Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Operazione Rouge et Noir: Cassazione conferma sequestro di 215 milioni per Francesco Corallo

Operazione Rouge et Noir: Cassazione conferma sequestro di 215 milioni per Francesco Corallo
Autore: Redazione Cronaca
Data: 09/10/2019 13:38:18

La Corte di Cassazione ha confermato il sequestro preventivo di oltre 215 milioni di euro disposto a novembre 2016 dal Tribunale del riesame di Roma nei confronti di Francesco Corallo, azionista di riferimento di Atlantis/Bplus, accusato dalla Procura di Roma di riciclaggio, peculato, sottrazione fraudolenta di imposte e associazione a delinquere nell’ambito dell’operazione "Rouge et Noir". Si tratta dell’inchiesta che a dicembre del 2016 aveva portato all’arresto dell’imprenditore e al coinvolgimento di altre dieci persone, tra cui anche l’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini e sua moglie Elisabetta Tulliani.

 

La difesa di Corallo aveva chiesto la riduzione dell’importo sequestrato a poco più di 99 milioni, sulla base «dei successivi rientri di somme di denaro dall’estero per far fronte ai pagamenti fiscali e del Preu».

 

Una tesi infondata - secondo il Collegio della Sesta sezione penale. «Il delitto di associazione per delinquere - scrive la Cassazione - è idoneo a generare un profitto in via del tutto autonoma rispetto a quello prodotto dai reati fine».

 

Come riporta Agipronews, nel caso di Corallo il Tribunale «ha dato conto adeguatamente» dell’esistenza dell’associazione transnazionale, «promossa dal ricorrente e finalizzata alla commissione di reati di peculato, sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte e riciclaggio, con appropriazione di ingenti somme di denaro, corrispondenti al mancato pagamento dei tributi erariali, dovuti dalla società concessionaria Atlantis per l’attivazione della rete e gestione telematica del gioco», trasferendo «la liquidità illecita così accumulata dal 2004 al 2007 su conti esteri (olandesi ed inglesi) di altre società del Corallo», e compiendo «atti fraudolenti mediante trasferimento, tra il 2008 e il 2014, di oltre 150 milioni di euro dai conti correnti della stabile organizzazione italiana verso conti correnti inglesi di altre società del gruppo Corallo».

 

Il tribunale di Roma ha dunque compiuto una «puntuale ricostruzione» degli importi sottratti all’erario, dei trasferimenti all’estero e degli ulteriori trasferimenti e reimpieghi dei profitti illeciti. La Cassazione sottolinea in particolare il coinvolgimento di Corallo, «promotore e capo dell’associazione», che ha beneficiato dei profitti dell’organizzazione anche nei casi in cui non ha partecipato direttamente al loro conseguimento.

 

La ricostruzione della complessa galassia societaria di Corallo e le somme illecite guadagnate rendono quindi irrilevante il  pagamento rateale delle imposte evase. «Non solo detto pagamento successivo attesta la sussistenza dei reati tributari contestati e la consapevolezza di averli commessi - continua la Cassazione -  ma proprio il ritardato pagamento non incide né sulla sussistenza dei reati né intacca il profitto già conseguito dall’associazione».

 

Il Tribunale del Riesame aveva precisato che la rateizzazione e il successivo, parziale pagamento delle rate «ha a oggetto debiti di varia natura, maturati nel corso di diversi anni», e che per questo non può essere stabilito con precisione «in che misura il debito sia stato ridotto». Secondo la Cassazione, dunque, «risulta esaustiva e giuridicamente corretta la valutazione del Tribunale» sul sequestro dei 215 milioni. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/10/2019 19:54:56

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 19/10/2019 07:52:01
Felice Maniero torna in cella: maltrattamenti alla compagna

Felice Maniero, ex boss della mala del Brenta, viveva da tempo a Brescia con un nuovo nome.

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 19/10/2019 07:12:51
Politica e credibilità

Si può definire la credibilità come la capacità della autorità  politica di convincere le persone che gli impegni presi saranno mantenuti e che, quindi, le loro azioni future saranno coerenti con gli annunci fatti in precedenza.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 06/10/2019 07:43:55
Cosenza: incidente frontale causa la morte di 4 giovani e il ferimento di due persone

Due automobili, una  Volkswagen Polo e una Citreoen C3, si sono scontrate frontalmente nei pressi del chilometro 25+500 della strada statale 107, all'altezza degli svincoli di Paino Montello e Surdo. I quattro ragazzi che sono deceduti si trovavano a bordo della Volksvagen. 

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 04/10/2019 18:27:01
Trieste: conflitto a fuoco davanti alla Questura. Morti due agenti

Da quanto si apprende da testimoni, ad aprire il fuoco sparando due colpi a bruciapelo contro i poliziotti, sarebbe stato un uomo, che è stato ritenuto responsabile di una rapina avvenuta questa mattina

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -