il workplace moderno non essendo più uno spazio, ma un ambiente, è abitato da nuove figure, nomadi, creative, artigiane: gli smart worker, persone ad alta specializzazione, nomadi della conoscenza, che non conoscono rapporti univoci tra spazio e azione, che credono e creano flussi continui e che vivono in perenne mobilità, alla ricerca di occasioni per essere produttivi.

 

Lo smart worker si muove e muovendosi modifica lo spazio che attraversa ma, allo stesso tempo, ne assorbe le energie e le idee: conosce altri smart worker, scambia idee e aumenta la sua conoscenza e la sua cultura. Agisce in maniera multilocale, cercando in ogni luogo in cui passa elementi che lo riconnettano con le proprie origini. Lo smart worker, più che un’evoluzione dell’homo sapiens, secondo lo Studio Carlo Ratti Associati che ha condotto (in collaborazione con Copernico, BNL e Arper) la ricerca Copernico. Il nuovo paesaggio del lavoroè la somma delle tre figure che hanno caratterizzato il secolo precedente: homo ludens, homo faber e homo turisticus.

 

Smart worker: caratteristiche, abitudini e desideri


L’homo ludens è artefice del suo destino in maniera creativa: esplorando il mondo, interagisce con esso, lo interpreta e lo modifica. Rappresenta la contemporanea fluidità della società e dei rapporti. L’homo faber è custode del sapere tecnico, conosce la macchina e si aggiorna sempre. L’homo turisticus è colui che osserva e che produce valore in maniera inconsapevole. L'intersezione di queste figure rappresenta lo smart worker che si muove in continuazione, conosce gli strumenti ed è artefice del proprio destino. È l’abitante del nuovo paesaggio del lavoro e rappresenta la classe creativa contemporanea.

 

Forse alle domande esistenziali iniziali non c’è risposta, ma è evidente un cambiamento culturale, accelerato dalla tecnologie e dal digitale, che ha trasformato l’essere umano, rendendolo più potente e, potenzialmente, migliore.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/02/2020 11:25:23

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Alessia Piccioni - Redazione Cultura
Data: 14/02/2020
La violenza non è mai amore: l’appello nel giorno di San Valentino

In occasione della Festa degli Innamorati, l’Avvocato Ruggiero invita le donne a ricordare il valore di questo sentimento, fuggendo da situazioni violente...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 11/02/2020
Festival del Fundraising 2020: contro muri e intolleranza

L’edizione 2020 - che si svolgerà sulle sponde del Lago di Garda dal 13 al 15 maggio – fa una scelta forte e chiara in questo senso...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 08/02/2020
Sanremo 2020: la classifica dei cantanti più cliccati sul Web

È interessante notare come le prime posizioni della classifica siano occupate cantanti molto giovani, tutti sotto i 30 anni: Elettra Lamborghini ha appena 25 anni, mentre Achille Lauro e Elodie ne hanno 29. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 08/02/2020
Associazioni dei pazienti e conflitti di interesse

Una metanalisi condotta da ricercatrici dell’Istituto farmacologico Mario Negri di Milano e di altri centri australiani e canadesi conferma l’influenza dell’industria nelle associazioni di pazienti.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -